Home BOLLATESE Dalla pista da sci (sfumata) a nuove case: quale futuro per l'ex...

Dalla pista da sci (sfumata) a nuove case: quale futuro per l’ex Alfa di Arese?

L’area ex Alfa Romeo è diventata la “Bella addormentata”? Che cosa sta accadendo attorno all’Accordo di programma che interessa le aree ancora non oggetto di riconversione a Garbagnate, Arese e Lainate?

Di questo argomento stiamo scrivendo ormai da anni, eppure nulla sembra muoversi, anzi, la situazione appare sempre più impantanata ed è difficile capirne il motivo. Quando, alcuni mesi fa, fu annunciato ufficialmente che il progetto della pista da sci indoor era tramontato (clicca qui per l’articolo), qualcuno esultò di gioia ritenendo che sfumava un pericoloso attentato all’ambiente.

Non ci sono dubbi che l’aria nella nostra zona sia inquinata, ma esultare perché non si fa una pista da sci indoor ci era parso davvero poco lungimirante. Perchè? Perché quello che verrà al posto di tale pista sarà sicuramente a maggior impatto di traffico e di inquinamento.

Basti pensare che la prima ipotesi avanzata era quella di un grosso palazzo dello sport, ossia una struttura che ad ogni apertura porta 4-5mila auto tutte insieme. Adesso però tutto sembra tacere, e la cosa è molto strana.

Circolano voci che la proprietà abbia avanzato l’idea di trasformare parte dell’area in residenziale, cosa che però non piacerebbe ai comuni interessati (in particolare Garbagnate). Significherebbe dover costruire scuole, asili, dare servizi di trasporto, assistenziali.

Insomma, un grosso onere che rischierebbe di scaricarsi su tutta la comunità. Al momento, però, tutto tace: l’ultimo tavolo di confronto è stato convocato in Regione Lombardia l’8 novembre del 2019, ossia tre mesi fa, poi più nulla, silenzio totale. Come mai questo immobilismo? Nessuno sembra saperlo. Che la Regione non sia interessata a far sviluppare l’area ex Alfa? Oppure è la proprietà a voler prendere una pausa di riflessione? O forse è colpa dei Comuni che, tra ipotesi di metrò, treno, bus e cabinovia, hanno creato troppo disorientamento?

Per capirlo non resta che rimanere in attesa degli sviluppi, ma certo le prospettive per il futuro dell’area non sono le migliori: se dalla pista da sci si passa a un’ipotesi di edilizia residenziale, vuol dire che le idee sono proprio finite.

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Coronavirus, Elisa De Panicis (l’influencer di Solaro): “Il Sud ha vinto sul Nord”

L'influencer di Solaro Elisa De Panicis torna al centro della polemica, questa volta per una sua uscita poco felice su Instagram a proposito del...
Mentana Saronno

Coronavirus: l’ordinanza (dei 1.200 morti) a Saronno vista da Enrico Mentana

L’ordinanza “catastrofista” del sindaco di Saronno, Alessandro Fagioli, è stata citata anche sulla pagina Facebook di Enrico Mentana, direttore del Tg La7, fondatore di...

Coronavirus, la truffa del tampone a Solaro su La7: “Ho visto i truffatori”

Il caso della truffa dei falsi tamponi per il coronavirus finisce a La7 a L'aria che tira, dopo il nostro primo articolo (clicca qui...
bar cameriere

Coronavirus, i bar possono restare aperti dopo le 18 con servizio al tavolo

I bar della Lombardia  possono restare aperti da questa sera anche dopo le 18 purché servano ai clienti da bere al tavolo e non...

Coronavirus, donna di Bollate in quarantena: spacciatrice nella zona rossa di Lodi

Ci sarebbe la prima donna di Bollate in quarantena poiché sostiene di essersi recata a spacciare nella zona rossa del Lodigiano, come riferisce il...

prima pagina notiziario

La nuova edizione
è già disponibile!

Acquistala in edicola,
oppure sfogliala in formato digitale
 

SCEGLI L’ABBONAMENTO !