Home EDITORIALI Se non ci svegliamo, sarà un disastro

Se non ci svegliamo, sarà un disastro

coronavirus
Designed by Freepik

L’emergenza che stiamo vivendo in questi giorni ha messo a nudo un grave difetto della nostra società: la fragilità. Il nostro benessere è costruito su una fragile base di cristallo, basta un sussulto per far vacillare il lavoro (e dunque la tranquillità) di milioni di persone.

Ci ho sempre pensato a questa fragilità: basta un lungo black-out, una nube radioattiva o un’arma batteriologica e tutto rischia di cadere a pezzi. Invece l’attacco è arrivato da un virus, un’emergenza gestita male, non c’è dubbio.

Anzichè tranquillizzarci dicendo “Non preoccupatevi, dobbiamo solo rallentare al massimo il diffondersi del virus, così da poter curare tutti al meglio”, si sono viste informazioni confuse, ritardi, ordinanze emesse, poi cambiate e poi rimesse, con i social che hanno diffuso una marea di fake news senza il minimo controllo, generando panico. Bisognava chiudere i social, non le scuole, sia chiaro.

I danni adesso sono immensi, sappiatelo. L’Italia è un Paese che vive di immagine e la nostra immagine oggi è distrutta. Nel turismo lavorano quattro milioni e mezzo di persone, Milano è la città con maggior afflusso di turisti d’Italia: che cosa ne sarà di quei 4,5 milioni di lavoratori questa primavera e quest’estate? Urge dare un’immagine di normalità, occorre mettere da parte al più presto l’isteria collettiva.

Sì, ci sono casi di coronavirus, va bene, ma se tutti rispettiamo le direttive ministeriali, rimarranno pochi casi e potremo risollevarci.

Se invece non ci svegliamo, se non torniamo a una vita normale pur rispettando le direttive, sarà un disastro.

 

Piero Uboldi 



Caro lettore, dall’inizio dell’emergenza Covid-19 abbiamo subito un pesante crollo delle entrate pubblicitarie, che rappresentano da sempre un’importante entrata per sostenere il lavoro della redazione del Notiziario che realizza questo sito e il settimanale del venerdì in formato cartaceo o sfogliabile digitale.
Per garantire un’informazione quanto più possibile puntuale e autorevole dal nostro territorio, sono al lavoro giornalisti, liberi professionisti, che vedono fortemente minacciati i loro compensi dall’improvvisa diminuzione dei ricavi pubblicitari. Se apprezzi il nostro lavoro, ti chiediamo, se ti è possibile, di contribuire acquistando l’edizione sfogliabile del nostro settimanale (CLICCA QUI) oppure con una piccola donazione, seguendo i pulsanti qui sotto.
Bastano pochi clic, in totale sicurezza, con carta di credito o Paypal. Grazie.

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

A Origgio e Uboldo arrivano i droni: li userà la polizia locale

In dotazione della polizia locale consorziata di Uboldo e Origgio stanno per arrivare due droni: serviranno per sorvegliare il territorio dall’alto in particolari circostanze,...

Limbiate, anziana finisce nel canale con il cane: liberata e poi sanzionata

Un’anziana donna di Limbiate ed il suo cane sono stati liberati dall’intervento dei Vigili del fuoco e della Polizia locale, dopo che erano rimasti...
Coda Esselunga

Coronavirus, code all’Esselunga di Garbagnate: “Sindaco, anche noi ingressi per cognome”

Lunghe code anche questa mattina all'ingresso dell'Esselunga di Garbagnate. La situazione è peggiorata anche dal fatto che Esselunga ha istituito ormai da una settimana, di...

Incendio a Novate Milanese nella notte, in fiamme una cantina

Incendio nella notte a Novate Milanese. Attorno alle 3 sono divampate le fiamme in una palazzina di via De Amicis. Ad allertare i Vigili...

Paderno, la missione di Rino: “Preparo e porto pizze e pasti gratis negli ospedali...

“Per noi rimanere chiusi è un danno, ma anziché stare a casa a piangerci addosso vogliamo dare la nostra mano a chi ci aiuta”....

Lentate, incidente con la motosega: rischia di perdere una mano

Un uomo di 65 anni rischia l’amputazione di una mano in seguito ad una grave ferita con la motosega che si è procurato questo...
carabinieri

Limbiate, per evitare controlli spacciava droga solo in casa: scoperto e arrestato

Uno  spacciatore di droga di 21 anni, di Limbiate, aveva imposto ai suoi clienti di andarsi a prendere la dose a casa sua, perchè...
prima pagina notiziarioil notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !