Home SERIE TV "Euphoria": il disagio giovanile, fra sesso e droghe, senza filtri

“Euphoria”: il disagio giovanile, fra sesso e droghe, senza filtri

Psichedelica, onirica e, al contempo, realistica come mai abbiamo visto una serie teen. E’ così che si presenta EUPHORIA, che in effetti non è propriamente una serie teen: l’intento del suo autore, Sam Levinson, è più che altro avvicinare il mondo degli adulti a quello dell’adolescenza. Senza filtri. Mostrandolo così com’è davvero. Quasi fosse un documentario, come suggerisce la voce fuori campo della protagonista: la bravissima Zendaya, che interpreta Rue.
EUPHORIA, prodotta dal network Hbo, è basata sull’omonima miniserie israeliana, la cui storia è stata traslata nella realtà americana. Racconta le vicende di un gruppo di liceali alle prese con le droghe, il sesso, il cambio d’identità sessuale, i primi innamoramenti e i traumi giovanili.
Gli otto episodi non hanno la classica trama delle serie teen tradizionali (come la spagnola ELITE e l’italiana BABY): sono qualcosa di molto diverso, che ci catapulta nella mente di ragazzi e ragazze segnati da un disagio esistenziale che rischia di portarli all’autodistruzione. Giovani che non hanno ancora trovato il loro posto nel mondo, che soffrono di solitudine anche se si circondano di coetanei, sconnessi dalla famiglia e in balia di desideri e voglia di sperimentare. In questo contesto non possono mancare i social, col rischio di distruggere reputazioni, e le droghe pesanti, che stordiscono facendo dimenticare dolori e delusioni.
Il tutto è rappresentato con una fotografia dai colori psichedelici e a tratti spenti (come le menti dei protagonisti), un montaggio dinamico e scattante (anche con brevi flashback che non fanno mai perdere il senso degli eventi), uno screept realistico e convincente. Un plauso a tutti gli attori, così calati nella parte da farci affezionare al punto che non ci sono antipatici nemmeno quando si rendono odiosi. Ma a primeggiare su tutti non può che essere lei, Zendaya, un talento che sarà difficile dimenticare: tanto più dopo la sequenza finale, quasi un musical.
Encomiabile l’iniziativa di Sky di aprire un sito cui i ragazzi possono rivolgersi, nel corso della programmazione della serie, per chiedere aiuto se riconoscono di avere un forte disagio esistenziale. Un sodalizio fra intrattenimento e servizio pubblico. Trasmessa da Sky e confermata per una seconda stagione, EUPHORIA è disponibile nei pacchetti Sky Box Sets.
Foto: isaechia.it

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Voto

Una testa un voto (anche se è bacata)

Secondo voi è giusto che uno studente universitario che lavora come cameriere per mantenersi agli studi e uno spacciatore di droga che rovina la...

Milano-Meda: auto fuori strada dopo l’autovelox di Paderno. Code e due feriti

Inizia già con un incidente questo giovedì 23 gennaio per la Milano-Meda. Poco prima delle 7, un'auto è finita fuori strada a Paderno Dugnano....
Senago Machete droga

Senago, spacciatori in fuga nel parco delle Groane: lanciano machete e droga

Continua l'attività di contrasto allo spaccio di stupefacenti per gli agenti della Polizia Locale  di Senago. Poco dopo le 15 gli uomini di pattuglia sulla...
carabinieri

Limbiate, accoltella il vicino: non sopportava il pianto del figlio piccolo

Non sopportava più il  pianto del bimbo di un anno del suo vicino di casa ed è per questo motivo che stamattina un 76enne...

Bollate, i funerali di Massimiliano Galli: l’ultimo saluto in San Martino

Si terranno giovedì 23 gennaio i funerali di Massimiliano Galli, il commerciante di abbigliamento di Bollate, morto tragicamente lunedì pomeriggio (clicca qui per l'articolo)....

prima pagina Notiziario

La nuova edizione
è già disponibile!

Acquistala in edicola,
oppure sfogliala in formato digitale
 

SCEGLI L’ABBONAMENTO !