HomeCRONACA -Falsario da anni latitante in Argentina, arrestato a Milano in visita alla...

Falsario da anni latitante in Argentina, arrestato a Milano in visita alla mamma

La Polizia di Stato, coordinata dalla Procura della Repubblica presso la Corte d’Appello di Milano, ha proceduto all’arresto del latitante 53enne G. M., che deve espiare la pena di 13 anni e 8 giorni di reclusione  per reati contro il patrimonio, contro la fede pubblica ed in materia di armi commessi anche in forma associativa.

Il 53enne falsificava documenti per commettere reati contro il patrimonio e si è garantito un indebito arricchimento pari a svariati milioni delle vecchie lire alla fine degli anni Novanta e a decine di migliaia di euro nei soli primi anni Duemila.

Ricercato dal 2004, dopo un brevissimo periodo di latitanza in Italia, si era trasferito in Argentina ove aveva cambiato alcune identità e si era spacciato per un esperto di chirurgia estetica.

E’  stato arrestato dalla Squadra Mobile di Milano grazie ad una costante attività di monitoraggio nei confronti di soggetti destinatari di condanne definitive, analizzando social network, fonti aperte, nonché le abitudini e i movimenti delle persone più vicine ai ricercati.

Qualche giorno fa il latitante era tornato in Italia per un breve soggiorno e, una volta giunto alla frontiera aerea di Fiumicino con un documento genuino rilasciato dalle Autorità Consolari Argentine, ma riportante false generalità, sono cominciate le attività di osservazione e di pedinamento di tutte le persone ritenute vicine all’uomo da parte della Polizia di Stato.

L’uomo è stato individuato in prossimità dell’abitazione della madre.
All’atto del controllo, il latitante ha esibito il documento falso con il quale era entrato nel territorio nazionale ed è stato trovato in compagnia di una donna di origini sudamericane che ha dichiarato di essere la sua compagna.

Erano in possesso di una consistente somma in denaro nonché di alcuni documenti di identità e di numerose carte bancomat rilasciate da istituti di credito argentini e riportanti le false generalità con le quali il latitante si nascondeva in Argentina.
Anche in altre occasioni era giunto nel nostro Paese sotto mentite spoglie e aveva viaggiato indisturbato verso altri Paesi del Sudamerica.

Dal 1993 è stato ripetutamente sottoposto a misure cautelari personali e ha poi riportato numerose condanne per associazione per delinquere, ricettazione, falso materiale, favoreggiamento reale, truffa, violazione delle norme sull’uso delle carte di credito, contraffazione di pubblici sigilli e possesso ingiustificato di chiavi alterate.

Nonostante l’applicazione alla fine degli anni Novanta dell’avviso orale da parte del Questore di Lecco, ha continuato a delinquere architettando un sistema di riciclaggio di assegni rubati all’interno del quale era il destinatario ultimo delle somme di denaro che a lui confluivano dopo essere state versate su conti correnti aperti da soggetti compiacenti.

Dopo la commissione di questo ennesimo reato è stato sottoposto alla misura di prevenzione della sorveglianza speciale di pubblica sicurezza ma, da un’attività di indagine condotta dalla Squadra Mobile della Questura di Milano, è stato svelato che ciò nonostante lo stesso ha fatto parte ancora una volta di un sodalizio criminale dedito alla sottrazione di assegni ed al successivo incasso degli stessi, questa volta grazie alla falsificazione di documenti di identità.

In occasione della perquisizione effettuata in quella circostanza presso la sua abitazione sono stati sequestrati strumenti, apparecchiature ed altro materiale per la falsificazione tra cui cliché per la stampa di numeri di carte identità, timbri tondi e lineari di alcuni Comuni italiani, moduli cartacei e plastificati di patenti, di carte identità e di codici fiscali, carnet di assegni nonché libretti postali.

I poliziotti proseguono le indagini finalizzate a ricostruire le modalità con le quali l’uomo ha ottenuto il rilascio del documento valido per l’espatrio, ad accertare la regolarità delle attività svolte in Sudamerica e a recuperare il patrimonio trasferito nel Paese Sudamericano nonché ad individuare eventuali fiancheggiatori.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Rivoluzione fra Cislago e Gerenzano: in arrivo fast-food e ciclabile

Sulla Varesina tra Cislago e Gerenzano stanno per arrivare grosse novità. La più significativa è il prossimo insediamento di un fast-food nel triangolo di...
magliette guardia di finanza

Maglie false dell’Inter, del Barcellona, del Real e del Psg sequestrate a Trezzano dalla...

Inter, Real Madrid, Barcellona, Paris Saint Germain e la Nazionale azzurra: tutte magliette rigorosamente false. I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza...

Paderno, famiglia di anatroccoli bloccata nel canale, salvati dai Vigili del fuoco |FOTO |VIDEO

    Una famiglia di anatroccoli bloccata nel canaletto che costeggia la Comasina, è successo questa mattina, giovedì 6 maggio, pochi minuti dopo le 11, quando...

Bollate, apre la nuova complanare che collega via Piave con via Don Uboldi

Dopo un anno di attesa, apre finalmente questa notte la nuova complanare di Bollate che collega via Piave con via Don Uboldi e la...
Limbiate vaccino

Lombardia, da lunedì 10 maggio i cittadini tra i 50 e 59 anni possono...

Da lunedì 10 maggio in Lombardia apriranno le prenotazioni al vaccino anti-Covid per i cittadini di età compresa tra i 50 e i 59...
Bollate scritte shock

Bollate, “Forza Hitrer” e “Viva Covid”: scritte shock sotto indagine

“Forza Hitrer” e “Viva Covid”: sconcerto a Bollate per le scritte comparse in due zone della città. Nei giorni scorsi un anonimo bollatese (ma non...

Saronno, i lavoratori del wedding in crisi: “Stop a feste nuziali abusive, fateci ripartire”

"Sì lo voglio, o forse no". Maggio è da sempre un mese gettonato per chi decide di convolare a nozze, per migliaia di operatori...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !