Home SERIE TV "L'amica geniale", ritratto di un'epoca e commovente storia di un'amicizia

“L’amica geniale”, ritratto di un’epoca e commovente storia di un’amicizia

“Papà, voglio andare alla scuola media”. “Non abbiamo soldi, devi lavorare”. “No, io voglio andarci”. E la piccola Lila viene scaraventata fuori dalla finestra. E’ una scena emblematica de L’AMICA GENIALE, che racchiude uno dei temi centrali di questa serie tratta dal libro di Elena Ferrante: l’istruzione nel dopoguerra, in un’Italia dove dominavano ignoranza e maschilismo.
 
Un periodo nel quale cominciavano a spargersi i semi del femminismo: sì, perché Lila, con la sua ribellione e volontà di studiare, aveva a modo suo cominciato a spezzare quegli schemi.
 

LEGGI TUTTE LE NOSTRE  RECENSIONI DELLE SERIE TV

 
Creata e diretta da Saverio Costanzo, prodotta da Wildside e Fandango con Umedia per Rai Fiction, Hbo e Timvision, L’AMICA GENIALE è una di quelle storie che rapiscono lo spettatore, affascinato dalle atmosfere descritte nel libro e fedelmente rappresentate in una versione televisivo-cinematografica (le prime due puntate sono state presentate, con grande successo di pubblico e critica, al Festival del Cinema di Venezia) di grande effetto.
 
Per raccontare le vicende di Elena Greco e Raffaella Cerullo, due bambine degli anni Cinquanta che crescono in un rione popolare di Napoli, il regista Saverio Costanzo non solo ha ricostruito alla perfezione i caseggiati dell’epoca e le botteghe, ma è riescito a tirare fuori dalle sue protagoniste bambine e adulte, tutte attrici alla prima esperienza, quella spontaneità e genuinità che le rendono credibili in ogni loro parola, in ogni loro gesto. Costanzo è attento a ogni dettaglio espressivo, catturato coi primi piani fatti di sguardi: quelli melanconici di Elena e quelli orgogliosi e di sfida di Raffaella.
 
C’è il desiderio di riscatto da una realtà fatta di povertà e violenza nei loro occhi, nelle loro mezze parole, nella grande amicizia che le lega (da quando trovano ispirazione nel romanzo “Piccole Donne” alla scuola, dove Lila dimostra di essere geniale, ai primi amori…). Coinvolgenti i dialoghi in napoletano sottotitolati e grandiosa la scelta delle colonne sonore, che ben rendono le atmosfere raccontate nel libro della Ferrante.
 
Ma L’AMICA GENIALE non è solo la storia di un’amicizia, bensì il ritratto di un’epoca che sembra lontana anni luce dalla nostra: quella di quartieri dove c’era poco lavoro e poco da mangiare, dove a dominare erano famiglie ricche che usavano la sopraffazione, dove le ragazze non vedevano il mare a pochi chilometri perché non potevano uscire dal rione. Una società nella quale studiare era un lusso: “Ma che vai a studiare a fare? Qui c’è da lavorare!”, grida la madre alla figlia Elena, che a differenza di Lila riesce ad arrivare al ginnasio grazie al padre che si è fatto convincere dalla maestra.
L’AMICA GENIALE, trasmessa da Raiuno e disponibile su Raiplay, ha avuto un seguito in onda in queste settimane, “Storia del nuovo cognome”, sempre con la narrazione fuori campo di Alba Rohrwacher, voce interiore di Elena.


Caro lettore, dall’inizio dell’emergenza Covid-19 abbiamo subito un pesante crollo delle entrate pubblicitarie, che rappresentano da sempre un’importante entrata per sostenere il lavoro della redazione del Notiziario che realizza questo sito e il settimanale del venerdì in formato cartaceo o sfogliabile digitale.
Per garantire un’informazione quanto più possibile puntuale e autorevole dal nostro territorio, sono al lavoro giornalisti, liberi professionisti, che vedono fortemente minacciati i loro compensi dall’improvvisa diminuzione dei ricavi pubblicitari. Se apprezzi il nostro lavoro, ti chiediamo, se ti è possibile, di contribuire acquistando l’edizione sfogliabile del nostro settimanale (CLICCA QUI) oppure con una piccola donazione, seguendo i pulsanti qui sotto.
Bastano pochi clic, in totale sicurezza, con carta di credito o Paypal. Grazie.

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Barbara d’Urso e Pomeriggio 5 a Paderno: Rino e i suoi pasti gratis agli...

Collegamento in diretta con Paderno Dugnano per Pomeriggio 5. Barbara d'Urso ha raccontato l'iniziativa di Rino, il ristoratore che cucina gratis pasti per i...

Coronavirus: 15 morti a Senago, 3 decessi a Lazzate

A Senago sono arrivati a 15  i morti  per Covid-19 dichiarati ufficialmente da Ats e comunicati pubblicamente dal sindaco Magda Beretta.  "Il primo pensiero dell’Amministrazione...

Nuovo appello del canile di Uboldo: “Ci serve aiuto per curare i cani”

Nuovo Sos dal canile "Una luce fuori dal lager" di Uboldo, che da quando è scoppiata l'emergenza Coronavirus sta attraversando grosse difficoltà nell'approvvigionamento di...

A Origgio e Uboldo arrivano i droni: li userà la polizia locale

In dotazione della polizia locale consorziata di Uboldo e Origgio stanno per arrivare due droni: serviranno per sorvegliare il territorio dall’alto in particolari circostanze,...

Limbiate, anziana finisce nel canale con il cane: liberata e poi sanzionata

Un’anziana donna di Limbiate ed il suo cane sono stati liberati dall’intervento dei Vigili del fuoco e della Polizia locale, dopo che erano rimasti...
Coda Esselunga

Coronavirus, code all’Esselunga di Garbagnate: “Sindaco, anche noi ingressi per cognome”

Lunghe code anche questa mattina all'ingresso dell'Esselunga di Garbagnate. La situazione è peggiorata anche dal fatto che Esselunga ha istituito ormai da una settimana, di...

Incendio a Novate Milanese nella notte, in fiamme una cantina

Incendio nella notte a Novate Milanese. Attorno alle 3 sono divampate le fiamme in una palazzina di via De Amicis. Ad allertare i Vigili...
prima pagina notiziarioil notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !