HomeBUONO A SAPERSITre anni senza Irap per chi apre un negozio nei centri storici...

Tre anni senza Irap per chi apre un negozio nei centri storici in Lombardia

negozi centro storico
Foto di Vlad Chețan da Pexels

La conferma e l’estensione della misura “Zero Irap” sono contenute nell’emendamento al Bilancio di Regione Lombardia  presentato dal consigliere regionale della Lega, Alessandro Corbetta.

La misura prevede uno sconto totale per tre anni dell’IRAP per le imprese artigiane e commerciali che aprono nei centri storici.

“La Lombardia continua nella politica di riduzione fiscale e incentiva a investire nei nostri centri storici. Dopo l’estensione già messa a bilancio lo scorso anno, inseriamo questa importante forma di agevolazione alle imprese anche per quanto riguarda la fascia dei Comuni compresi fra i 3000 abitanti e i 15.000 abitanti.

 

Nel complesso – continua Corbetta – i comuni lombardi interessati dalla misura Zero Irap saranno i capoluoghi di provincia e quelli con il numero di abitanti compreso fra 0 e 15 mila oppure sopra ai 40 mila abitanti”.

“Un passo ulteriore – commenta Corbetta – che ci proietta verso l’obiettivo di non far pagare l’IRAP alle attività che aprono in tutti i comuni lombardi, in quanto si tratta di uno strumento concreto contro l’abbandono dei nostri centri storici”.

“Con questa misura – ricorda il consigliere regionale – i nuovi negozi di vicinato commerciali e artigianali, quali panetterie o gelaterie, potranno beneficiare dell’azzeramento IRAP per tre anni.

Stiamo parlando di una media di 3500 euro di IRAP in meno ogni anno per 3 anni, quindi di una agevolazione che vale 10 mila euro per ogni nuova attività”.

“Favorire l’apertura di esercizi commerciali non significa solo mettere nuova linfa nel nostro sistema economico ma far rivivere i centri storici dei nostri Comuni e garantire più sicurezza e decoro. Aiutiamo in maniera tangibile le piccole attività contro lo strapotere della grande distribuzione e del commercio online, in totale controtendenza rispetto al governo Conte che tra nuove tasse e la mancata proroga della cedolare secca al 21% per gli esercizi commerciali si sta dimostrando ancora una volta nemico di chi crea e dà lavoro”.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Saronno, incendio in azienda dismessa, intervento dei pompieri | FOTO

I Vigili del fuoco sono intervenuti ieri sera a Saronno per l’ncendio all’interno di un’azienda dismessa. L’allarme è stato dato poco prima delle 21 da...
prima pagina notiziario

Green Pass, tutte le novità per spostarsi; Vincenzo non ce l’ha fatta, morto a...

La notizia di apertura del nuovo numero del Notiziario è quella sul Green Pass: tutte le novità per spostarsi in questa estate e frequentare...
Gianetti ruote consiglio

Gianetti, consiglio comunale davanti ai cancelli con consiglieri regionali e sindaci

Consiglio comunale aperto sul “caso Gianetti”, convocato davanti ai cancelli della fabbrica chiusa, questo pomeriggio a Ceriano Laghetto. Tante le risposte all’invito del sindaco...
virus

La variante Epsilon

L’alfabeto greco conta ventiquattro lettere, dalla Alfa alla Omega. Gli scienziati hanno l’abitudine di chiamare le varianti del Covid proprio con le lettere greche,...
meda sottopasso

Meda, furgone incastrato nel sottopasso ferroviario | FOTO

I vigili del fuoco sono intervenuti oggi pomeriggio alle 13,30 a Meda per liberare un furgone rimasto incastrato in un sottopasso. Il conducente del mezzo...

Rapina col martello a Senago: incastrato dal tatuaggio e arrestato a Bollate

I carabinieri hanno arrestato a Bollate il rapinatore col martello, che aveva minacciato una cassiera del supermercato Ins’s di Senago. L’uomo di 44...

Puzza di fogna in mezza Caronno: “Siamo stufi!”

E’ polemica per i cattivi odori di fogna. “Chissà perché, in questo periodo sono fissati tutti coi piccioni, ma in realtà c’è un disagio...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !