Home SARONNESE Tari più cara a Uboldo: colpa dei costi e… degli incivili

Tari più cara a Uboldo: colpa dei costi e… degli incivili

Nei giorni scorsi ad Uboldo ci sono state molte polemiche per gli aumenti della tassa rifiuti.

Da quest’anno i rincari sfiorano i 100 euro per talune famiglie, ma anche di più per artigiani e commercianti (che parlano di incrementi del 20%).

Non si capacitano dell’aumento, infatti, non solo le famiglie e i single ma anche chi ha un’attività commerciale e produce pochi rifiuti.

I cittadini e gli operatori economici guardano al loro portafogli, giustamente, e non masticando di pubblica amministrazione riesce loro difficile capire gli importi, definiti “spropositati”.

A chiarire la situazione è l’assessore all’Ecologia Matteo Pizzi, che si trova nella difficile posizione di dover chiarire la spinosa questione della Tari in piena campagna elettorale.

I bollettini, del resto, vengono recapitati in questo periodo e non c’è da stupirsi che qualche lista concorrente di Uboldo al Centro stia già cavalcando l’onda del malcontento.

“Gli incrementi sono di 160mila euro in più all’anno, ma non dipendono dalla nostra volontà” puntualizza l’assessore.

“Chiunque arriverà dopo di noi, si troverà a dover fare i conti con spese più alte e la legge che impone ai Comuni di coprire il servizio di raccolta e smaltimento rifiuti al 100 per cento”.

Ma a cosa sono dovuti gli aumenti?

Nell’ultimo anno sono raddoppiati i costi di conferimento: se prima pagavamo 100 euro, per esempio, ora se ne pagano 190 per dinamiche del mondo dei rifiuti”.

“C’è stata un’impennata nei costi di raccolta della differenziata e poi ci sono sempre più discariche abusive di spazzatura che gli incivili gettano in periferia, nei parchi e sulle strade: tutto ciò ha un prezzo”.

In definitiva, quindi, il costo complessivo del servizio aumenta e si alza così il volume da ripartire fra la popolazione.

“L’Imu è sempre uguale perché si basa sui metri quadrati dell’immobile – puntualizza l’assessore – La tariffa della Tari è invece variabile perché dipende da tante variabili, anche a parità di metri quadrati”.

Senza contare chi evade la Tari causando un buco nel recupero dei costi, che quindi vanno a spalmarsi sui cittadini onesti, i quali pagano puntualmente.



Caro lettore, dall’inizio dell’emergenza Covid-19 abbiamo subito un pesante crollo delle entrate pubblicitarie, che rappresentano da sempre un’importante entrata per sostenere il lavoro della redazione del Notiziario che realizza questo sito e il settimanale del venerdì in formato cartaceo o sfogliabile digitale.
Per garantire un’informazione quanto più possibile puntuale e autorevole dal nostro territorio, sono al lavoro giornalisti, liberi professionisti, che vedono fortemente minacciati i loro compensi dall’improvvisa diminuzione dei ricavi pubblicitari. Se apprezzi il nostro lavoro, ti chiediamo, se ti è possibile, di contribuire acquistando l’edizione sfogliabile del nostro settimanale (CLICCA QUI) oppure con una piccola donazione, seguendo i pulsanti qui sotto.
Bastano pochi clic, in totale sicurezza, con carta di credito o Paypal. Grazie.

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Don Cesare Catella festeggia 75 anni di sacerdozio, a Origgio l’Arcivescovo Delpini

Mattinata speciale speciale per l’ex parroco don Cesare Catella di Origgio, che ha festeggiato il 75mo anniversario di ordinazione sacerdotale. Un traguardo che anticipa...

Paderno, incidente in moto: 21enne tamponato, è in gravi condizioni | FOTO

Gravissimo incidente in via Repubblica a Paderno Dugnano. Secondo una prima ricostruzione, poco dopo le 18 un 21enne sarebbe stato tamponato in moto mentre...

Gerenzano, artista vende all’asta una sua opera per aiutare la Caritas

E’ stata finalmente venduta all’asta di beneficenza una scultura per aiutare la Caritas di Gerenzano a supportare le famiglie in difficoltà. Dopo la prima...
MIlano Meda

Milano–Meda, parte la manutenzione del verde

Partiranno domani mattina, giovedì 28 maggio i lavori di manutenzione del verde della Milano - Meda. Le operazioni riguarderanno banchine e lo sfalcio del verde...

A Caronno scuole materne in difficoltà: “Senza rette siamo a rischio”

Le tre scuole materne paritarie di Caronno Pertusella, asilo infantile “Cardinale Giovanni Colombo”, parrocchiale “San Vincenzo de Paoli” e “Il Villaggio dei Piccoli”, stanno...

Paderno, Ferrovie Nord e il passaggio a livello di Palazzolo: “Chiusura totale entro un...

Ferrovienord vuole chiudere per sempre il passaggio a livello di Palazzolo e lo comunica al sindaco di Paderno Dugnano con un anticipo di 30...
Senago rsa

Senago, 138 posti di lavoro nelle nuove Rsa, ecco come candidarsi

Da oggi, mercoledì 27 maggio e fino al prossimo 18 giugno sono aperte le candidature per i 138 posti di lavoro disponibili nelle nuove...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !