Home BOLLATESE Fondi Lega, perquisita azienda di Boniardi, deputato di Bollate e assessore a...

Fondi Lega, perquisita azienda di Boniardi, deputato di Bollate e assessore a Garbagnate

Boniardi Salvini
Fabio Boniardi con Matteo Salvini

Sono coinvolti anche due politici bollatesi nell’indagine della Magistratura su presunti giri di denaro non regolari da parte della Lega.

Si tratta del deputato di Bollate Fabio Boniardi, che è anche assessore comunale  a Garbagnate  e dell’assessore regionale Stefano Bruno Galli, originario di Bollate anche se non abita più qui.

Dalle prime informazioni circolate attraverso una nota dell’Ansa, la magistratura sta indagando su 450mila euro che sarebbero transitati da Banca Aletti all’ ‘Associazione Maroni presidente’ e da questa girati su alcuni conti riconducibili alla Lega.

Questo è ciò che avrebbero accertato gli uomini della Guardia di Finanza nell’ambito dell’inchiesta sul riciclaggio di parte dei 49 milioni di fondi della Lega.

Secondo le ipotesi degli inquirenti, i 450mila euro, tramite Stefano Bruno Galli, sarebbero formalmente stati utilizzati per acquistare del materiale a sostegno della campagna elettorale della Lega ma in realtà non sarebbero stati mai stati spesi e sarebbero rientrati in altri conti correnti, riconducibili al partito.

Coinvolta nell’indagine sarebbe anche la società ‘Boniardi Grafiche’, che sarebbe appunto riconducibile al deputato leghista bollatese Fabio Massimo Boniardi, mentre la seconda, la ‘Nembo srl’, ha cessato le attività a luglio scorso.

In sostanza, sembrerebbe intendersi da queste prime informazioni che la Boniardi Grafiche, che realizza numerosi lavori per la Lega, non avrebbe mai incassato realmente parte dei 450mila euro che formalmente le sarebbero stati destinati.

L’inchiesta è stata aperta due anni fa, ma solo ora sono scattate le perquisizioni nella sede dell’associazione Maroni Presidente, di cui Stefano Bruno Galli è il numero uno e per questo è rimasto coinvolto.

Si tratta però delle prime informazioni circolate in queste ore; occorre capire quali siano le reali responsabilità.

Siamo riusciti a contattare l’onorevole Fabio Boniardi il quale ha precisato di non essere indagato ma “persona informata sui fatti”.

Boniardi ha inoltre confermato la visita della Guardia di Finanza in azienda a raccogliere documentazione, aggiungendo che  “Il lavoro oggetto dell’indagine è stato eseguito e regolarmente pagato con dei bonifici bancari”. 

 

NON PERDERE NEANCHE UNA NOTIZIA DAL NOSTRO SITOiscriviti al canale Telegram de “il notiziario” CLICCA QUI


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

nuovo dpcm

Nuovo Dpcm dal 6 marzo al 6 aprile, ecco cosa cambia

Nella serata di ieri, 2 marzo è stato presentato il nuovo Dpcm che regolerà l'emergenza Covid dal 6 marzo al 6 aprile, Pasqua compresa.  La...
Misinto Spaccio

Spacciatore di Misinto arrestato dopo la fuga da Cogliate a Rovello Porro

I carabinieri di Cesano Maderno hanno arrestato un 40enne marocchino di Misinto che spacciava droga nel Parco delle Groane. L’uomo, ufficialmente senza fissa dimora,...

Spaccio alla stazione Saronno Sud: la Polizia ferma marito e moglie

Gli agenti della Polizia ferroviaria hanno arrestato nei pressi della stazione Saronno Sud  un uomo di 42 anni, per spaccio di sostanza stupefacente e...

Carabinieri aggrediti a “Il Centro”: due giovanissimi di Arese e Rho finiscono in...

I carabinieri delle Stazioni di Arese e Lainate, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Milano hanno eseguito...

Milano-Meda, chiusa l’uscita per Paderno Dugnano: camion in panne sullo svincolo

Chiusa l'uscita della Milano-Meda di via Santi a Paderno Dugnano. Un pesante tir è in panne proprio sullo svincolo per il centro città. Il...

Ruba l’elettricità al Comune di Uboldo, condannato a risarcire

E’ stato condannato e dovrà risarcire il Comune un uomo che si era attaccato abusivamente alla rete elettrica pubblica. E’ una vicenda davvero unica...
carabinieri auto

Si fingevano corrieri e rubavano nelle case di riposo: un arresto anche a Barlassina

Il Gip del Tribunale di Varese ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere per due uomini, un 49enne residente ad Arcisate (Varese) e...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !