HomeBUONO A SAPERSITumore al seno e alle ovaie: svolta nella cura a Monza

Tumore al seno e alle ovaie: svolta nella cura a Monza

centro ricerca Monza
Una parte del team del Centro ricerca fase 1 di Monza

Il tumore mammario, che colpisce circa il 12% della popolazione, è la forma più diffusa di tumore tra le donne.

Fortunatamente, è anche uno dei tumori da cui si guarisce più facilmente: grazie a importanti scoperte compiute negli ultimi 15 anni, ci si è resi conto che esistono vari tipi di questo tumore, ognuno dei quali risponde in modo diverso alle numerose terapie disponibili.

Questa rivoluzione nell’approccio terapeutico, insieme a un tasso sempre più elevato di casi diagnosticati precocemente, ha fatto sì che più dell’89% delle pazienti sopravviva ad almeno cinque anni dalla diagnosi.

Il tumore ovarico, al contrario, è molto meno diffuso, colpisce circa l’1% delle donne, ma è più difficile da combattere, poiché i sintomi della malattia sono molto vaghi, la diagnosi spesso arriva quando il tumore ha già metastatizzato in altre parti del corpo e la sopravvivenza a cinque anni è solo del 46%.

Una piccola ma non trascurabile percentuale di tumori mammari e ovarici è imputabile alla mutazione dei geni BRCA 1 e 2.

In Italia sono oltre 600 le pazienti affette da tumore ovarico BRCA+ e altrettante quelle affette da tumore mammario BRCA 1 o 2 positivo.

I Parp-inibitori sono farmaci che sono diventati, grazie alla ricerca degli ultimi anni, un punto fermo per queste pazienti, che in molti casi, dopo essersi sottoposte a un doppio ciclo di chemioterapia, sviluppano una resistenza ai farmaci che ha finora rappresentato il principale ostacolo sulla via della guarigione.

“Da oggi tuttavia è possibile offrire alle nostre pazienti affette da queste forme tumorali qualcosa di più – affermano la prof.ssa Marina Cazzaniga, Direttore del Centro di ricerca Fase 1 e il prof. Fabio Landoni, Direttore della Clinica Ginecologica della ASST di Monza – la combinazione di PARP-inibitori e immunoterapia potrebbe aumentare le possibilità di cura”.

“I PARP-inibitori svolgono un’azione che consiste nell’annullamento dei meccanismi di riparazione del Dna nelle cellule neoplastiche dell’ovaio e della mammella, con la conseguente morte delle cellule malate” – spiega il prof. Landoni, “a cui si aggiunge il potenziamento e la riattivazione del sistema immunitario operato dagli anti-PDL-1” – conclude la prof.ssa Cazzaniga.

Questo studio rappresenta quindi un’opportunità unica per le pazienti con tumori della mammella e dell’ovaio e mutazione dei geni BRCA 1 e BRCA 2.

In Italia sono solo tre i centri in cui viene applicato il protocollo sperimentale: il Centro di ricerca di Fase 1 della ASST di Monza è uno di questi.

“Avere un Centro di ricerca di Fase 1 per sperimentare nuovi protocolli di cura è una opportunità molto importante per coniugare la ricerca scientifica alla sua applicazione clinica – sottolinea Mario Alparone, Direttore generale della ASST di Monza –. Sicuramente non sono tante le Aziende Sanitarie Pubbliche che dispongono di questa possibilità per i propri pazienti”.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Incidente a Cislago: 51enne di Mozzate cade dalla moto, ricoverato

Un motociclista di Mozzate ha riportato ferite gravi in un incidente accaduto a Cislago in via Meda, strada che collega i due comuni. Secondo...
Limbiate nuova giunta

Limbiate, ecco la nuova giunta comunale che affiancherà il sindaco Romeo

Nominata la nuova giunta comunale di Limbiate, scelta dal sindaco Antonio Romeo, rieletto al primo turno lo scorso 4 ottobre, per il suo quarto...

Ex Cantoni Saronno: danni all’impianto di depurazione, parte la diffida del Comune

Il muro della Ex Cantoni di Saronno è stato demolito ma per l'area dove un tempo sorgeva la fabbrica tessile, oggetto di interventi di...
Cormano orologi sequestrati

Cormano: orologi di pregio sequestrati vicino al mercatino

Tentano di vendere orologi di pregio a Cormano: merce sequestrata dalla Polizia locale e pesanti sanzioni. Nella mattinata di sabato scorso alcuni agenti di Polizia...
ambulanza intossicati

Incidente sulla Saronno-Monza, motociclista in ospedale, lunghe code a Saronno

Un incidente stradale con lo scontro tra moto e auto ha provocato il ferimento di un uomo di 54 anni e lunghe code questa...

Paderno, il santuario passa ai copti: inaugurazione con l’arcivescovo Delpini | VIDEO

L’arcivescovo Mario Delpini assieme al vescovo di Lodi Maurizio Malvestiti e il vescovo della Diocesi Copta Ortodossa di Milano Anba Antonio hanno inaugurato la...
Milano Meda incidente

Milano-Meda bloccata per due incidenti, atterrato l’elicottero, 2 bambini tra i feriti

Grave incidente stradale questo pomeriggio sulla Milano-Meda, nel tratto tra Seveso e Meda in direzione nord. L’incidente si è verificato alle 17,15. La superstrada...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !