Home BUONO A SAPERSI Hikikomori: un malessere che dilaga tra i giovani italiani

Hikikomori: un malessere che dilaga tra i giovani italiani

Hikikomori, letteralmente “stare in disparte, isolarsi”, deriva dalle parole hiku “tirare” e komoru “ritirarsi” ed è un termine giapponese usato per riferirsi a coloro che hanno scelto di ritirarsi dalla vita sociale, spesso cercando livelli estremi di isolamento e confinamento.
Uno stile di vita, adottato soprattutto da adolescenti e giovani e che spesso sfocia nel patologico, che se fino a pochi anni fa era diffuso principalmente in Giappone, oggi è sempre più diffuso anche in Italia.
Gli adolescenti, è ben noto, hanno sempre avuto la tendenza a isolarsi, soprattutto dalla famiglia. Se fino ai 10 anni erano “sempre tra i piedi”, dagli 11, 12 anni in poi passano molto tempo nella loro stanza e a malapena riuscirete a strappare loro una conversazione degna di questo nome.
Questi atteggiamenti, così come quelli di “ribellione” alle regole familiari sono ormai ritenuti normali (naturalmente entro un certo limite) e parte integrante del percorso di crescita dei più giovani, che devono “staccarsi” dalla famiglia per sviluppare la propria identità e personalità e divenire a loro volta adulti.

Il fenomeno degli Hikikomori è invece molto diverso. Si parla di giovani e giovanissimi che spesso hanno abbandonato la scuola, che non lavorano e nemmeno cercano un lavoro e trascorrono tutte le giornate chiusi in casa, spesso dormendo durante il giorno e guardando la Tv, navigando in Internet o giocando al pc, durante la notte. Un isolamento quasi totale, tenendo conto che questi giovani spesso evitano anche le chat e tutti i contatti, anche virtuali, con il mondo esterno. La scuola, se la frequentano, è vista e vissuta con paura, indipendentemente dal rendimento.
I primi casi italiani sono stati diagnosticati già nel 2007, e da allora il fenomeno ha continuato a crescere e, seppure con numeri diversi da quelli giapponesi, a diffondersi.

Ad oggi non si sa con precisione quanti giovani soffrano di questa “sindrome da isolamento”, ma si stima che, se in Giappone si arriva a un milione di casi, in Italia gli Hikikomori siano almeno 20-30 mila, mentre in Francia si sarebbe già arrivati alla soglia degli 80 mila.

Le cause di questa patologia sono molteplici: la forte pressione sociale e famigliare all’auto realizzazione e al perfezionismo quasi esasperato, la paura della competizione con i compagni, la paura del confronto con l’altro sesso, il timore provato verso un futuro, lavorativo e famigliare, sempre più incerto e precario.
La diffusione di Internet ha sicuramente accentuato questo fenomeno, ma, secondo gli studiosi, i casi di isolamento volontario sono sempre esistiti, un po’ come è sempre esistita l’anoressia, anche nel 1800, quando non c’erano certamente modelle filiformi e i canoni di bellezza femminile erano decisamente diversi da quelli odierni.
Insomma, si tratta di una vera patologia, che ha molti punti in comune con la depressione vera e propria, ma anche caratteristiche esclusive.

Se temete che i vostri ragazzi siano Hikikomori non perdete tempo e rivolgetevi a uno specialista. Perché purtroppo sono proprio i ragazzi che rischiano di perdere tempo, anni preziosi e fondamentali per la loro formazione, non solo quella scolastica e lavorativa, ma soprattutto quella personale, affettiva e sociale, in un’età che dovrebbe essere quella della sperimentazione, del confronto col prossimo e della costruzione della propria vita. Per approfondire il tema potete consultare il sito dell’associazione Hikikomori Italia qui


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Gianni Rodari insegnò a Uboldo: conservato qui uno dei suoi quaderni

Nel centesimo anno dalla nascita di Gianni Rodari, celebrato ieri, si riscopre il forte legame di Uboldo col famoso scrittore di libri per bambini. Un...
donna computer mail

Brugherio, quasi 2 anni di mail oscene ad una coppia e ai loro amici,...

Due anni di insulti a sfondo sessuale inviati a una coppia di coniugi e a loro colleghi e conoscenti: i carabinieri di Brugherio sono...

Covid, l’appello del sindaco di Cislago ai ragazzi: “Aiutateci, rinunciate a divertimento e socialità”

In questo periodo d’impennata dei contagi da Covid-19, il sindaco di Cislago Gianluigi Cartabia si appella ai giovani: “Aiutateci. i vostri bis bisnonni avevano...
PRIMA PAGINA NOTIZIARIO

Covid, numeri impressionanti, mentre mancano vaccini e medici; a Saronno caso di Tbc a...

Apertura inevitabilmente dedicata all’emergenza sanitaria anche questa settimana per il notiziario: la situazione è critica anche perché non ci sono ancora i vaccini antinfluenzali...

Dopo Saronno ci prova Caronno: in arrivo raffica di “Zone 30”

Dopo la sperimentazione non proprio felice di Saronno, dove il limite di 30 all’ora aveva creato una valanga di contestazioni, ci prova Caronno Pertusella:...
sesto droga tangenziale

Sulla Tangenziale Nord con 115 kg di hashish in auto, 25enne arrestato

I carabinieri di Bresso hanno arrestato ieri un 25enne albanese fermato sulla Tangenziale Nord alla guida di un’auto con 115 kg di droga a...
snam Covid 19

Covid: l’incendio è scoppiato, ecco i numeri della nostra zona

La seconda ondata della pandemia è arrivata anche nei nostri comuni. Settimana scorsa scrivevamo che stava arrivando, ora possiamo affermare che è arrivata, perché...
PRIMA PAGINA NOTIZIARIO
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !