Home BUONO A SAPERSI Parti cesarei: per l'Oms in Italia sono troppi

Parti cesarei: per l’Oms in Italia sono troppi

La gravidanza, e il parto, dovrebbero essere tra gli eventi più naturali del mondo.

Per le donne, ma anche per i papà dei bambini.
Purtroppo però, negli ultimi anni anni si è assistito a una sempre più diffusa “medicalizzazione” della gravidanza e del parto, con un crescente aumento di parti cesarei, veri e propri interventi chirurgici, spesso non necessari per la salute del neonato e della neo-mamma.
A porre l’attenzione sull’argomento è stata addirittura l’Organizzazione mondiale della sanità.
Proprio l’Organizzazione mondiale della sanità ha diffuso nuove linee guida per il parto, che eliminano l’enfasi sulla quantità di tempo in cui dovrebbe avvenire un parto naturale “normale”. Eh, insomma – e chi scrive è donna e mamma – per restare nei “parametri”, quando partoriamo, dovremmo avere circa 1 centimetro di dilatazione ogni ora (linee guida degli anni ’50) altrimenti il cesareo si renderebbe necessario.

Perché? per una questione di tempo e denaro. Chiunque abbia avuto un figlio sa che il tempo di travaglio, e il parto vero e proprio, sono questioni molto soggettive: in assenza di problemi di posizionamento del bambino, o di salute della madre e del bambino, ogni donna, e anche ogni gravidanza per la stessa donna, comportano tempi diversi.

Secondo l’Oms, l’aumento della medicalizzazione del parto ha portato a interventi non sempre necessari. Queste procedure sono diventate “dilaganti” in molti paesi. In più: vengono utilizzati farmaci che accelerano il travaglio, le contrazioni e il parto, come l’ossitocina, anche quando non sarebbe realmente necessario.
L’Oms ha insomma “bacchettato” l’Italia, perché la pratica del taglio cesareo è passata da circa il 10% all’inizio degli anni Ottanta al 37,5% nel 2004, percentuale che si e’ rimasta invariata fino al 2015.

L’Oms afferma che alcuni parti cesarei saranno sempre necessari, ma non dovrebbero superare il 15% in qualsiasi paese. Nelle nuove linee guida, oltretutto l’Oms dice che la soglia di 1 cm all’ora di dilatazione “non è realistica”.

Quindi negli ultimi anni si è assistito a un aumento dei parti con taglio cesareo con conseguente medicalizzazione della nascita. I motivi sarebbero dovuti anche all’età sempre più avanzata delle donne che hanno il primo figlio.
Le conseguenze dell’aumento di richieste di parto cesareo hanno portato naturalmente a un aumento dei costi per il Sistema sanitario nazionale, in quanto un cesareo costerebbe alla struttura il 36% in più rispetto a un parto naturale.

Il costo include la remunerazione dell’equipe, dell’intervento, della degenza più lunga della madre e i farmaci necessari. Il parto cesareo può sempre essere richiesto dalla donna, anche quando le condizioni cliniche non lo renderebbero necessario.

Purtroppo rimane alla discrezione del medico consigliare la futura mamma in merito alla questione. Ricordiamoci che in una struttura pubblica il costo dell’intervento è ricoperto dal Servizio sanitario nazionale. Ed è proprio qui che nascono le polemiche: favorire gli interventi per avere un rimborso maggiore?
Ricordiamo anche che una donna che abbia effettuato un cesareo al primo parto, difficilmente potrà avere un secondo parto naturale, oltre a poter incorrere in un più alto rischio di aborti spontanei nelle eventuali successive gravidanze.

Naturalmente il parto cesareo è una pratica che si rende necessaria in presenza di determinate condizioni, che potrebbero mettere a repentaglio la salute della madre e del bambino. Ma se anche l’Oms ha reputato che in Italia l’intervento è diventato un po’ troppo di routine, e senza motivo, un motivo ci sarà. E ci auguriamo che non sia solo il rimborso del Sistema sanitario nazionale che le strutture percepiscono, a fare la differenza.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Covid, a Gerenzano un decesso e 36 positivi in due giorni

Un cittadino di Gerenzano non ce l'ha fatta: è morto per coronavirus, facendo salire a tre le vittime del paese dall'inizio della pandemia.   "A nome...

Coronavirus, scuola media di Cislago in quarantena per 14 giorni

In seguito ai dati allarmanti delle ultime settimane, l'Ats Insubria ha dato l'ok per la chiusura della scuola media Aldo Moro di Cislago. La...

Tram Limbiate – Milano, da lunedì servizio bus gestito da Air Pullman

Già da giovedì sera, sulla linea Limbiate – Milano al posto dei tram di Atm circolano i bus di Air Pullman e da lunedì...

Ipotesi lockdown per la Città metropolitana di Milano: spostamenti vietati e chiusure

Spostamenti vietati e chiusure delle attività ritenute "non essenziali". La città metropolitana di Milano va verso un lockdown mirato per contenere i contagi da...

Covid, primi hotspot in Brianza anche a Varedo e Limbiate

Dopo l’avvio nel Bresciano, tocca alla Brianza, con l’apertura a Varedo da lunedì, poi seguiranno Limbiate, dove è già operativo anche un centro tamponi...

Omicidio in ospedale a Garbagnate, l’infermiere killer lavora al Sacco. La Vita in diretta...

Lavora al Sacco di Milano, quello che è già stato ribattezzato come infermiere killer. Una storia choc i cui contorni non sono ancora pienamente...
prima pagina notiziario

Omicidio in ospedale a Garbagnate; 15enne muore investito a Rovello | ANTEPRIMA

Questa settimana apriamo il notiziario con la notizia di un omicidio commesso all’interno dell’ospedale di Garbagnate Milanese: secondo quanto ricostruito dai carabinieri, un infermiere...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !