HomePrima PaginaCoronavirus, lo sfogo di Caronno: "Noi tabaccai a rischio, non vedo i...

Coronavirus, lo sfogo di Caronno: “Noi tabaccai a rischio, non vedo i miei figli da settimane”

“Quello che ci hanno chiesto è stato di morire di coronavirus oppure di fallire”. E’ lo sfogo di Cristina Cinquemani, di Caronno Pertusella, la quale lavora come tabaccaia a Milano in via Rubens.

Adesso la categoria dei tabaccai ha ottenuto la facoltà di poter scegliere se tenere l’attività aperta o chiusa, “ma fino a martedì della scorsa abbiamo dovuto per forza lavorare otto ore al giorno – si sfoga la caronnese – senza possibilità di chiudere anche se le sigarette e le giocate al Lotto non sono servizi di prima necessità”.

Il caso di Cristina è emblematico della situazione venuta a crearsi: “Non vedo i miei figli di otto e quattro anni da  due settimane – spiega – Obbligandoci a lavorare senza mascherine né guanti, al contatto coi clienti, rischiamo di infettarci ogni giorno e non posso portare il virus ai miei piccoli, che ho lasciato a ai nonni”. Cristina avrebbe voluto poter scegliere se lasciare la sua tabaccheria aperta o chiusa, “ma ci hanno costretto a stare aperti dalle 7 del mattino alle 7 di sera con la sola pausa pranzo. In pratica il Governo ci dice: state al vostro posto per guadagnare il 10 per cento sulle sigarette, su giocate e gratta e vinci. Ma non dev’essere un obbligo, bensì una scelta. Ho il terrore di non poter rivedere più i miei bambini, di non poterli crescere”.

Settimana scorsa è stato concesso di lavorare mezza giornata, garantendo cinque ore invece di otto e lasciando il distributore di sigarette in funzione: “Anche se non è molto, va sicuramente meglio – commenta la tabaccaia – Il massimo sarebbe rimanere chiusi e coi conti congelati dal momento della chiusura, per poi rimovimentarli all’apertura dell’esercizio. Ma avendo fatto un ordine molto alto di sigarette (essendo in zona l’unica aperta) devo poter rientrare dei costi”.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Grave incidente sulla Tangenziale Nord tra Monza e Sesto, cabina del tir distrutta, 2...

Un grave incidente stradale ha provocato due feriti questo pomeriggio sulla Tangenziale Nord, A52 tra Sesto San Giovanni e Monza Sant’Alessandro. L’incidente stradale si è...

Rivoluzione fra Cislago e Gerenzano: in arrivo fast-food e ciclabile

Sulla Varesina tra Cislago e Gerenzano stanno per arrivare grosse novità. La più significativa è il prossimo insediamento di un fast-food nel triangolo di...
magliette guardia di finanza

Maglie false dell’Inter, del Barcellona, del Real e del Psg sequestrate a Trezzano dalla...

Inter, Real Madrid, Barcellona, Paris Saint Germain e la Nazionale azzurra: tutte magliette rigorosamente false. I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza...

Paderno, famiglia di anatroccoli bloccata nel canale, salvati dai Vigili del fuoco |FOTO |VIDEO

    Una famiglia di anatroccoli bloccata nel canaletto che costeggia la Comasina, è successo questa mattina, giovedì 6 maggio, pochi minuti dopo le 11, quando...

Bollate, apre la nuova complanare che collega via Piave con via Don Uboldi

Dopo un anno di attesa, apre finalmente questa notte la nuova complanare di Bollate che collega via Piave con via Don Uboldi e la...
Limbiate vaccino

Lombardia, da lunedì 10 maggio i cittadini tra i 50 e 59 anni possono...

Da lunedì 10 maggio in Lombardia apriranno le prenotazioni al vaccino anti-Covid per i cittadini di età compresa tra i 50 e i 59...
Bollate scritte shock

Bollate, “Forza Hitrer” e “Viva Covid”: scritte shock sotto indagine

“Forza Hitrer” e “Viva Covid”: sconcerto a Bollate per le scritte comparse in due zone della città. Nei giorni scorsi un anonimo bollatese (ma non...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !