Home Prima Pagina Coronavirus, lo sfogo di Caronno: "Noi tabaccai a rischio, non vedo i...

Coronavirus, lo sfogo di Caronno: “Noi tabaccai a rischio, non vedo i miei figli da settimane”

“Quello che ci hanno chiesto è stato di morire di coronavirus oppure di fallire”. E’ lo sfogo di Cristina Cinquemani, di Caronno Pertusella, la quale lavora come tabaccaia a Milano in via Rubens.

Adesso la categoria dei tabaccai ha ottenuto la facoltà di poter scegliere se tenere l’attività aperta o chiusa, “ma fino a martedì della scorsa abbiamo dovuto per forza lavorare otto ore al giorno – si sfoga la caronnese – senza possibilità di chiudere anche se le sigarette e le giocate al Lotto non sono servizi di prima necessità”.

Il caso di Cristina è emblematico della situazione venuta a crearsi: “Non vedo i miei figli di otto e quattro anni da  due settimane – spiega – Obbligandoci a lavorare senza mascherine né guanti, al contatto coi clienti, rischiamo di infettarci ogni giorno e non posso portare il virus ai miei piccoli, che ho lasciato a ai nonni”. Cristina avrebbe voluto poter scegliere se lasciare la sua tabaccheria aperta o chiusa, “ma ci hanno costretto a stare aperti dalle 7 del mattino alle 7 di sera con la sola pausa pranzo. In pratica il Governo ci dice: state al vostro posto per guadagnare il 10 per cento sulle sigarette, su giocate e gratta e vinci. Ma non dev’essere un obbligo, bensì una scelta. Ho il terrore di non poter rivedere più i miei bambini, di non poterli crescere”.

Settimana scorsa è stato concesso di lavorare mezza giornata, garantendo cinque ore invece di otto e lasciando il distributore di sigarette in funzione: “Anche se non è molto, va sicuramente meglio – commenta la tabaccaia – Il massimo sarebbe rimanere chiusi e coi conti congelati dal momento della chiusura, per poi rimovimentarli all’apertura dell’esercizio. Ma avendo fatto un ordine molto alto di sigarette (essendo in zona l’unica aperta) devo poter rientrare dei costi”.



EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Saronno sant'Antonio

Sant’Antonio in zona rossa: primo anno senza il corteo storico a Saronno

Dai contadini del Trecento al mito di Cecilia Gallerani, dalla peste del Manzoni alla chiesa di Carlo Borromeo: per 13 edizioni un “viaggio nel...
Corsico incidente

Corsico: salta lo stop, travolge auto e fugge, marito morto, moglie grave, il...

Tragico incidente stradale ieri sera a Corsico, in via Piave, dove un’autovettura Bmw, proveniente da via Vittorio Veneto, ha attraversato l’incrocio   ad alta velocità,...

Saronno, assembramenti in centro prima della zona rossa: 6 multe da 400 euro

Giro di vite agli assembramenti in centro a Saronno. La polizia locale è intervenuta sabato pomeriggio nella zona pedonale di corso Italia proprio nelle...

Rapina sul treno S4 tra Camnago e Seveso, vittima un influencer di TikTok

Influencer di TikTok rapinato su un treno della linea S4, arrestato un tunisino di Lentate sul Seveso. E' successo tra Camnago e Seveso complice...

Zona rossa in Lombardia: mercati regolari (ma ridotti), chiese aperte per le messe

Mercati regolari ma ridotti ai soli alimentari, chiese aperte per le messe e possibilità di raggiungere le secondo case anche fuori regione. Sono queste...
eroina

Eroina nelle Groane: arrestati a Ceriano 43enne di Limbiate e 24enne di Seveso

I carabinieri di Cesano Maderno hanno arrestato due spacciatori di droga, con un ingente quantitativo di eroina, nel Parco delle Groane, nei pressi della...
cogliate

Lazzate, Misinto, Cogliate e Ceriano: i sindaci scrivono a Conte per rivedere la zona...

I sindaci dei Comuni di Lazzate, Misinto, Ceriano Laghetto e Cogliate si sono schierati apertamente dalla parte dei loro commercianti e questo pomeriggio hanno...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !