Home NEI DINTORNI Molestatore seriale di donne al distributore; incastrato dalla Polizia col Dna

Molestatore seriale di donne al distributore; incastrato dalla Polizia col Dna

distributore
Foto di Rudy and Peter Skitterians da Pixabay

Aggrediva donne sole ai distributori di benzina per abusarne sessualmente: 4 episodi dello stesso autore, scoperti tra Busto Arsizio, Castellanza, Parabiago e Villa Cortese.

Questa mattina la Polizia di Stato ha eseguito nel carcere di Busto Arsizio, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere a carico di un 35enne italiano pregiudicato, responsabile di rapina, sequestro di persona, violenza sessuale e lesioni ai danni di quattro donne.

L’attività di indagine è stata avviata dagli agenti della Squadra Investigativa del Commissariato di Busto Arsizio (VA) ad inizio anno quando una donna, fermatasi a fare rifornimento di carburante in un distributore cittadino, è stata sorpresa da un uomo con passamontagna e guanti in lattice che, salito velocemente a bordo delll’auto della donna, l’ha afferrata per i capelli, intimandole di allontanarsi da quel luogo perché ricercato dalla Polizia.

Giunti in uno sterrato isolato, dopo che l’uomo l’aveva costretta a baciarlo, la donna è riuscita a divincolarsi e a fuggire, chiedendo l’aiuto dei poliziotti della volante che transitava nel corso del controllo del territorio, mentre l’uomo si dileguava nelle vicine zone boschive.

I rilievi tecnici effettuati all’interno dell’automobile della donna dagli agenti della Polizia Scientifica del Commissariato, hanno permesso di repertare alcuni frammenti dei guanti in lattice indossati dall’aggressore.

Le analisi del Gabinetto di Polizia Scientifica di Milano, hanno poi consentito di isolare il profilo genetico di un soggetto di sesso maschile.

Fondamentale e proficuo per l’attività di indagine è stato lo scambio di informazioni avuto con gli agenti del Commissariato di Legnano (MI), i quali erano a conoscenza di un altro episodio simile, consumato in aprile nel territorio di competenza legnanese.

Lo spunto investigativo, che ha visto la stretta collaborazione dei due Commissariati di PS, ha avuto origine dal fatto che le scene del crimine hanno interessato il perimetro del “Parco Alto Milanese”, restringendo così i sospetti nei confronti di un trentacinquenne italiano, residente dapprima nel legnanese, quando era sottoposto a libertà vigilata, e successivamente trasferitosi a Milano.

L’uomo, in entrambi gli eventi delittuosi oggetto d’indagine, aveva stabilito la propria residenza proprio nei pressi delle due scene del crimine.

Anche in questo secondo episodio l’aggressore aveva agito con passamontagna e guanti in lattice, scegliendo un distributore di benzina quale luogo per aggredire una donna sopraggiunta da sola in auto per fare rifornimento.

Medesimo anche il modus operandi: la vittima è stata, infatti, anche in questo caso, costretta dal malvivente ad allontanarsi in zona più riparata, per poi subire abusi.

A seguito dei fatti accertati, gli investigatori hanno inoltrato al Pm procedente, Dott. De Filippo, una richiesta di prelievo dei dati genetici del sospettato, già ristretto in carcere per altri reati.

Grazie alla rapida e approfondita attività tecnica effettuata dal Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica di Milano, la comparazione tra profilo genetico dell’indiziato con quello isolato sul reperto rinvenuto sulla scena del crimine bustocca, ha fornito la certezza della corrispondenza tra i due Dna, confermando quindi l’ipotesi investigativa dei poliziotti di Busto e Legnano, e rendendo vane le precauzioni adottate dal malvivente per nascondere la propria identità.

Gli elementi acquisiti hanno permesso infine di addebitare al trentacinquenne ulteriori tre episodi analoghi consumati nelle città di Castellanza (VA), Parabiago (MI) e Villa Cortese (MI), aggravando la responsabilità penale del soggetto, e facendo emergere la serialità del comportamento.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Saronno, la “banda delle macchinette” colpisce anche l’elementare Gianni Rodari

Si allunga la lista degli istituti scolastici saronnesi presi di mira dai furti: nella notte i ladri hanno “visitato” la scuola elementare Gianni Rodari...

Uboldo, non hanno soldi e guidano senza assicurazione

Sempre più automobilisti non pagano l’assicurazione. Numerose le auto sequestrate a Uboldo, i cui proprietari non dovranno pagare solo le spese di rimozione e...

Emergenza Covid, medici dell’Esercito negli ospedali di Monza e Desio

È stato accolto dall'Esercito l'appello di ASST Monza: dieci medici e dieci infermieri dell'Esercito già questa settimana saranno operativi all'ospedale San Gerardo di Monza....
incidente barlassina

Incidente con 4 feriti, traffico bloccato sulla provinciale tra Cogliate e Barlassina

Ci sono 4  feriti e il traffico completamente bloccato per l’incidente verificatosi questa mattina sulla provinciale che collega Cogliate e Barlassina e da qui...
video

Sgominata la banda dei moldavi: svuotava i bancomat con i comandi degli hacker |...

I carabinieri hanno arrestato nei giorni scorsi 6 cittadini moldavi accusati di far parte della banda che ha messo a segno una serie di...

Saronno, anziano truffato dal suo compagno di stanza in ospedale

E’ stato truffato dal suo compagno di stanza in ospedale, la persona da cui meno se l'aspettava: prima se lo è lavorato ben bene...

Il Parco Groane finanzia le pecore brianzole dell’Istituto Agrario di Limbiate

Il Parco delle Groane ha donato all'Istituto Agrario "Luigi Castiglioni" di Limbiate 1.500 euro da investire nei progetti di tutela della pecora brianzola, una...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !