Home BUONO A SAPERSI Tumore al seno e alle ovaie: svolta nella cura a Monza

Tumore al seno e alle ovaie: svolta nella cura a Monza

centro ricerca Monza
Una parte del team del Centro ricerca fase 1 di Monza

Il tumore mammario, che colpisce circa il 12% della popolazione, è la forma più diffusa di tumore tra le donne.

Fortunatamente, è anche uno dei tumori da cui si guarisce più facilmente: grazie a importanti scoperte compiute negli ultimi 15 anni, ci si è resi conto che esistono vari tipi di questo tumore, ognuno dei quali risponde in modo diverso alle numerose terapie disponibili.

Questa rivoluzione nell’approccio terapeutico, insieme a un tasso sempre più elevato di casi diagnosticati precocemente, ha fatto sì che più dell’89% delle pazienti sopravviva ad almeno cinque anni dalla diagnosi.

Il tumore ovarico, al contrario, è molto meno diffuso, colpisce circa l’1% delle donne, ma è più difficile da combattere, poiché i sintomi della malattia sono molto vaghi, la diagnosi spesso arriva quando il tumore ha già metastatizzato in altre parti del corpo e la sopravvivenza a cinque anni è solo del 46%.

Una piccola ma non trascurabile percentuale di tumori mammari e ovarici è imputabile alla mutazione dei geni BRCA 1 e 2.

In Italia sono oltre 600 le pazienti affette da tumore ovarico BRCA+ e altrettante quelle affette da tumore mammario BRCA 1 o 2 positivo.

I Parp-inibitori sono farmaci che sono diventati, grazie alla ricerca degli ultimi anni, un punto fermo per queste pazienti, che in molti casi, dopo essersi sottoposte a un doppio ciclo di chemioterapia, sviluppano una resistenza ai farmaci che ha finora rappresentato il principale ostacolo sulla via della guarigione.

“Da oggi tuttavia è possibile offrire alle nostre pazienti affette da queste forme tumorali qualcosa di più – affermano la prof.ssa Marina Cazzaniga, Direttore del Centro di ricerca Fase 1 e il prof. Fabio Landoni, Direttore della Clinica Ginecologica della ASST di Monza – la combinazione di PARP-inibitori e immunoterapia potrebbe aumentare le possibilità di cura”.

“I PARP-inibitori svolgono un’azione che consiste nell’annullamento dei meccanismi di riparazione del Dna nelle cellule neoplastiche dell’ovaio e della mammella, con la conseguente morte delle cellule malate” – spiega il prof. Landoni, “a cui si aggiunge il potenziamento e la riattivazione del sistema immunitario operato dagli anti-PDL-1” – conclude la prof.ssa Cazzaniga.

Questo studio rappresenta quindi un’opportunità unica per le pazienti con tumori della mammella e dell’ovaio e mutazione dei geni BRCA 1 e BRCA 2.

In Italia sono solo tre i centri in cui viene applicato il protocollo sperimentale: il Centro di ricerca di Fase 1 della ASST di Monza è uno di questi.

“Avere un Centro di ricerca di Fase 1 per sperimentare nuovi protocolli di cura è una opportunità molto importante per coniugare la ricerca scientifica alla sua applicazione clinica – sottolinea Mario Alparone, Direttore generale della ASST di Monza –. Sicuramente non sono tante le Aziende Sanitarie Pubbliche che dispongono di questa possibilità per i propri pazienti”.

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

vigili del fuoco

Frontale a Varese, 3 feriti, i pompieri aprono l’auto come una scatoletta

I vigili del fuoco hanno dovuto aprire l’auto dal tetto, come fosse una scatoletta di tonno, per estrarre i feriti dello scontro frontale avvenuto...
spaccio

Spacciava davanti a scuola, arrestato a Nova Milanese

I Carabinieri della stazione di Nova Milanese, hanno arrestato in flagranza di reato un giovane italiano di 21 anni del luogo, già noto alla...
botti sequestro

Botti illegali: 3 quintali sequestrati dalla Finanza a Corsico

Si avvicina Capodanno e iniziano i sequestri di botti illegali. La Guardia di Finanza di Milano ha intensificato anche le attività finalizzate alla prevenzione e...
prima pagina

Saronno: arrestata Lara Comi; Senago: drammatica rapina al furgone – ANTEPRIMA

La notizia di apertura della nuova edizione de “il notiziario” è il clamoroso arresto di Lara Comi, ex europarlamentare nata a Garbagnate Milanese e...
Lombardia vento

Allerta meteo in Lombardia per vento forte nelle prossime ore

Allerta meteo dalla Protezione civile di Regione Lombardia per il vento forte che è atteso nelle prossime ore e per tutta la prossima notte. Buona...

prima pagina

La nuova edizione
è già disponibile!

Acquistala in edicola,
oppure sfogliala in formato digitale
 

SCEGLI L’ABBONAMENTO !