HomeBOLLATESEScompenso cardiaco: una squadra di medici specialisti a Bollate e Garbagnate

Scompenso cardiaco: una squadra di medici specialisti a Bollate e Garbagnate

scompenso cardiaco GarbagnateL’Asst Rhodense ha attivato una equipe medica ad hoc per affrontare il problema dello scompenso cardiaco.
Ne fanno parte gli specialisti Roberta Turconi, Eugenio Canevelli e Simonetta Dassi, coordinati da Sergio Berra, che prestano servizio ambulatoriale a Garbagnate e Bollate, ed una equipe a Rho in Medicina con Renata Magatelli e Maria Rosa Beschi.

Loro si occupano della presa in carico dei pazienti cronici, controlli a breve termine, monitoraggi e follow-up specialistici, ottimizzazione della terapia farmacologia, gestione del Day Hospital per le fasi di iniziale scompenso, l’attivazione di un servizio di Telemedicina con una intervista settimanale strutturata del paziente o del suo caregiver (se possibile accompagnato dell’invio della traccia ECG) oltre all’organizzazione di un percorso di empowerment del nucleo-domiciliare (inteso come paziente e caregivers,) come base fondante della continuità assistenziale.

Lo scompenso cardiaco costituisce una delle patologie croniche a più alto impatto sulla sopravvivenza e qualità della vita dei pazienti oltre ad essere la principale causa di ricovero nei reparti di Medicina in tutto il mondo. A soffrirne sono soprattutto gli anziani, portatori di altre patologie croniche e invalidanti, con un elevato grado di fragilità, bisognosi di un approccio diagnostico – terapeutico multidisciplinare e profondamente integrato. L’empowerment è quel processo attraverso il quale le persone acquisiscono consapevolezza per migliorare la qualità della propria vita. In sanità si traduce in gruppi omogenei di specialisti che lavorano sinergicamente in virtù del benessere del paziente.

Lo scompenso cardiaco è determinato in genere da una patologia cardiaca che raramente trova nell’ambito dell’ospedalizzazione una risoluzione definitiva (chirurgica o interventistica); tendenzialmente il paziente dimesso dopo il miglioramento indotto da una terapia medica efficace è destinato a subire un nuovo ricovero entro il primo anno nel 50% dei casi a causa dell’instabilità intrinseca nella malattia stessa.

Da anni la ricerca ha evidenziato che l’incentivazione del ruolo attivo del malato nella gestione della propria malattia apporti una ricaduta positiva sulla prognosi. La terapia dello scompenso cardiaco deve quindi dotarsi di strumenti che inneschino un processo di empowerment del paziente affinché possa compiere delle scelte che migliorino il proprio stato di salute, a beneficio delle prospettive di vita, incrementando il livello di conoscenza e di consapevolezza che il paziente stesso possiede della propria malattia, dei fattori che incidono in modo positivo o negativo sulla stessa e delle azioni e comportamenti che è opportuno introdurre o limitare, in una logica di prevenzione secondaria.
Al paziente pertanto è richiesto di avere un livello di informazione e conoscenze adeguate per essere un partner attivo rispetto alla propria cura.

 

 


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Grave incidente sulla Tangenziale Nord tra Monza e Sesto, cabina del tir distrutta, 2...

Un grave incidente stradale ha provocato due feriti questo pomeriggio sulla Tangenziale Nord, A52 tra Sesto San Giovanni e Monza Sant’Alessandro. L’incidente stradale si è...

Rivoluzione fra Cislago e Gerenzano: in arrivo fast-food e ciclabile

Sulla Varesina tra Cislago e Gerenzano stanno per arrivare grosse novità. La più significativa è il prossimo insediamento di un fast-food nel triangolo di...
magliette guardia di finanza

Maglie false dell’Inter, del Barcellona, del Real e del Psg sequestrate a Trezzano dalla...

Inter, Real Madrid, Barcellona, Paris Saint Germain e la Nazionale azzurra: tutte magliette rigorosamente false. I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza...

Paderno, famiglia di anatroccoli bloccata nel canale, salvati dai Vigili del fuoco |FOTO |VIDEO

    Una famiglia di anatroccoli bloccata nel canaletto che costeggia la Comasina, è successo questa mattina, giovedì 6 maggio, pochi minuti dopo le 11, quando...

Bollate, apre la nuova complanare che collega via Piave con via Don Uboldi

Dopo un anno di attesa, apre finalmente questa notte la nuova complanare di Bollate che collega via Piave con via Don Uboldi e la...
Limbiate vaccino

Lombardia, da lunedì 10 maggio i cittadini tra i 50 e 59 anni possono...

Da lunedì 10 maggio in Lombardia apriranno le prenotazioni al vaccino anti-Covid per i cittadini di età compresa tra i 50 e i 59...
Bollate scritte shock

Bollate, “Forza Hitrer” e “Viva Covid”: scritte shock sotto indagine

“Forza Hitrer” e “Viva Covid”: sconcerto a Bollate per le scritte comparse in due zone della città. Nei giorni scorsi un anonimo bollatese (ma non...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !