HomeBOLLATESEArese, amianto in fabbrica all'ex Alfa: assoluzioni confermate

Arese, amianto in fabbrica all’ex Alfa: assoluzioni confermate

La Corte d’Appello ha pubblicato le motivazioni con le quali ha confermato le assoluzioni degli ex vertici di Alfa, Lancia e Fiat imputati per le morti causate da esposizione all’amianto.

Secondo la Corte non c’è certezza scientifica che i decessi per cancro siano stati determinati dalla durata delle esposizioni all’amianto e dalla collocazione temporale.

Da qui la definitiva assoluzione di Paolo Cantarella, ex amministratore delegato di Fiat Auto, Giorgio Garuzzo, presidente Fiat, Pietro Fusaro, presidente di Lancia Industriale e di altri due amministratori delegati di Alfa Romeo. Una sentenza che chiude la vicenda e lascia l’amaro in bocca alle famiglie dei lavoratori che hanno perso la vita.

I vertici dell’azienda erano alla sbarra per il decesso di 15 operai per forme di cancro riconducibili, secondo l’accusa, all’amianto presente nello stabilimento dell’Alfa tra gli anni ’70 e metà anni ’90. Ma i giudici in 80 pagine hanno evidenziato che restano dubbi sull’effettiva esposizione all’amianto degli operai.

Nel dibattimento sono stati individuati periodi di esposizione in altre aziende e anche in ambienti extraprofessionali. Inoltre gli imputati non avevano incarichi con l’obbligo di tutela dei lavoratori.

Insomma, secondo i giudici, sussistono ipotesi causali alternative e non c’è evidenza scientifica sul cosiddetto effetto acceleratore dell’esposizione. Nel processo si erano costituiti parte civile il Comune, la Regione, il sindacato Cobas e l’Associazione italiana esposti amianto.

Il Comune si era costituito parte civile per esprimere vicinanza alle famiglie coinvolte nella vicenda. Ma il verdetto non rendendo giustizia alle vittime non rimargina la ferita. La stranezza del processo: alcune famiglie sono state risarcite e altre invece non hanno ottenuto alcun riconoscimento.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

autostrada incidente

Incidente in autostrada tra Novate e Cormano, 6 feriti e traffico in tilt

Sei persone sono rimaste ferite e il traffico è rimasto a lungo paralizzato per l’incidente verificatosi questo pomeriggio a Novate Milanese, sull’autostrada Milano-Torino, nel...

Cislago, auto in fiamme in Pedemontana: intervento dei vigili del fuoco

Nella giornata di oggi, sabato 8 maggio, intorno alle 16:30, un veicolo in transito sull'Autostrada Pedemontana Lombarda, all'altezza di Cislago, ha preso improvvisamente fuoco....

Tradate, precipita da quattro metri e batte la testa: operaio 52enne muore sul lavoro

Dopo l'incidente di pochi giorni fa a Busto Arsizio, dove ha perso la vita l'operaio 49enne Christian Martinelli, nella giornata di oggi sabato 8...
senago giro d'Italia

Giro d’Italia, oggi la partenza, ultima tappa da Senago, un video presenta gli...

Giro d’Italia al via. L’edizione numero 104 è partita oggi da Torino. 3500 chilometri di Corsa in Rosa che si concluderà con un’ultima tappa...

Divieto d’accesso a Caronno da Garbagnate: braccio di ferro sul senso unico di corso...

  Da una parte c’è l’amministrazione, determinata a rendere il corso della Vittoria più sicuro e vivibile; dall’altra c’è il centrodestra, che esprime solidarietà ai...
spacelink trenino luci

Trenino di luci in cielo visibile da Paderno Dugnano a Bollate; Ufo? No, satelliti...

Nella tarda serata di ieri, diverse segnalazioni dell’avvistamento di un trenino di luci in movimento nel cielo, tra Paderno Dugnano e Bollate. Sui social...

Lombardia zona gialla sabato 8 e domenica 9 maggio: supermercati aperti, centri commerciali chiusi

Secondo weekend consecutivo di zona gialla per la Lombardia. Attualmente i dati epidemiologici non destano elevate preoccupazioni, ma guai a sottovalutare il virus: è...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !