HomeBOLLATESEFondi Lega, perquisita azienda di Boniardi, deputato di Bollate e assessore a...

Fondi Lega, perquisita azienda di Boniardi, deputato di Bollate e assessore a Garbagnate

Boniardi Salvini
Fabio Boniardi con Matteo Salvini

Sono coinvolti anche due politici bollatesi nell’indagine della Magistratura su presunti giri di denaro non regolari da parte della Lega.

Si tratta del deputato di Bollate Fabio Boniardi, che è anche assessore comunale  a Garbagnate  e dell’assessore regionale Stefano Bruno Galli, originario di Bollate anche se non abita più qui.

Dalle prime informazioni circolate attraverso una nota dell’Ansa, la magistratura sta indagando su 450mila euro che sarebbero transitati da Banca Aletti all’ ‘Associazione Maroni presidente’ e da questa girati su alcuni conti riconducibili alla Lega.

Questo è ciò che avrebbero accertato gli uomini della Guardia di Finanza nell’ambito dell’inchiesta sul riciclaggio di parte dei 49 milioni di fondi della Lega.

Secondo le ipotesi degli inquirenti, i 450mila euro, tramite Stefano Bruno Galli, sarebbero formalmente stati utilizzati per acquistare del materiale a sostegno della campagna elettorale della Lega ma in realtà non sarebbero stati mai stati spesi e sarebbero rientrati in altri conti correnti, riconducibili al partito.

Coinvolta nell’indagine sarebbe anche la società ‘Boniardi Grafiche’, che sarebbe appunto riconducibile al deputato leghista bollatese Fabio Massimo Boniardi, mentre la seconda, la ‘Nembo srl’, ha cessato le attività a luglio scorso.

In sostanza, sembrerebbe intendersi da queste prime informazioni che la Boniardi Grafiche, che realizza numerosi lavori per la Lega, non avrebbe mai incassato realmente parte dei 450mila euro che formalmente le sarebbero stati destinati.

L’inchiesta è stata aperta due anni fa, ma solo ora sono scattate le perquisizioni nella sede dell’associazione Maroni Presidente, di cui Stefano Bruno Galli è il numero uno e per questo è rimasto coinvolto.

Si tratta però delle prime informazioni circolate in queste ore; occorre capire quali siano le reali responsabilità.

Siamo riusciti a contattare l’onorevole Fabio Boniardi il quale ha precisato di non essere indagato ma “persona informata sui fatti”.

Boniardi ha inoltre confermato la visita della Guardia di Finanza in azienda a raccogliere documentazione, aggiungendo che  “Il lavoro oggetto dell’indagine è stato eseguito e regolarmente pagato con dei bonifici bancari”. 

 

NON PERDERE NEANCHE UNA NOTIZIA DAL NOSTRO SITOiscriviti al canale Telegram de “il notiziario” CLICCA QUI


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Rapina col martello a Senago: incastrato dal tatuaggio e arrestato a Bollate

I carabinieri hanno arrestato a Bollate il rapinatore col martello, che aveva minacciato una cassiera del supermercato Ins’s di Senago. L’uomo di 44...

Puzza di fogna in mezza Caronno: “Siamo stufi!”

E’ polemica per i cattivi odori di fogna. “Chissà perché, in questo periodo sono fissati tutti coi piccioni, ma in realtà c’è un disagio...

Tokyo 2020, le lombarde Cesarini-Rodini oro nel canottaggio

Brilla l’Italia del canottaggio che al fotofinish ha conquistato la medaglia d'oro nel doppio pesi leggeri donne. Alle Olimpiadi di Tokyo 2020 la coppia...

A Caronno raffica di furti di biciclette. E qualcuno riconosce la sua per strada…

Due settimane fa è stato presentato il progetto “Fli”, promosso da Fnm, FerrovieNord e Trenord insieme con Regione Lombardia, che prevede la realizzazione di...

Lombardia, bus incendiato a Varenna. Il riconoscimento del Consiglio regionale a Mascetti e Lo...

Un lungo e affettuoso applauso di tutto il Consiglio regionale ha accolto Mauro Mascetti e Giovanni Lo Dato, ospiti questa mattina a Palazzo Pirelli nell’Aula del parlamento...

Uboldo, un euro a pizza per far tornare a sorridere Jessica

In questi giorni sono tutti mobilitati per aiutare Jessica Di Ciommo, la 28enne di Uboldo che si trova in stato vegetativo da quando è...

Rho, carabinieri inseguono auto che tenta di investirli, poi sparano per fermarla

I carabinieri di Rho hanno inseguito un veicolo in fuga e sparato per bloccarlo dopo che il conducente aveva speronato l’auto dei militari e...
prima pagina
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !