HomeBUONO A SAPERSIIl Comune può sospendere l'autorizzazione alla Sala slot che non rispetta gli...

Il Comune può sospendere l’autorizzazione alla Sala slot che non rispetta gli orari

 I Comuni sono legittimati a limitare gli orari di funzionamento degli apparecchi da gioco, ma soprattutto hanno facoltà di revocare o sospendere l’autorizzazione delle sale da slot che non rispettano tali limiti. Così chiarisce la Agipro in base a quanto ha stabilito il Consiglio di Stato nella sentenza che – fa sapere Agipronews – ha respinto l’appello della Invest Gaming, titolare di una sala bingo a Mantova. Alla società – il cui ricorso era già stato bocciato dal Tar Lombardia – era stato ordinato dal Comune uno stop di cinque giorni al funzionamento degli apparecchi, in seguito a ripetute violazioni del regolamento.

Un provvedimento che, secondo il Collegio, è legittimo: i poteri sanzionatori “pesanti” previsti dalla legge, generalmente attribuiti alle Questure, possono essere affidati anche ai Comuni «in presenza di violazione delle discipline specifiche che attengono alla tutela degli interessi pubblici diversi da quello dell’ordine della sicurezza pubblica». Così è in questo caso: la Invest Gaming era stata multata quattro volte per la violazione dei limiti orari disposti per la prevenzione della ludopatia (l’attività è concessa dalle 9 alle 12 e dalle 18 alle 23) prima di essere sanzionata con la sospensione della licenza. «Un tale abuso si connette non a questioni attinenti all’ordine o alla sicurezza pubblica, bensì a quegli altri interesse pubblici generali tutelati dall’autorità comunale mediante il rilascio dell’autorizzazione», scrivono ancora i giudici della Quinta sezione.

Per il Consiglio di Stato, la possibilità di fermare l’attività di una sala diventa fondamentale per garantire il rispetto dei regolamenti come quello di Mantova: «A nessuno sfugge che, se tutto si riducesse e si limitasse alla sanzione pecuniaria, sarebbe agevolata una logica strettamente economica del rapporto costi/benefici». In questo modo,  «il titolare di sala giochi o degli apparecchi con vincite in danaro sarebbe facilmente indotto ad assumere il rischio e il relativamente tenue costo per la violazione dell’ordinanza sindacale consistente nel solo pagare la sanzione amministrativa (di importo mediamente assai contenuto) a fronte di un più elevato guadagno derivante dall’utilizzo della sala gioco o dal funzionamento degli apparecchi da gioco».

Deve quindi essere «riconosciuta la necessità» che la ripetuta violazione dei limiti orari «sia accompagnata da una misura ulteriore e diversa dalla sanzione pecuniaria: una misura, cioè, di cura diretta dell’interesse pubblico, che prescinda dal soggetto e che guardi all’oggetto, e che vada ad incidere direttamente e immediatamente sull’attività sospendendola per un tempo ragionevole, adeguato e idoneo».


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Grave incidente tra Ceriano e Rovello, tre feriti in un frontale | FOTO

È di pochi istanti fa l'incidente che si è verificato sulla Sp31, strada provinciale che da Ceriano Laghetto porta a Rovello Porro. Si...

Monza e Brianza, 380mila euro per migliorare sicurezza e impianti di videosorveglianza

"Migliorare la sicurezza sui territori, anche con con la realizzazione di nuovi impianti di videosorveglianza". È questo uno degli obiettivi fondamentali di Regione Lombardia...

Caronno: scoperta serra di marijuana in casa, 48enne ai domiciliari

Aveva allestito alcune stanze di casa come serre, con tanto di lampade solari, per la produzione di marijuana: è così finito in manette un...
Limbiate Istituto via pace

Limbiate, 26 insegnanti in isolamento nell’Istituto comprensivo di via Pace

A Limbiate ci sono 26 docenti in isolamento fiduciario nell'istituto comprensivo di via Pace. Sono 13 maestre della primaria di via Pace e 13...

Busto Arsizio, incidente sul lavoro: operaio 49enne muore schiacciato da un tornio

Nella mattinata di oggi, mercoledì 5 maggio, Christian Martinelli, operaio di 49 anni di Sesto Calende, è morto dopo essere rimasto schiacciato da un'enorme...
Bollatese Teva Nerviano lavoratori

La Teva di Nerviano chiuderà: molti lavoratori a rischio anche a Bollate e dintorni

Annunciata la chiusura della Teva di Nerviano: ci lavorano anche molti residenti del Bollatese. La Teva Italia di Nerviano chiuderà nel 2022, lasciando a casa...

Lombardia, approvata in consiglio regionale una mozione contro il coprifuoco

Nella giornata di oggi, martedì 4 maggio, il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato una mozione avanzata dal centrodestra circa l'abolizione del coprifuoco in...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !