Home BOLLATESE Arese, amianto in fabbrica all'ex Alfa: assoluzioni confermate

Arese, amianto in fabbrica all’ex Alfa: assoluzioni confermate

La Corte d’Appello ha pubblicato le motivazioni con le quali ha confermato le assoluzioni degli ex vertici di Alfa, Lancia e Fiat imputati per le morti causate da esposizione all’amianto.

Secondo la Corte non c’è certezza scientifica che i decessi per cancro siano stati determinati dalla durata delle esposizioni all’amianto e dalla collocazione temporale.

Da qui la definitiva assoluzione di Paolo Cantarella, ex amministratore delegato di Fiat Auto, Giorgio Garuzzo, presidente Fiat, Pietro Fusaro, presidente di Lancia Industriale e di altri due amministratori delegati di Alfa Romeo. Una sentenza che chiude la vicenda e lascia l’amaro in bocca alle famiglie dei lavoratori che hanno perso la vita.

I vertici dell’azienda erano alla sbarra per il decesso di 15 operai per forme di cancro riconducibili, secondo l’accusa, all’amianto presente nello stabilimento dell’Alfa tra gli anni ’70 e metà anni ’90. Ma i giudici in 80 pagine hanno evidenziato che restano dubbi sull’effettiva esposizione all’amianto degli operai.

Nel dibattimento sono stati individuati periodi di esposizione in altre aziende e anche in ambienti extraprofessionali. Inoltre gli imputati non avevano incarichi con l’obbligo di tutela dei lavoratori.

Insomma, secondo i giudici, sussistono ipotesi causali alternative e non c’è evidenza scientifica sul cosiddetto effetto acceleratore dell’esposizione. Nel processo si erano costituiti parte civile il Comune, la Regione, il sindacato Cobas e l’Associazione italiana esposti amianto.

Il Comune si era costituito parte civile per esprimere vicinanza alle famiglie coinvolte nella vicenda. Ma il verdetto non rendendo giustizia alle vittime non rimargina la ferita. La stranezza del processo: alcune famiglie sono state risarcite e altre invece non hanno ottenuto alcun riconoscimento.

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Papa Ghisallo

Da Cogliate, consegna al Papa la maglia dei ciclisti della Madonna del Ghisallo

Lino Basilico, di Cogliate,  ha consegnato a Papa Francesco la maglia del Gruppo sportivo Madonna del Ghisallo e la tessera di socio in quanto...

Spaccate in due negozi di Saronno, preso il colpevole

Identificato e denunciato per furto aggravato il responsabile delle due spaccate ai danni di due negozi di Saronno. Si tratta di un 29enne residente in...
gospel saronno

Al teatro di Saronno c’è aria di Natale, dal Gospel al balletto alle fiabe

Al teatro di Saronno si respira  atmosfera natalizia con i prossimi spettacoli in cartellone.   Si comincia giovedì 12 dicembre, alle ore 21, con il Gospel. Sul...
droga airbag

Buccinasco, un chilo di cocaina al posto dell’airbag, arrestato 71enne italiano

La Polizia di Stato ha arrestato un 71enne italiano trovato in possesso di 1 kg di cocaina nascosta nel vano airbag di un’auto. L’uomo è...

Limbiate, notte di fuoco in centro: auto incendiata. Colpa di un piromane?

Auto in fiamme nella notte a Limbiate. A prendere fuoco poco dopo la mezzanotte è stata una Jaguar posteggiata nel parcheggio all’angolo tra via...

PRIMA PAGINA

La nuova edizione
è già disponibile!

Acquistala in edicola,
oppure sfogliala in formato digitale
 

SCEGLI L’ABBONAMENTO !