HomeEDITORIALIC'è da preoccuparsi?

C’è da preoccuparsi?

notiziarioIn queste settimane giornali e tv ci stanno bombardando di notizie sulla manovra economica e sul futuro della nostra economia: tra accuse e contro-accuse, spread che va in altalena e tanti “chi se ne frega”, non si capisce se dobbiamo preoccuparci davvero oppure no.

E allora cerchiamo di fare un po’ di chiarezza. C’è davvero da preoccuparsi? Un po’ sì, e lo sa bene anche chi ci governa.

Il Governo Conte ha realizzato una manovra indubbiamente innovativa ed è convinto che questa farà crescere il Prodotto interno lordo dell’Italia.

L’ipotesi è questa: è vero che saremo più indebitati, ma saremo anche più ricchi, per cui i parametri europei resteranno ad un livello accettabile.

Il problema è che, proprio perché è una manovra innovativa, nessuno sa dire con certezza cosa succederà: il debito crescerà di sicuro, perché da lì si attingono i soldi, ma la ricchezza (Pil) crescerà di pari passo o no?

Se non dovesse succedere, saranno guai.
E i guai si potrebbero avere già prima di avere questa risposta, perché l’Unione Europea non crede affatto che la ricchezza crescerà, per cui ha già bocciato la manovra e potrebbe decidere (prima volta nella storia della Ue) di infliggerci una multa che dovrebbe aggirarsi sui 10 miliardi di euro.

Il Governo a quel punto dirà “chi se ne frega, non la paghiamo”, ma la Ue può trattenere i 10 miliardi direttamente dai fondi che ogni anno gira all’Italia. A quel punto il Governo potrebbe decidere di non versare più il contributo annuale che l’Italia dà alla Ue, ma si metterebbe contro a tutti gli altri 26 Paesi dell’Unione Europea.

E a quel punto, secondo voi, chi vincerebbe?
C’è da preoccuparsi? Un pochino sì, e forse più di un pochino…

Piero Uboldi


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Garbagnate, investita dal Malpensa Express: morta una donna. Treni in ritardo tra Milano e...

Ritardi di un'ora per i treni in partenza da Milano Cadorna a causa dell'investimento di una donna all'altezza di Garbagnate Milanese. Sarebbe una donna...
Fontana Lombardia

Covid, la Lombardia resta zona gialla. Fontana: “Dobbiamo rimettere in moto l’economia e la...

Anche per la prossima settimana la Lombardia resterà in zona gialla. La decisione, presa nel consueto monitoraggio settimanale della cabina di regia di Iss...
sciopero treni

Trenord, sciopero dei treni il 30 gennaio: nessuna fascia di garanzia

Nuovo sciopero del personale di Trenord. Questa volta l'agitazione è in programma per domenica 30 gennaio. In Lombardia i treni regionali, suburbani e il...

Incidente a Cislago: investita sulle strisce, atterra l’elisoccorso

  Non si troverebbe in gravi condizioni la donna che questa mattina, dopo le 9.30, è stata travolta da un’auto sulla Varesina a Cislago....
prima pagina notiziario

Caos tamponi, famiglie disperate; Cusano, scomparso da un mese, indagini per omicidio | ANTEPRIMA

L’apertura del Notiziario del 28 gennaio è dedicata al caos tamponi che sta mettendo in difficoltà moltissime famiglie della nostra zona. Da Bollate a...
auto medica areu

Paullo, incidente sul lavoro, operaio folgorato da alta tensione in cima ad un ponteggio

Un nuovo gravissimo incidente sul lavoro in questo gennaio nero in Lombardia: a Paullo un operaio di 30 anni è rimasto folgorato dopo avere...

L’Ema ha dato l’ok per Paxlovid, la pillola anti-Covid di Pfizer

Nella giornata di oggi, giovedì 27 gennaio, l'Ema, l'Agenzia europea del farmaco, ha autorizzato l'immissione in commercio condizionale per il Paxlovid, la pillola anti-Covid...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !