HomeBOLLATESEFondi Lega, perquisita azienda di Boniardi, deputato di Bollate e assessore a...

Fondi Lega, perquisita azienda di Boniardi, deputato di Bollate e assessore a Garbagnate

Boniardi Salvini
Fabio Boniardi con Matteo Salvini

Sono coinvolti anche due politici bollatesi nell’indagine della Magistratura su presunti giri di denaro non regolari da parte della Lega.

Si tratta del deputato di Bollate Fabio Boniardi, che è anche assessore comunale  a Garbagnate  e dell’assessore regionale Stefano Bruno Galli, originario di Bollate anche se non abita più qui.

Dalle prime informazioni circolate attraverso una nota dell’Ansa, la magistratura sta indagando su 450mila euro che sarebbero transitati da Banca Aletti all’ ‘Associazione Maroni presidente’ e da questa girati su alcuni conti riconducibili alla Lega.

Questo è ciò che avrebbero accertato gli uomini della Guardia di Finanza nell’ambito dell’inchiesta sul riciclaggio di parte dei 49 milioni di fondi della Lega.

Secondo le ipotesi degli inquirenti, i 450mila euro, tramite Stefano Bruno Galli, sarebbero formalmente stati utilizzati per acquistare del materiale a sostegno della campagna elettorale della Lega ma in realtà non sarebbero stati mai stati spesi e sarebbero rientrati in altri conti correnti, riconducibili al partito.

Coinvolta nell’indagine sarebbe anche la società ‘Boniardi Grafiche’, che sarebbe appunto riconducibile al deputato leghista bollatese Fabio Massimo Boniardi, mentre la seconda, la ‘Nembo srl’, ha cessato le attività a luglio scorso.

In sostanza, sembrerebbe intendersi da queste prime informazioni che la Boniardi Grafiche, che realizza numerosi lavori per la Lega, non avrebbe mai incassato realmente parte dei 450mila euro che formalmente le sarebbero stati destinati.

L’inchiesta è stata aperta due anni fa, ma solo ora sono scattate le perquisizioni nella sede dell’associazione Maroni Presidente, di cui Stefano Bruno Galli è il numero uno e per questo è rimasto coinvolto.

Si tratta però delle prime informazioni circolate in queste ore; occorre capire quali siano le reali responsabilità.

Siamo riusciti a contattare l’onorevole Fabio Boniardi il quale ha precisato di non essere indagato ma “persona informata sui fatti”.

Boniardi ha inoltre confermato la visita della Guardia di Finanza in azienda a raccogliere documentazione, aggiungendo che  “Il lavoro oggetto dell’indagine è stato eseguito e regolarmente pagato con dei bonifici bancari”. 

 

NON PERDERE NEANCHE UNA NOTIZIA DAL NOSTRO SITOiscriviti al canale Telegram de “il notiziario” CLICCA QUI


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Grave incidente tra Ceriano e Rovello, tre feriti in un frontale | FOTO

È di pochi istanti fa l'incidente che si è verificato sulla Sp31, strada provinciale che da Ceriano Laghetto porta a Rovello Porro. Si...

Monza e Brianza, 380mila euro per migliorare sicurezza e impianti di videosorveglianza

"Migliorare la sicurezza sui territori, anche con con la realizzazione di nuovi impianti di videosorveglianza". È questo uno degli obiettivi fondamentali di Regione Lombardia...

Caronno: scoperta serra di marijuana in casa, 48enne ai domiciliari

Aveva allestito alcune stanze di casa come serre, con tanto di lampade solari, per la produzione di marijuana: è così finito in manette un...
Limbiate Istituto via pace

Limbiate, 26 insegnanti in isolamento nell’Istituto comprensivo di via Pace

A Limbiate ci sono 26 docenti in isolamento fiduciario nell'istituto comprensivo di via Pace. Sono 13 maestre della primaria di via Pace e 13...

Busto Arsizio, incidente sul lavoro: operaio 49enne muore schiacciato da un tornio

Nella mattinata di oggi, mercoledì 5 maggio, Christian Martinelli, operaio di 49 anni di Sesto Calende, è morto dopo essere rimasto schiacciato da un'enorme...
Bollatese Teva Nerviano lavoratori

La Teva di Nerviano chiuderà: molti lavoratori a rischio anche a Bollate e dintorni

Annunciata la chiusura della Teva di Nerviano: ci lavorano anche molti residenti del Bollatese. La Teva Italia di Nerviano chiuderà nel 2022, lasciando a casa...

Lombardia, approvata in consiglio regionale una mozione contro il coprifuoco

Nella giornata di oggi, martedì 4 maggio, il Consiglio regionale della Lombardia ha approvato una mozione avanzata dal centrodestra circa l'abolizione del coprifuoco in...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !