Home NORD MILANO Reddito di cittadinanza, Lambrenedetto XVI su Facebook e il caso di Paderno

Reddito di cittadinanza, Lambrenedetto XVI su Facebook e il caso di Paderno

Ricevo il reddito di cittadinanza da un anno, ma nessuno mi ha mai fatto un’offerta di lavoro neppure per qualcosa di socialmente utile”. E’ il caso di Maurizio, un cittadino di Paderno Dugnano, che è stato intervistato da Lorenzo Lambrughi, aliasLambrenedetto XVI (clicca qui per il video).

Il video condiviso sui social in pochi giorni ha ricevuto mezzo milione di visualizzazioni e migliaia di commenti. Questa volta Lambrenedetto XVI si occupa del reddito di cittadinanza in Italia e per l’occasione racconta la storia di Maurizio, uno dei 318 padernesi che beneficia di questo sussidio. Il padernese al momento senza lavoro racconta di ricevere dallo Stato 570 euro al mese. “Ogni 27 del mese mi viene caricata sulla tessera questa somma. Di questi: 100 euro posso prelevarli e il resto devo destinarli ad acquisti ben precisi come spesa settimanale e bollette”, dice.

Racconta di aver lavorato in fabbrica fino al 2008, poi da lì sono iniziati gli anni della crisi. Era un operaio generico, senza professionalità specifica. “Ho perso il posto di lavoro e ho fatto qualche lavoro precario per contratti medio lunghi fino al 2012, quando poi è arrivata un’altra crisi seguita dalla Legge Fornero”, racconta Maurizio che dice di vivere in una casa popolare di Paderno, ereditata dalla madre. “Pago 45 euro di affitto al mese, il resto del reddito di cittadinanza mi serve per vivere“.

Usufruisce di questo sussidio da un anno, ma in tutto questo arco di tempo nessuno l’ha mai contattato per un’offerta di lavoro. “Senza questi soldi sarei finito in strada, ma nessuno mi ha mai proposto alcun impiego. Pensavo che il reddito di cittadinanza potesse essere l’occasione per trovare un lavoro”, aggiunge Maurizio che è troppo giovane per ricevere la pensione. Non gli è arrivata neppure la proposta di un lavoro socialmente utile. “Se succede questo in provincia di Milano, figuriamoci nel resto d’Italia”, aggiunge Lambrenedetto XVI.

“Questo è un provvedimento è giusto in uno Paese sbagliato. C’è gente beccata con la Ferrari nonostante lo ricevesse. Avrei dato aiuti alla gente che perde il posto di lavoro e magari ha superato i 40 anni d’età, ma non lo darei a chi invece non ha mai fatto un’ora di lavoro”. Lambrughi, che sui social si fa chiamare Lambrenedetto XVI, è un volto popolare soprattutto tra i giovanissimi. Il suo successo lo deve, in particolar modo, ai canali social, che utilizza quotidianamente per pubblicare i suoi video, soprattutto di denuncia. Le origini del fenomeno Lambrenedetto risalgono al 2012, quando ha pubblicato su youtube un primo video amatoriale girato tra gli scaffali dei supermercati tedeschi in cui ha confrontato i prezzi di prodotti della stessa marca venduti in Germania con quelli venduti in Italia: un successo.

A quel filmato di denuncia ne seguirono altri, sempre più apprezzati dal pubblico, su temi disparati tra cui il caro benzina, lo stato delle strade, il costo della vita in generale. Si è occupato anche dello spaccio nel parco delle Groane girando un video a Ceriano Laghetto (clicca qui per l’articolo). Ora è la volta di Paderno e della storia di Maurizio con il suo reddito di cittadinanza.



Caro lettore, dall’inizio dell’emergenza Covid-19 abbiamo subito un pesante crollo delle entrate pubblicitarie, che rappresentano da sempre un’importante entrata per sostenere il lavoro della redazione del Notiziario che realizza questo sito e il settimanale del venerdì in formato cartaceo o sfogliabile digitale.
Per garantire un’informazione quanto più possibile puntuale e autorevole dal nostro territorio, sono al lavoro giornalisti, liberi professionisti, che vedono fortemente minacciati i loro compensi dall’improvvisa diminuzione dei ricavi pubblicitari. Se apprezzi il nostro lavoro, ti chiediamo, se ti è possibile, di contribuire acquistando l’edizione sfogliabile del nostro settimanale (CLICCA QUI) oppure con una piccola donazione, seguendo i pulsanti qui sotto.
Bastano pochi clic, in totale sicurezza, con carta di credito o Paypal. Grazie.

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Coronavirus, all’ospedale di Bollate si fa i tampone in auto ai dimessi da covid-19

E' attivo presso il Pot di Bollate il servizio drive-trough per effettuare tamponi ai pazienti, già dimessi, direttamente dalle auto. Si tratta di una sperimentazione...

Coronavirus, mascherine della Regione consegnate ai comuni, la distribuzione a Cogliate, Misinto...

Le mascherine protettive annunciate da Regione Lombardia (che ha reso obbligatorio coprirsi naso e bocca fuori da casa) sono state consegnate ieri nei comuni...

Coronavirus, nono morto a Caronno: aveva 84 anni

Purtroppo continua il triste record di morti da Coronavirus a Caronno Pertusella, focolaio della zona: è notizia di queste ore il nono decesso. Si...

Coronavirus: due morti a Gerenzano, un altro a Cislago. Contagi stabili a Saronno

Due morti e 13 contagi da coronavirus a Gerenzano. Lo rende noto il sindaco Ivano Campi comunicando i numeri ufficiali forniti da ATS Insubria....

Coronavirus: Bollate cambia la distribuzione delle mascherine gratis

Il Comune di Bollate cambia le modalità di consegna delle mascherine gratuite, operazione che scatterà dopodomani, mercoledì 8 aprile. Lo ha reso noto il...

Coronavirus, a Cislago pasti a domicilio per anziani e persone in quarantena

Novità importante per gli anziani e le persone in quarantena di Cislago: l’azienda Pellegrini, che ha l’appalto della ristorazione scolastica, si è messa a...

Coronavirus, il Cinema di Caronno dona 1000 euro per gli ospedali

“L’emergenza, che in questo periodo affligge la nostra penisola, ha creato in noi la necessità di dare un ulteriore contributo alla comunità che ci...
prima pagina notiziarioil notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !