Home NEI DINTORNI Chiusa l'officina dei 2 euro falsi, sequestrate droga, pistole e bomba a...

Chiusa l’officina dei 2 euro falsi, sequestrate droga, pistole e bomba a mano, 16 arresti | VIDEO

Maxi operazione di carabinieri in 6 province per l’arresto di 16 persone accusate di produzione di monete false e spaccio di stupefacenti.
L’intervento dei militari dell’Arma si è sviluppato nelle province di Como, Lecco, Monza Brianza, Milano, Imperia e Cremona e ha presto spunto da un arresto effettuato a fine agosto 2019 a Cermenate (Co), durante il quale sono stati sequestrati ingenti quantitativi di monete da 2 euro false e di sostanza stupefacente.

I carabinieri hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 16 indagati (per 15 è stata disposta la custodia cautelare in carcere – 2 già detenuti, per 1 misura cautelare degli arresti domiciliari), ritenuti responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere e fabbricazione e spendita di monete false, detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.
L’indagine, condotta dall’aliquota Operativa del nucleo radiomobile della Compagnia Carabinieri di Cantù, trae origine dall’arresto dello scorso 30 agosto 2019, in Cermenate (CO), di un soggetto trovato in possesso di 426 grammi di cocaina e di oltre 4.200 monete false da 2 euro.

L’attività investigativa, ha consentito di individuare un’organizzazione criminale dedita alla fabbricazione ed alla spendita di monete false della pezzatura da 2 euro, nonché il luogo di produzione, in cui erano occultati i sofisticati macchinari, sequestrati insieme ad altre migliaia di monete contraffatte e materia prima per la produzione delle monete false, delineare i ruoli specifici ricoperti da ciascuno degli indagati e le modalità di produzione e spendita del denaro falso in tutta Europa.
Sono state recuperate complessivamente 10mila monete da 2 euro false.

L’indagine ha inoltre permesso di individuare i canali di fornitura della sostanza stupefacente sequestrata il 30 agosto 2019, documentando una rete di spaccio di stupefacenti, costituita da almeno 7 persone ed attiva nella provincia di Como e da altri pusher localizzati nelle province limitrofe, riuscendo a quantificare uno smercio di circa kg 1,5 circa di cocaina, kg 6 circa di hashish, per un valore complessivo di circa 70.000 euro.
Sono stati sequestrati circa 600 grammi di sostanza stupefacente del tipo cocaina, per un valore di circa 20.000 euro, nonché una pistola ed una bomba a mano, illegalmente detenute.

Gli operanti hanno proceduto a perquisizioni domiciliari delegate a carico di persone pregiudicate dimoranti nelle province di Como, Monza Brianza, Cremona e Milano, con i quali gli indagati hanno mantenuto rapporti.

Durante le perquisizioni nelle abitazioni state rinvenute e sequestrate ulteriori 2600 monete da 2 euro contraffatte, una banconota falsa da 100 euro nonché una pistola scacciacani.

NEL VIDEO  Il comandante della Compagnia Carabinieri di Cantù, capitano Francesco Coratti


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Teppismi al parco di Uboldo, “Piazzeremo le telecamere”

I teppismi commessi ripetutamente nel Parco Luca Ciccioni di Uboldo, dedicato all’associazione impegnata da anni nella lotta alla leucemia infantile, hanno spinto il Comune...
Saronno hot spot covid

Centro tamponi e triage sospetti Covid a Saronno al posto della pista di pattinaggio

Sotto il tendone che ospita abitualmente la pista di pattinaggio,  nell'area del PalaExbo di via Piave a Saronno, si sta per completare l’allestimento di...

Pioltello, si finge carabiniere e truffa 5 anziane | VIDEO

Il 24 novembre i Carabinieri di Pioltello hanno arrestato un 27enne italiano, residente a Milano e con precedenti penali, per i reati di truffa...

Parco Groane, 600mila euro di interventi tra Bollate, Limbiate, Garbagnate e non solo…

Il Consiglio di Gestione del Parco delle Groane ha deciso di investire l'avanzo di bilancio che ammonta a 624.581,17 euro in una serie di...
misinto andrea marchiori

Tragedia nel comando dei vigili di Lecco, morto un ufficiale di Misinto

La tragedia si è consumata nella sede della Polizia locale di Lecco: a togliersi la vita è stato ufficiale residente a Misinto. Andrea Marchiori,...

Auto svedese intestata a prestanome: folle inseguimento a Bollate

Inseguimento rocambolesco sabato notte nelle vie di Bollate dopo che le pattuglie di Polizia locale in servizio straordinario hanno fermato un cittadino croato (o...

Bollate, parcheggio libero e gratuito per tutto il periodo natalizio

Anche quest'anno a Bollate l'Amministrazione Comunale ha sospeso la sosta a pagamento, sia sulle strisce blu sia su quelle gialle, per tutto il periodo...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !