Home BUONO A SAPERSI In centro a Milano, arriva l'"ostello a capsule"

In centro a Milano, arriva l'”ostello a capsule”

Le famose honeycomb, le micocamere insonorizzate per dormire qualche ora in aeroporto, come per esempio a Malpensa e Orio al Serio, arriveranno a breve anche in centro a Milano e più precisamente vicino a Corso Buens Aires, in via Giorgio Jan, verso la metà del prossimo mese di aprile.

Le minuscole honeycomb, chiamate così perché ricordano le cellette degli alveari, saranno 100 e saranno inserite in un complesso sviluppato in verticale, per un totale di circa 1.100 metri quadri, su cinque piani, di cui quattro come dormitorio e un piano destinato alle aree comuni.

L’idea di esportare questo sistema, molto diffuso nei paesi asiatici, dall’aeroporto al centro di una città è nata per incrementare il turismo locale e l’indotto economico che questo comporta. Ostelzzz, il nome del progetto nasce dall’intuizione di tre giovani, che nel 2014 hanno avvitato “Zzzleep and go”, realizzando queste micro camere ad uso dei passeggeri degli aeroporti. E ora la voglio riproporre anche in città.

Naturalmente gli spazi saranno molto ridotti (se siete claustrofobici lasciate perdere) ma saranno decisamente funzionali e hi tech. Saranno infatti presenti, oltre naturalmente a un comodissimo letto, un sistema di insonorizzazione, luci a led, uno schermo piatto con collegamento a internet per connettersi ai principali social network e chiaramente un sistema di ventilazione meccanica per cambiare l’aria.
Ogni sei cabine sarà poi disponibile un bagno.

La novità interessante di questo progetto è quella di voler rivisitare le classiche honeycomb secondo il classico spirito di un ostello, che tende a favorire i contatti e la condivisione tra gli ospiti, che in questo caso ci si aspetta siano principalmente turisti.
Oltre alla presenza di uno spazio comune dove poter socializzare, chi usufruirà di questo servizio avrà anche la possibilità di mettersi in contatto con gli altri ospiti attraverso i social, dove condividere, attraverso la creazione di eventi, idee per trascorrere il tempo: suggerire un ristorante, una mostra, uno spettacolo teatrale per esempio, in modo da informare gli altri ospiti ma anche di poter stringere nuove conoscenze, facendo qualche cosa insieme, proprio come negli ostelli tradizionali.

Gli ideatori del progetto hanno poi intenzione di proporre le microcamere anche in altre città turistiche, non solo italiane, ma anche nelle principali mete europee.
Insomma, gli spazi contenuti, e a quanto sembra anche i costi per gli utenti, potrebbero davvero portare una piccola rivoluzione nel mondo del turismo, con questa versione innovativa e tecnologica del “caro e vecchio ostello”.



Caro lettore, dall’inizio dell’emergenza Covid-19 abbiamo subito un pesante crollo delle entrate pubblicitarie, che rappresentano da sempre un’importante entrata per sostenere il lavoro della redazione del Notiziario che realizza questo sito e il settimanale del venerdì in formato cartaceo o sfogliabile digitale.
Per garantire un’informazione quanto più possibile puntuale e autorevole dal nostro territorio, sono al lavoro giornalisti, liberi professionisti, che vedono fortemente minacciati i loro compensi dall’improvvisa diminuzione dei ricavi pubblicitari. Se apprezzi il nostro lavoro, ti chiediamo, se ti è possibile, di contribuire acquistando l’edizione sfogliabile del nostro settimanale (CLICCA QUI) oppure con una piccola donazione, seguendo i pulsanti qui sotto.
Bastano pochi clic, in totale sicurezza, con carta di credito o Paypal. Grazie.

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Cislago, sorgenti luminose per tutelare meglio i pedoni alla rotonda

Per la prima volta nel Saronnese, approda a Cislago il progetto “Pedone Smart”: l’illuminazione dei passaggi pedonali con speciali luci che non abbagliano e...

Ikea ci riprova con Rescaldina, al posto di un pezzo di Auchan

Dopo il "no" ricevuto nel 2014 dal Comune sull'accordo di programma aperto da Regione Lombardia, Ikea torna a Rescaldina, ma stavolta l'obiettivo è diverso:...

Caronno, il Politecnico di Milano disegna il futuro della Casa del Fascio

Il Politecnico di Milano farà uno screening della vecchia Casa del Fascio di Caronno Pertusella, per accertare lo stato dell’immobile e la fattibilità di...
De Rosa Morricone

“Ho raccontato Morricone, per ricordarlo come merita”, da Solaro le parole di De Rosa

Nell’immensa eredità culturale lasciata dal maestro Ennio Morricone, spentosi a Roma, all’inizio della settimana, all’età di 91 anni, c’è sicuramente il racconto della sua...
Bollate mascherine parlamento europeo

Da Bollate al Parlamento europeo: ecco le mascherine con i colori dell’Inter di Tina

Le maschere nerazzurre di Tina, da Bollate, arrivano fino al Parlamento Europeo. In questi tempi di pandemia, molte piccole aziende o artigiani hanno riconvertito le...
Gerenzano Tigros pubblicità Oreall

Gerenzano: si gira al supermercato Tigros la nuova pubblicità della L’Oréal

Ciak si gira… al supermarket Tigros la nuova pubblicità della L’Oréal Spot. Per ringraziare i lavoratori impegnati durante l'emergenza Covid. L’Oréal, gruppo francese leader mondiale nel...
ceriano droga

Ceriano, pistola e droga sottoterra, nuova scoperta col metal detector | FOTO

I volontari che stanno setacciando l'ex bosco della droga di Ceriano Laghetto con il metal detector, hanno portato alla luce all'inizio di settimana tre...
prima pagina Notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !