Home SARONNESE Caronno: bando al pc, grandi e piccini riscoprono i giochi "di una...

Caronno: bando al pc, grandi e piccini riscoprono i giochi “di una volta”

Foto Franco Brambilla

Due caronnesi propongono ai bambini di scambiarsi figurine e giocare coi giochi in scatola, dimenticando per qualche ora il pc.

“La nostra città ha bisogno di rianimarsi, di movimentarsi un po’, e credo che proporre ai giovani i giochi di un tempo possa essere molto coinvolgente, oltre che istruttivo”.

Ne è convinto Franco Brambilla, molto attivo nel tessuto sociale, che intende organizzare sfide coi giochi in scatola.

“Inviteremo i genitori a tirarli fuori dalle cantine e a farli conoscere ai loro figli durante le feste che si potrebbero tenere in centro coinvolgendo il Comune – è la sua proposta – Penso al Quizzettone, al Gioco dell’Oca, alla tombola, a Forza 4… Ci giocavamo noi da piccoli, divertendoci un sacco: perché non farli conoscere anche ai nostri figli?”.

Tutti appiattiti sui giochi elettronici, sguardo fisso sullo schermo e mani che stringono i joystick.

E’ così che molti bambini e ragazzi passano tante ore della giornata, magari preferendolo all’aria aperta.

Forse anche perché non conoscono alternative, sport a parte, come per esempio i giochi di una volta: “Chissà, forse facendoglieli riscoprire, la smetteranno di stare chiusi in camera tutto il giorno”, esclama il caronnese.

Come le è venuta questa idea?

“Sentendo alla radio di una ragazza che ha aperto un bar coi giochi di una volta: adesso ha talmente tanti clienti che deve mandarli via…”.

Secondo Brambilla si potrebbe fra l’altro coinvolgere i commercianti e band di ragazzini, creando una sinergia che farebbe solo bene alla socialità.

“Caronno sta morendo. Si fa talmente poco per aggregare che, credo, questa iniziativa avrebbe grande successo”.

Ne è convinta anche la barista Paola La Rosa, che sabato scorso ha ospitato un’iniziativa unica nel suo genere: nel suo bar di via Adua ha accolto frotte di bambini che hanno potuto scambiarsi le figurine degli album di calcio o dei cartoni animati.

Hanno partecipato anche i piccoli che volevano scambiarsi i giochi da collezione, come animali o personaggi dei cartoni animati.

“Visto che in tanti vengono ad acquistare le figurine e restano delusi perché le hanno doppie, ho pensato di creare una bella occasione per scambiarsele – spiega la barista”.

Nel corso del pomeriggio sono stati riscoperti i giochi del passato, quando c’erano le indimenticabili sfide con le figurine Panini lanciate contro il muro o il più lontano possibile, attaccate a turaccioli o dischetti di plastica.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Luca Attanasio, l’addio di Limbiate al “suo” ambasciatore I VIDEO

"Ai miei amici, alle loro belle famiglie, ai piccoli e ai grandi" Risuonano le ultime parole di Luca Attanasio in un messaggio vocale inviato agli...

Auto si schianta contro un palo a Origgio, ragazzo salvo per miracolo

Si è salvato miracolosamente il giovane alla guida di un'auto che questo pomeriggio (27 febbraio) si è schiantato contro un palo della luce a...

Barlassina, Audi fuori controllo sfonda una recinzione | FOTO

Un uomo, questa mattina a Barlassina, ha perso il controllo dell’auto e ha demolito una recinzione infilandosi sotto le inferriate. L’incidente stradale si è...
Misinto civetta

Misinto, i pompieri di Lazzate liberano una civetta dal camino | VIDEO

I vigili del fuoco del distaccamento di Lazzate sono intervenuti questa mattina verso  le  7.30  a Misinto per salvataggio animale. I pompieri si sono...

Limbiate, i funerali di Luca Attanasio: l’ultimo saluto all’ambasciatore ucciso in Congo

Oggi a Limbiate, si sono tenuti i funerali di Luca Attanasio, l'Ambasciatore italiano tragicamente ucciso in un attentato nella Repubblica Democratica del Congo. Dopo...

Lombardia zona gialla, sabato 27 e domenica 28: centri commerciali chiusi, supermercati aperti

La Lombardia si prepara a vivere il suo ultimo weekend di zona gialla prima del passaggio alla zona arancione, che inizierà l'1 marzo. Bar e...
mascherine scuola

Studenti contro la scuole chiuse, il Tar del Lazio riconosce le carenze del Dpcm

La prima sezione del Tar Lazio si è pronunciata oggi sulla richiesta di sospensiva dell'ultimo Dpcm, dando  una grande soddisfazione a un gruppo di...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !