HomeBUONO A SAPERSIIl Comune può sospendere l'autorizzazione alla Sala slot che non rispetta gli...

Il Comune può sospendere l’autorizzazione alla Sala slot che non rispetta gli orari

 I Comuni sono legittimati a limitare gli orari di funzionamento degli apparecchi da gioco, ma soprattutto hanno facoltà di revocare o sospendere l’autorizzazione delle sale da slot che non rispettano tali limiti. Così chiarisce la Agipro in base a quanto ha stabilito il Consiglio di Stato nella sentenza che – fa sapere Agipronews – ha respinto l’appello della Invest Gaming, titolare di una sala bingo a Mantova. Alla società – il cui ricorso era già stato bocciato dal Tar Lombardia – era stato ordinato dal Comune uno stop di cinque giorni al funzionamento degli apparecchi, in seguito a ripetute violazioni del regolamento.

Un provvedimento che, secondo il Collegio, è legittimo: i poteri sanzionatori “pesanti” previsti dalla legge, generalmente attribuiti alle Questure, possono essere affidati anche ai Comuni «in presenza di violazione delle discipline specifiche che attengono alla tutela degli interessi pubblici diversi da quello dell’ordine della sicurezza pubblica». Così è in questo caso: la Invest Gaming era stata multata quattro volte per la violazione dei limiti orari disposti per la prevenzione della ludopatia (l’attività è concessa dalle 9 alle 12 e dalle 18 alle 23) prima di essere sanzionata con la sospensione della licenza. «Un tale abuso si connette non a questioni attinenti all’ordine o alla sicurezza pubblica, bensì a quegli altri interesse pubblici generali tutelati dall’autorità comunale mediante il rilascio dell’autorizzazione», scrivono ancora i giudici della Quinta sezione.

Per il Consiglio di Stato, la possibilità di fermare l’attività di una sala diventa fondamentale per garantire il rispetto dei regolamenti come quello di Mantova: «A nessuno sfugge che, se tutto si riducesse e si limitasse alla sanzione pecuniaria, sarebbe agevolata una logica strettamente economica del rapporto costi/benefici». In questo modo,  «il titolare di sala giochi o degli apparecchi con vincite in danaro sarebbe facilmente indotto ad assumere il rischio e il relativamente tenue costo per la violazione dell’ordinanza sindacale consistente nel solo pagare la sanzione amministrativa (di importo mediamente assai contenuto) a fronte di un più elevato guadagno derivante dall’utilizzo della sala gioco o dal funzionamento degli apparecchi da gioco».

Deve quindi essere «riconosciuta la necessità» che la ripetuta violazione dei limiti orari «sia accompagnata da una misura ulteriore e diversa dalla sanzione pecuniaria: una misura, cioè, di cura diretta dell’interesse pubblico, che prescinda dal soggetto e che guardi all’oggetto, e che vada ad incidere direttamente e immediatamente sull’attività sospendendola per un tempo ragionevole, adeguato e idoneo».


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Rapina col martello a Senago: incastrato dal tatuaggio e arrestato a Bollate

I carabinieri hanno arrestato a Bollate il rapinatore col martello, che aveva minacciato una cassiera del supermercato Ins’s di Senago. L’uomo di 44...

Puzza di fogna in mezza Caronno: “Siamo stufi!”

E’ polemica per i cattivi odori di fogna. “Chissà perché, in questo periodo sono fissati tutti coi piccioni, ma in realtà c’è un disagio...

Tokyo 2020, le lombarde Cesarini-Rodini oro nel canottaggio

Brilla l’Italia del canottaggio che al fotofinish ha conquistato la medaglia d'oro nel doppio pesi leggeri donne. Alle Olimpiadi di Tokyo 2020 la coppia...

A Caronno raffica di furti di biciclette. E qualcuno riconosce la sua per strada…

Due settimane fa è stato presentato il progetto “Fli”, promosso da Fnm, FerrovieNord e Trenord insieme con Regione Lombardia, che prevede la realizzazione di...

Lombardia, bus incendiato a Varenna. Il riconoscimento del Consiglio regionale a Mascetti e Lo...

Un lungo e affettuoso applauso di tutto il Consiglio regionale ha accolto Mauro Mascetti e Giovanni Lo Dato, ospiti questa mattina a Palazzo Pirelli nell’Aula del parlamento...

Uboldo, un euro a pizza per far tornare a sorridere Jessica

In questi giorni sono tutti mobilitati per aiutare Jessica Di Ciommo, la 28enne di Uboldo che si trova in stato vegetativo da quando è...

Rho, carabinieri inseguono auto che tenta di investirli, poi sparano per fermarla

I carabinieri di Rho hanno inseguito un veicolo in fuga e sparato per bloccarlo dopo che il conducente aveva speronato l’auto dei militari e...
prima pagina
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !