HomeBUONO A SAPERSIUna protesi per la retina, in 40 riacquistano la vista

Una protesi per la retina, in 40 riacquistano la vista

Sono ormai una quarantina i pazienti italiani che, grazie all’impianto di una protesi retinica, hanno riacquistato una nuova capacità visiva, che ha permesso loro di aumentare notevolmente la qualità della propria vita.
Grazie a una tecnica innovativa, queste persone, affette da retinite pigmentosa, hanno potuto ritrovare la “vista”.

Lo mettiamo tra virgolette, perchè si tratta di una vista diversa da quella naturale, ma comunque in grado di regalare ai pazienti una discreta autonomia.

L’impianto di protesi retinica è stato sperimentato con successo sugli animali e successivamente è stato applicato, sempre con successo, sull’uomo.
La retinite pigmentosa è una malattia che colpisce in Italia oltre 20.000 persone e 167.000 in Europa.
Si tratta di una patologia rara, genetica e degenerativa: i sintomi possono manifestarsi già durante l’adolescenza, ma i problemi più gravi problemi in età adulta con una progressiva perdita della vista notturna e in condizioni di poca luminosità.

Successivamente si perde la vista periferica e negli stadi avanzati si può arrivare a una cecità completa.
Come funziona la protesi retinica? Tecnicamente è molto complesso: la protesi, impiantata con intervento chirurgico, è un dispositivo di neurostimolazione in grado di bypassare le cellule fotorecettrici danneggiate e stimolare le rimanenti cellule retiniche vitali.

Grazie ad una piccola videocamera posta sugli occhiali in dotazione al paziente, Argus II cattura e converte le immagini in una serie di piccoli impulsi elettrici, che vengono trasmessi in modalità wireless ad una matrice di elettrodi impiantati sulla superficie della retina. Tali impulsi hanno lo scopo di stimolare le cellule rimanenti della retina, con conseguente creazione di motivi di luce che vengono trasmessi dal nervo ottico al cervello.

Insomma, si può davvero parlare di una “vista a pixel”, non esattamente identica quella naturale, che però permette, nella prima fase, di distinguere luci e ombre.
La convalescenza e la “rieducazione” post-operatoria sono fondamentali: in questo modo la riabilitazione consentirà ai pazienti di tramutare il gioco ombre-luci in una visone sempre più precisa, riuscendo a percepire discretamente i contorni degli oggetti, i visi delle persone. Una vista ridotta, certo, che comunque sarà sempre meglio di una completa cecità, perché permette di acquistare molta autonomia nella vita di tutti i giorni, sia pratica che sociale e anche affettiva.
Dal momento che non tutti i soggetti risultano idonei a questo trattamento, tra l’altro molto costoso, e che la riabilitazione post-operatoria è decisamente intensa, lunga e impegnativa per il paziente, ancora non si può gridare al miracolo, anche se la scienza ha fatto passi da gigante in questo senso.

L’impianto di queste protesi è molto costoso e richiede la disponibilità di ospedali attrezzati e medici formati. Si tratta inoltre di un intervento che viene effettuato in convenzione per il momento solo in poche regioni: in Toscana, dove sono stati eseguiti ben 30 interventi, in Lombardia e in Veneto.

Per informazioni sulla retinite pigmentosa e le protesi, si può chiamare il numero verde 800 879 697.

 


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Positivo al Covid lo trovano a Sesto, denunciato 45enne di Bollate: “Vado a fare...

Positivo al Covid viene trovato a 20 chilometri da casa. Per questo un 45enne di Bollate è stato denunciato a Sesto San Giovanni. Si...

Covid Lombardia, brusca frenata dei contagi, tasso di positività dimezzato in 12 giorni

Brusca frenata dei contagi in Lombardia. Il dato fornito oggi dalla Regione segna un tasso di positività dell’ 11,8% sui 319.123 tamponi effettuati, ovvero...

Bollate, a lezione di impresa con il progetto “Cultura in Bolla”

Da febbraio prenderà il via a Bollate "CULTURA IN BOLLA", il progetto finalizzato a favorire l’occupazione, l’inclusione sociale e la creazione d’impresa nei quartieri...
Garbagnate chiesa ex ospedale

Garbagnate, ripulita la chiesa devastata dell’ex ospedale | FOTO

E' stata ripulita la chiesa devastata dell’ex ospedale di Garbagnate. L’ex ospedale di Garbagnate, lo abbiamo scritto più volte, sta purtroppo andando in rovina a...

Paderno, l’omaggio a Gae Aulenti: la biblioteca punta al restyling green. “Così il futuro...

La biblioteca Tilane di Paderno Dugnano punta a un restyling da mezzo milione di euro. La giunta Casati candida il progetto ‘Tilane idee senza confini’...
scuola ultimo giorno

Bollate: arriva un nuovo spazio “gioco e compiti”, l’iniziativa di QR-Lab per il doposcuola

Da martedì 25 gennaio a Bollate prenderà il via la nuova iniziativa di QR-LAB Laboratorio di Rigenerazione urbana di Quartiere destinata ai bambini e...
banditi rapinano hotel

Tre banditi rapinano un hotel e bruciano l’auto a Cormano

Tre banditi rapinano un hotel e bruciano l’auto a Cormano Passano da Cormano le indagini su una clamorosa rapina commessa la sera di sabato scorso...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !