Home CRONACA - Rapinato dall'amico, lo lega a un albero bastonandolo

Rapinato dall’amico, lo lega a un albero bastonandolo

(Foto archivio)

Rapinato da un 24enne verso il quale aveva un debito, con la complicità della fidanzata (giovane influencer, nota negli ambienti della musica trap) e di un coetaneo marocchino, si vendica con l’amico traditore: lo ha legato a un albero bastonandolo ed estorcendogli a titolo di “risarcimento” circa 800 euro. Il 22enne, di Busto Arsizio, è stato fermato dai carabinieri col suo rapinatore.

I militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Gallarate, questa mattina, hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa di misura cautelare, emessa dal Giudice per le indagini preliminari di Busto,  nei confronti di quattro giovanissimi, tre uomini (due italiani e un cittadino marocchino) e una donna, tutti residenti in provincia di Varese e di età compresa fra i 22 e i 24 anni. Rapina, estorsione, minaccia con armi e danneggiamento: questi i reati contestati a vario titolo. Il giudice ha disposto per i due indagati italiani gli arresti domiciliari, mentre per il giovane marocchino e la donna c’è l’obbligo di presentarsi agli uffici della polizia giudiziaria.

L’indagine, coordinata dalla Procura della Repubblica, è scaturita dall’intervento dei carabinieri la notte del 15 novembre, quando nei pressi di un hotel di Somma Lombardo era stata segnalata una rapina con un’arma da fuoco ai danni di un ragazzo di Busto di 22 anni. All’epoca l’aggressore, un 24enne nato a Milano e residente nel Luinese, era stato denunciato per rapina e, poiché trovato in possesso di 20 grammi di marijuana e di un coltello, anche per spaccio di stupefacenti e porto abusivo di armi.

Dalle successive indagini è emerso uno scenario criminale più ampio ed articolato, legato verosimilmente alla riscossione di debiti di droga, che ha rappresentato il prologo di una serie di eventi più gravi: i carabinieri hanno infatti accertato che la vittima della rapina aveva in realtà un debito col suo aggressore, che lo aveva rintracciato grazie alla collaborazione di un conoscente comune. Il rapinato, saputo il nome di chi lo aveva tradito, lo ha attirato all’interno di un bosco dove, con l’aiuto della sua fidanzata e di un coetaneo marocchino, lo ha legato a un albero e lo ha percosso selvaggiamente con pugni e bastonate, fracassandogli il cellulare davanti agli occhi con un trapano. Alle botte e alle intimidazioni il terzetto ha unito le richieste estorsive: al giovane, prima di essere legato all’albero, sono stati chiesti 800 euro come risarcimento per avere fatto la spia, denaro recuperato dalla vittima grazie a un amico che gli ha portato i soldi sul posto, ignaro di quanto stesse accadendo. Ricevuto il denaro, il giovane è stato slegato e riportato a casa.

I militari, per ricostruire l’intera vicenda, hanno ascoltato numerosi testimoni, analizzato tutti i filmati degli impianti di videosorveglianza presenti in zona ed esaminato i tabulati telefonici di tutti i coinvolti. Individuato il bosco in cui il ragazzo era stato legato, nei pressi dell’albero sono stati ritrovati e sequestrati i fazzoletti sporchi di sangue e il telefono cellulare danneggiato.

L’esito delle perquisizioni domiciliari nelle abitazioni degli indagati non solo ha confermato l’ipotesi investigativa, ma ha anche aperto nuovi scenari. I militari dell’Arma, infatti, oltre a 400 grammi di marijuana e alle parti di una pistola Beretta calibro 9, hanno rinvenuto un ordigno rudimentale, sette candelotti “Thunder” e due sacchetti di nitrato di potassio, materiale che veniva probabilmente utilizzato per la realizzazione di artifici esplosivi artigianali.



Caro lettore, dall’inizio dell’emergenza Covid-19 abbiamo subito un pesante crollo delle entrate pubblicitarie, che rappresentano da sempre un’importante entrata per sostenere il lavoro della redazione del Notiziario che realizza questo sito e il settimanale del venerdì in formato cartaceo o sfogliabile digitale.
Per garantire un’informazione quanto più possibile puntuale e autorevole dal nostro territorio, sono al lavoro giornalisti, liberi professionisti, che vedono fortemente minacciati i loro compensi dall’improvvisa diminuzione dei ricavi pubblicitari. Se apprezzi il nostro lavoro, ti chiediamo, se ti è possibile, di contribuire acquistando l’edizione sfogliabile del nostro settimanale (CLICCA QUI) oppure con una piccola donazione, seguendo i pulsanti qui sotto.
Bastano pochi clic, in totale sicurezza, con carta di credito o Paypal. Grazie.

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

testate cogliate

Testate ai pluviali della chiesetta tra Cogliate e Ceriano, maxi multa per due...

Due minorenni, ritenuti responsabili dei danneggiamenti alla chiesetta di San Damino, sono stati sanzionati con una multa da 300 euro ciascuno. L’episodio risale venerdì scorso,...
zalone

Dal piccolo Yeti a Checco Zalone per il Cinema in Villa di Solaro

Dal 14 luglio al 4 agosto il cortile di Villa Borromeo ospiterà la rassegna “Cinema in Villa 2020”. I posti, sempre ad ingresso gratuito saranno...

Cani e gatti avvelenati, perlustrazioni delle Unità cinofile dei Carabinieri forestali a Caronno, Gerenzano,...

Carabinieri in campo per la tutela degli animali. Segnalati sui social network sospetti casi di avvelenamento di cani e gatti, il Comando provinciale dei...
cornaredo incendio

Incendio in casa, i vigili del fuoco salvano 2 persone un gatto | VIDEO

I Vigili del Fuoco di Milano sono intervenuti a Cornaredo per l'incendio in un'abitazione.  L'allarme è partito da un edificio di Piazzetta Dugnani.  Sul posto...

Da Paderno a Temptation Island: ecco Federica a Canale5, la veterinaria tentatrice

Si chiama Federica Bianca Concavo. E' una veterinaria, classe 1993, di Paderno Dugnano. Segni particolari: tentatrice di Temptation Island, il reality condotto da Filippo...
Parco Giochi sanificazione

Sanificazione giochi nei parchi pubblici, Brianzacque aiuta i comuni

Brianzacque, società pubblica che gestisce la distribuzione dell’acqua nei 55 comuni della Provincia di Monza e Brianza, mette a disposizione dei comuni che ne...
Uboldo consiglio istituto Leva

Blitz anti-droga a Uboldo, il presidente del Consiglio d’Istituto: “No al linciaggio mediatico”.

Il linciaggio mediatico seguito all’arresto della banda di spacciatori di Uboldo non piace al presidente del Consiglio d’Istituto delle scuole, Angelo Leva, che non...
prima pagina Notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !