HomeBOLLATESECoronavirus, da Arese l’appello del canile: “Cani senza cibo, aiutateci!”

Coronavirus, da Arese l’appello del canile: “Cani senza cibo, aiutateci!”

Il canile di via Mattei ad Arese lancia un grido per chiedere aiuto, attraverso l’associazione no profit “Vita da cani” che lo gestisce: serve aiuto per dare da mangiare agli  ospiti di questa struttura, in grado di dare una casa fino a 150 cani.

Attualmente le scorte sono sufficienti e i cani ospiti vengono tutti nutriti regolarmente, ma  con il blocco delle visite, la situazione rischia di peggiorare. Non si deve portare direttamente cibo al canile (non è consentito) e nemmeno i volontari possono girare casa per casa a raccogliere alimenti in dono, in questo periodo particolare  l’unico modo concreto per aiutare l’associazione è effettuare una donazione in denaro. 

Sul sito www.vitadacani.org si trovano tutte le indicazioni su come fare.  

Ogni giorno, prima che scoppiasse l’emergenza Coronavirus, decine di volontari e amici andavano al canile per portare a passeggio i simpatici ospiti della struttura, portavano cibo e davano una mano anche a sostenere le spese.

Con lo scoppio dell’emergenza Coronavirus e con i conseguenti decreti, però, si è stati costretti a interrompere le visite dei tanti amici del canile e adesso per quei simpatici ospiti la situazione è difficile: serve aiuto.

Non basta più dire che andrà tutto bene – spiegano dal canile di via Mattei – Ci troviamo costretti, con umiltà, a chiedere aiuto come poche volte abbiamo fatto. Nell’emergenza che stiamo vivendo, la parte di apertura al territorio, le adozioni dei cani, le raccolte di cibo, la vendita di gadget, le donazioni in contanti, i progetti con le scuole… sono necessariamente state interrotte. Tutti gli eventi di raccolta fondi annullati e le entrate decimate. Ma noi, contrariamente ad altre realtà, non possiamo fermarci”.

Sì, perché i cani devono mangiare ed essere curati. Da qui l’appello: è giusto sostenere con generosità le strutture sanitarie che salvano vite umane, ma non dimentichiamoci anche di quei cani che rischiano di restare senza cibo: “Non c’è nulla per gli animali. Tranne noi e voi”, spiegano dal canile.

Chi volesse contribuire a sostenere il canile, può andare sul sito www.vitadacani.org e da lì può effettuare una donazione o trovare i contatti dell’associazione per ogni altro sostegno. Nella stessa situazione si trova anche il canile di Uboldo, senza cibo né detersivi (leggi qui la notizia).


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Bimba uccisa a Cabiate, l’ex compagno della madre confessa abusi e omicidio

L'ex compagno della madre di Sharon ha confessato: non si è trattato di un incidente, ma di omicidio. Lo scorso 11 gennaio a Cabiate, un...
guardia finanza mascherine

Ha venduto a Regione Lombardia mascherine inesistenti o non a norma, arrestato a Varese...

La  Guardia di Finanza di Varese ha arrestato un imprenditore di Varese (arresti domiciliari) con relativo sequestro di beni per 460mila euro accusato di...
incidente tangenziale nord

Incidente sulla Tangenziale Nord tra Paderno e Nova, scende l’elicottero | FOTO

  Un grave incidente stradale sulla Tangenziale Nord tra Paderno Dugnano e Nova Milanese ha provocato il ferimento di almeno due automobilisti, con l’intervento anche...

Senago, incendio in una fabbrica: vigili del fuoco in azione

Vigili del fuoco in azione per una fabbrica in fiamme. È accaduto a Senago, in un forno per verniciature in viale Europa. Stando alle prime...
notte città coprifuoco

Covid, da domani coprifuoco alle 23. Dal 1° giugno bar e ristoranti al chiuso,...

Coprifuoco dalle 23 a partire già da domani, 19 maggio. Lo ha stabilito il Consiglio dei ministri che ieri sera ha varato il nuovo...

“Volete il paese pulito? Lasciate passare le spazzatrici”: appello della giunta di Gerenzano dopo...

A Gerenzano è tempo di prestare attenzione alla pulizia strade, perché sono cominciati i controlli sul rispetto dei divieti di sosta negli orari indicati:...

Paderno, discoteche a rischio chiusura: “Green pass inutile senza il vaccino ai giovani”

C'è chi lo chiama "modello Barcellona" e chi "modello Liverpool", di certo gli esperimenti condotti nelle settimane scorse in Spagna e nel Regno Unito...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !