Home BRIANZA Ferragosto in stazione con il sindaco, presidio antispaccio con Dante Cattaneo

Ferragosto in stazione con il sindaco, presidio antispaccio con Dante Cattaneo

Il presidio istituzionale in stazione, con sindaco (al centro seduto) vicesindaco e assistente sociale

Mare, montagna, lago? No, il sindaco di Ceriano Laghetto passerà Ferragosto in stazione, incontrando i cittadini che lo vorranno, con l’obiettivo di tenere lontani tossici e spacciatori.

Il Sindaco riceverà i cittadini anche durante il ponte di Ferragosto, ma lo farà…in stazione. Per tre giorni il primo cittadino Dante Cattaneo, trasferirà temporaneamente il suo ufficio nella stazione ferroviaria divenuta tristemente celebre soprattutto per la presenza di spacciatori e tossicodipendenti.

E’ l’edizione numero 7 dell’”Operazione mettiamoci la faccia”, che fu lanciata dallo stesso sindaco cerianese con l’obiettivo di stimolare un contatto sempre più stretto e diretto con i cittadini, affrontando a viso aperto i problemi del paese. Negli anni, durante l’estate, il sindaco è stato protagonista degli incontri serali nei quartieri, degli inviti a pranzo nelle famiglie con impegno a lavare i piatti, della visita ai cerianesi nei luoghi d’origine in cui tornano per la villeggiatura, del “casting” per la scelta dell’assessore, del lavoro nelle aziende agricole locali per consegnare il raccolto a famiglie in difficoltà. Quest’anno l’iniziativa si concentra sul problema dello spaccio di stupefacenti tra le stazioni ferroviarie della Saronno-Seregno, già oggetto di numerose segnalazioni ed azioni di protesta rivolte a prefettura e organi superiori dello Stato, per chiedere maggiore presenza e controllo.

Da martedì 14 a mercoledì 16 agosto, compresa la festività del 15, il Sindaco cerianese allestirà un ufficio distaccato tra la banchina della stazione ferroviaria e l’ingresso del Parco Groane, dove sbrigherà alcune pratiche, riceverà i cittadini che vogliono sottoporgli delle questioni e affiancherà anche eventuali volontari che vorranno dare una mano a tenere pulita la zona. Con lui ci saranno, a momenti alterni, anche la Polizia locale e l’assistente sociale, a disposizione dei cittadini e magari, come suggerito a suo tempo dal prefetto, eventualmente anche di chi frequenta questo luogo solo per vendere o acquistare droga. Ci sarà anche un mazzo di carte, così al limite, se qualcuno vuole, potrà anche unirsi al sindaco per una partita a briscola.

“Non intendo arretrare di un centimetro, nemmeno a Ferragosto, nella mia battaglia contro lo spaccio nel Parco delle Groane” -dice il sindaco Dante Cattaneo. “Mentre molti di quelli che mi criticano saranno a godersi le vacanze in qualche prestigioso luogo di villeggiatura, io sarò qui a fare il sindaco, incontrando i cittadini e occupandomi dei problemi di Ceriano, non dal solito ufficio in Municipio, ma direttamente in un luogo simbolo dell’arretramento dello Stato, che lo ha lasciato in balìa dei delinquenti. Io voglio che i cittadini si riprendano ciò che è loro. Questi boschi devono tornare luoghi da frequentare per tutti, senza paura. Voglio stare qui, pure a Ferragosto, per dare un segnale forte e rovinare la festa ai delinquenti che infestano il Parco”.

Il Sindaco sarà presente nella stazione Ceriano-Groane, situata in via Milano al Villaggio Brollo, con il suo ufficio itinerante, martedì 14 agosto dalle 15 alle 18, quando sarà presente anche l’ufficio dell’assistente sociale e quello della Polizia Locale, mercoledì 15 agosto, al mattino dalle 9 alle 12, quando è in programma anche una visita guidata alle vicine cascate del torrente Lombra a cura del Moto Club Ceriano e poi ancora giovedì 16, dalle 16 alle 19, per ricevimento cittadini e pulizia del bosco.



Caro lettore, dall’inizio dell’emergenza Covid-19 abbiamo subito un pesante crollo delle entrate pubblicitarie, che rappresentano da sempre un’importante entrata per sostenere il lavoro della redazione del Notiziario che realizza questo sito e il settimanale del venerdì in formato cartaceo o sfogliabile digitale.
Per garantire un’informazione quanto più possibile puntuale e autorevole dal nostro territorio, sono al lavoro giornalisti, liberi professionisti, che vedono fortemente minacciati i loro compensi dall’improvvisa diminuzione dei ricavi pubblicitari. Se apprezzi il nostro lavoro, ti chiediamo, se ti è possibile, di contribuire acquistando l’edizione sfogliabile del nostro settimanale (CLICCA QUI) oppure con una piccola donazione, seguendo i pulsanti qui sotto.
Bastano pochi clic, in totale sicurezza, con carta di credito o Paypal. Grazie.

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Bollate, spesa a turni con l’iniziale del cognome: Mattino 5 fuori dai supermercati

Mattino 5 arriva a Bollate per raccontare l'iniziativa della spesa in ordine alfabetico nella mattinata del turno che hanno iniziale dalla O alla R....

Coronavirus, omaggio di forze dell’ordine e sindaco a medici e sanitari dell’ospedale di Saronno...

Carabinieri, Guardia di Finanza, Vigili del fuoco e Polizia Locale di Saronno hanno voluto portare un messaggio di vicinanza e sostegno questa mattina agli...

Coronavirus, passeggiate con bambini: “In Lombardia vietate da ordinanza regionale”

"In Lombardia prevale la nostra ordinanza e quindi le passeggiate sono vietate". Lo dice il governatore Attilio Fontana a proposito della possibilità di fare...

Coronavirus: 11 morti e 26 positivi a Senago, 9 decessi e 33 contagi a...

Sono 11 le persone morte risultate positive al coronavirus a Senago. Lo rende noto la sindaca Magda Beretta in un aggiornamento sull'emergenza. Il totale...

Coronavirus: morto 80enne di Cislago, il cordoglio del sindaco

Nelle prime ore di mercoledì le autorità sanitarie hanno comunicato al sindaco Gianluigi Cartabia che un cittadino di Cislago, di 80 anni, ricoverato all’ospedale...
carabinieri posto blocco

Uboldo, trovato in giro, con droga, reagisce ai carabinieri: tripletta di un 25enne

Ieri pomeriggio, a Uboldo, i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Saronno hanno denunciato un giovane 25enne  residente in paese, che...

Coronavirus, Carta Bianca a Monza: quadruplicati posti in terapia intensiva

Dai 69 ricoverati per Covid 19 dell’8 marzo ai 450 del 29 marzo: in tre settimane l’ospedale San Gerardo di Monza ha visto aumentare...
prima pagina notiziarioil notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !