HomeBUONO A SAPERSIProva costume? A rischio l'autostima di un italiano su tre

Prova costume? A rischio l’autostima di un italiano su tre

Non solo ansia e apprensione, ma le rotondità del corpo che si scopre con l’arrivo della bella stagione possono aumentare l’insoddisfazione verso se stessi e influenzare il giudizio complessivo di sé. Ma arrivare in forma alla prova costume bastano sana alimentazione, corretta idratazione e giusta attività fisica.

La bella stagione è in arrivo ma ben un italiano su 4 (25%) dichiara di non sentirsi fisicamente ancora pronto e che le imperfezioni che si scorgono davanti allo specchio arrivano anche minare l’autostima (33%). E’ quella che gli esperti hanno definito “bikini blues”, ovvero provare sentimenti negativi nel vedersi imperfetti quando ci si scopre, allo specchio o in pubblico. Insieme al giudizio negativo possono sorgere anche apprensione (23%) e sconforto (21%) tali da diventare addirittura nervosi, ansiosi e intrattabili (52%). Indubbiamente il girovita (68%) è la prima zona che desta più preoccupazione. E visto che la bella stagione è già arrivata senza farsi annunciare, malgrado la stessimo aspettando, per correre ai ripari c’è chi aumenta il tempo che dedica a fare un po’ di movimento (43%) e chi si orienta verso il consumo di più acqua, frutta e verdura per purificarsi (37%).

E’ quanto emerge da uno studio di In a Bottle (www.inabottle.it) condotto con metodologia Woa (Web Opinion Analysis) su circa 3.000 italiani – donne e uomini tra i 20 e i 55 anni – attraverso un monitoraggio online sui principali social network, blog, forum e community, per capire come si preparano in vista della bella stagione.

Ma quanto si sentono fisicamente pronti gli italiani? A non vedersi pronta è una persona su 4 (25%). Il 51% delle donne si nota poco tonica mentre il 34% degli uomini si vede con qualche chilo in più.

Tra i motivi di questo ritardo c’è il non averci pensato per tempo anche a causa delle giornate pazzerelle che tardavano a far capire che la bella stagione stava per arrivare (47%), anche se non mancano quanti effettivamente ammettono di aver tralasciato la forma fisica durante l’inverno per semplice noncuranza (21%).

Non vedersi in forma può avere effetti negativi sotto la sfera emotiva? Certamente sì per un italiano su 3 (33%), che addirittura avverte un calo della stima personale. Questo causa poi una serie di conseguenze che vanno dal provare apprensione (23%) e sconforto (21%) fino al risultare intrattabili (52%) e antipatici (17%). Nel complesso, solo il 13% cerca di non farne un dramma e di darsi da fare per recuperare.

“Per intendere meglio la relazione che intercorre tra aspetto fisico e autostima, dobbiamo definire il concetto di immagine corporea – afferma la dottoressa Emanuela Napoli, psicologa dell’Istituto di Sessuologia Clinica di Roma – Essa è una rappresentazione carica di aspetti personali, affettivi, cognitivi ed esperienziali, in cui confluiscono quindi credenze, speranze e paure su sé stessi e su come pensiamo ci vedano gli altri. L’autostima è invece una valutazione realistica del concetto di sé, dei propri punti di forza e di debolezza. Sono diversi gli ambienti in cui essa si forma: il controllo sull’ambiente e il vissuto corporeo sono alcuni di questi. Nella società odierna è fortissimo l’investimento sul corpo. La rappresentazione di sé è sempre più veicolata da standard di perfezione fisica, corpi snelli e tonici, privi di imperfezioni. Non essere in grado di avvicinarsi a determinati standard può determinare un aumento della propria insoddisfazione, un sentimento di inadeguatezza del proprio corpo. Lo scarto tra “l’ideale” corporeo e come si pensa di essere può infatti sfociare in uno stato di preoccupazione o di ansia che nel tempo può minare l’autostima”.

La “prova specchio” disturba più dei commenti e degli sguardi altrui. Pancia, fianchi e cosce sono le zone che più danno apprensione e mettono in crisi l’autostima

 

Vedersi allo specchio (39%), commenti e sorrisi di chi passa a fianco (27%) sono le cose che più danno fastidio agli italiani in relazione alla loro forma fisica. Altri comuni fastidi provati dagli italiani sono il non poter indossare i vestiti dello scorso anno (22%), essere notati in una certa maniera (19%) e non vedere i risultati sperati (9%) malgrado l’impegno messo per ritrovare la perfetta forma.

Ma quale parte del corpo preoccupa di più? Per ben 7 italiani su 10 (71%) la zona che più suscita malessere è la pancia e gli uomini (81%) battono le donne (62%). Seguono le cosce (41%), i glutei (38%), i fianchi (35%) e le braccia (22%).

Attività fisica home-made e regime alimentare controllato sono i primi due aspetti che gli italiani curano per tornare in forma. Ma nell’alimentazione commettono ancora errori grossolani come mangiare poco o digiunare a oltranza.

Quali sono i rimedi che adottano per tornare alla perfetta forma fisica? Il 43% degli italiani fa attività fisica in casa o al parco mentre il 37% cerca di “consumare più acqua, frutta e verdura per purificarsi”. Il 15% cerca poi di non consumare alcool e alimenti ipercalorici mentre il 12% dichiara di imporsi una dieta ferrea per perdere subito peso. Non mancano poi coloro che pensano che per tornare in forma basta semplicemente mangiare meno (9%). Tra gli stimoli che invogliano a rimettersi in forma c’è innanzitutto il bisogno di vedersi più belli per acquisire più autostima (53%). Seguono poi il piacere dei complimenti che si possono ricevere (27%) e avere la possibilità di apparire più desiderabili (15%).

“Il modello alimentare da prediligere è quello della dieta mediterranea seguendo lo schema pratico e semplice della piramide alimentare, che vede alla base (gli alimenti da prediligere) acqua, cereali, frutta, verdura, legumi, frutta secca e olio d’oliva e poi in minor quantità pesce, formaggi e uova, e saltuariamente carne rossa – afferma il prof. Luca Piretta, Specialista in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva all’Università Campus Biomedico di Roma – Bisogna bere 2 litri di acqua al giorno che possono diventare anche 3 se si fa molta attività fisica e a temperature elevate. Il problema della prova costume è che si fa sempre troppo tardi e quindi ci si affida a rimedi drastici e poco salutari. Per questo occorre pensarci già a Natale!”.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Caronno, paura in piazza Pertini: precipitano le piastrelle del passaggio rialzato

Attimo di forte spavento stamattina, poco prima delle 9, in pizza Pertini a Caronno Pertusella quando diverse piastrelle si sono staccate dal passaggio pedonale...
limbiate william chiappa

Limbiate, tutta l’Italia in “Ciao” al via la sfida di William

Partenza da Predoi (Bolzano), il comune più a Nord d’Italia, arrivo a Porto Palo di Capo Passero, il comune più a Sud d’Italia (esclusa...

Paderno Dugnano, maxi rissa fra albanesi al Villaggio Ambrosiano: 30enne ferito da un coccio...

Ci sono due feriti nella maxi rissa scoppiata in mezzo alla strada nella periferia di Paderno Dugnano. Si conterebbero almeno una decina di persone...

Lombardia cambia ancora: ok al cambio vaccino dopo Astrazeneca. I dubbi di insegnanti...

La Regione Lombardia ha cambiato posizione nel giro di poche ore sul richiamo del vaccino AstraZeneca per le persone che hanno meno di 60...
Limbiate vaccino

Vaccino AstraZeneca, Lombardia sospende richiamo a chi ha meno di 60 anni, in...

In Regione Lombardia sono al momento sospesi i richiami per le persone con meno di 60 anni che hanno ricevuto il vaccino AstraZeneca come...

Paderno Dugnano, ponte chiuso tra Incirano e Nova Milanese: calcinacci sulla Milano-Meda

Chiuso il ponte della Milano-Meda tra Incirano e Nova Milanese. E' il secondo cavalcavia chiuso "in via precauzionale" a Paderno Dugnano in pochi giorno....
vaccino

Stop Astrazeneca per gli under 60: seconda dose con Pfizer o Moderna

Il vaccino Astrazeneca d’ora in avanti sarà somministrato solo a persone dai 60 anni in su. Lo ha stabilito una circolare del ministero della...
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !