HomeCRONACA -Rapinato dall'amico, lo lega a un albero bastonandolo

Rapinato dall’amico, lo lega a un albero bastonandolo

(Foto archivio)

Rapinato da un 24enne verso il quale aveva un debito, con la complicità della fidanzata (giovane influencer, nota negli ambienti della musica trap) e di un coetaneo marocchino, si vendica con l’amico traditore: lo ha legato a un albero bastonandolo ed estorcendogli a titolo di “risarcimento” circa 800 euro. Il 22enne, di Busto Arsizio, è stato fermato dai carabinieri col suo rapinatore.

I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Gallarate, questa mattina, hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa di misura cautelare, emessa dal Giudice per le indagini preliminari di Busto,  nei confronti di quattro giovanissimi, tre uomini (due italiani e un cittadino marocchino) e una donna, tutti residenti in provincia di Varese e di età compresa fra i 22 e i 24 anni. Rapina, estorsione, minaccia con armi e danneggiamento: questi i reati contestati a vario titolo. Il giudice ha disposto per i due indagati italiani gli arresti domiciliari, mentre per il giovane marocchino e la donna c’è l’obbligo di presentarsi agli uffici della polizia giudiziaria.

L’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica, è scaturita dall’intervento dei carabinieri la notte del 15 novembre, quando nei pressi di un hotel di Somma Lombardo era stata segnalata una rapina con un’arma da fuoco ai danni di un ragazzo di Busto di 22 anni. All’epoca l’aggressore, un 24enne nato a Milano e residente nel Luinese, era stato denunciato per rapina e, poiché trovato in possesso di 20 grammi di marijuana e di un coltello, anche per spaccio di stupefacenti e porto abusivo di armi.

Dalle successive indagini è emerso uno scenario criminale più ampio ed articolato, legato verosimilmente alla riscossione di debiti di droga, che ha rappresentato il prologo di una serie di eventi più gravi: i carabinieri hanno infatti accertato che la vittima della rapina aveva in realtà un debito col suo aggressore, che lo aveva rintracciato grazie alla collaborazione di un conoscente comune. Il rapinato, saputo il nome di chi lo aveva tradito, lo ha attirato all’interno di un bosco dove, con l’aiuto della sua fidanzata e di un coetaneo marocchino, lo ha legato a un albero e lo ha percosso selvaggiamente con pugni e bastonate, fracassandogli il cellulare davanti agli occhi con un trapano. Alle botte e alle intimidazioni il terzetto ha unito le richieste estorsive: al giovane, prima di essere legato all’albero, sono stati chiesti 800 euro come risarcimento per avere fatto la spia, denaro recuperato dalla vittima grazie a un amico che gli ha portato i soldi sul posto, ignaro di quanto stesse accadendo. Ricevuto il denaro, il giovane è stato slegato e riportato a casa.

I militari, per ricostruire l’intera vicenda, hanno ascoltato numerosi testimoni, analizzato tutti i filmati degli impianti di videosorveglianza presenti in zona ed esaminato i tabulati telefonici di tutti i coinvolti. Individuato il bosco in cui il ragazzo era stato legato, nei pressi dell’albero sono stati ritrovati e sequestrati i fazzoletti sporchi di sangue e il telefono cellulare danneggiato.

L’esito delle perquisizioni domiciliari nelle abitazioni degli indagati non solo ha confermato l’ipotesi investigativa, ma ha anche aperto nuovi scenari. I militari dell’Arma, infatti, oltre a 400 grammi di marijuana e alle parti di una pistola Beretta calibro 9, hanno rinvenuto un ordigno rudimentale, sette candelotti “Thunder” e due sacchetti di nitrato di potassio, materiale che veniva probabilmente utilizzato per la realizzazione di artifici esplosivi artigianali.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Lombardia, bus incendiato a Varenna. Il riconoscimento del Consiglio regionale a Mascetti e Lo...

Un lungo e affettuoso applauso di tutto il Consiglio regionale ha accolto Mauro Mascetti e Giovanni Lo Dato, ospiti questa mattina a Palazzo Pirelli nell’Aula del parlamento...

Uboldo, un euro a pizza per far tornare a sorridere Jessica

In questi giorni sono tutti mobilitati per aiutare Jessica Di Ciommo, la 28enne di Uboldo che si trova in stato vegetativo da quando è...

Rho, carabinieri inseguono auto che tenta di investirli, poi sparano per fermarla

I carabinieri di Rho hanno inseguito un veicolo in fuga e sparato per bloccarlo dopo che il conducente aveva speronato l’auto dei militari e...
Novate merce sequestrata

Novate Milanese, merce sequestrata nel magazzino da incubo | FOTO

Merce sequestrata nel magazzino-incubo a Novate Milanese. La Polizia locale novatese, al termine di un’indagine che aveva preso origine a fine maggio, ha compiuto settimana...
Bollate incendio box

Bollate, incendio nei box delle case comunali: preoccupazione tra i residenti

Incendio nei box delle case comunali a Bollate. E la preoccupazione cresce dopo questo episodio, dal momento che come riferiscono i residenti “La situazione di...
lentate vigili del fuoco

Lentate, ramo spezzato sul corridoio del Comune, intervento dei pompieri di Lazzate | FOTO

Il ramo di un grosso albero è caduto questa notte sul corridoio sopraelevato di collegamento tra i due edifici della sede del Municipio a...

Senago, è morto Vincenzo: il 19enne travolto dal pirata della strada di Paderno

Non ce l’ha fatta Vincenzo Monti, il 19enne di Senago travolto da un pirata della strada di Paderno Dugnano nella notte tra sabato 17...
prima pagina
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !