Home SERIE TV "La casa di carta", una rapina contro il sistema

“La casa di carta”, una rapina contro il sistema

Stavolta gli spagnoli hanno dato una lezione agli americani: con LA CASA DI CARTA, perla di Netflix, hanno dimostrato che anche in Europa si possono produrre serie di qualità sotto ogni profilo: trama, approfondimento psicologico dei personaggi, fotografia (i colori sono accesi, così lontani dalle atmosfere rarefatte dei serial nordeuropei) e un montaggio che segue la strada della tensione e dell’adrenalina.
Una banda compie una rapina, con tanto di ostaggi, alla Zecca di Stato: vuole stampare banconote per poi fuggire scavando un tunnel.
La storia può sembrare classica, ma lo è solo in apparenza. Qui niente è normale: dai rapinatori, che per non riconoscersi a vicenda si sono dati i nomi di città, tutti con storie drammatiche alle spalle, agli ostaggi pronti a tutto per sopravvivere, agli incredibili eventi che vedono protagonista la banda nei giorni in cui tiene sotto scacco le autorità spagnole. Il piano, orchestrato nei minimi dettagli in quattro mesi trascorsi dai componenti – guidati dal Professore – in un vecchio cascinale, sembra perfetto ma non lo è. Gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo. E alla fine noi spettatori ci sentiamo come gli spagnoli che seguono le imprese dei rapinatori alla tv, parteggiando per loro, non per la polizia. Anche quando si tenterà il colpo alla Banca di Spagna.
Sì, perché rappresentano la ribellione verso il sistema. Lo dice il Professore, a un certo punto, alla donna ispettore di cui si è innamorato suo malgrado, mettendo a rischio il piano: “La Banca Centrale Europea, in questi anni, ha stampato milioni di banconote non per la povera gente, ma per le banche. La chiamano iniezione di liquidità: io, rubando tutti questi soldi, ho dato una iniezione di liquidità al sistema, ai miei amici. Perché in fondo siamo tutti dei poveretti”.
Un consiglio: vedete LA CASA DI CARTA sospendendo l’incredulità. Qui tutto è improbabile e poco credibile: ma il divertimento, con un pizzico di morale di fondo, è assicurato. In barba ai critici, che hanno stroncato tutte le tre stagioni (e c’è da aspettarsi che lo faranno anche con la quarta uscita ieri), strabuzzando gli occhi di fronte a dati di ascolto che hanno fanno della CASA DE PAPEL un fenomeno mondiale.
 
Foto: Netflix / Everyeye

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Truffa dello specchietto, colpo fallito a Uboldo

I malviventi che tentano la “truffa dello specchietto” insistono, anche se ormai questo raggiro è ben noto e pochi ci cascano. Infatti hanno fallito...

Limbiate, tre minorenni nell’ex Antonini con coltello, tirapugni e fiaccola rubata a Trenord

Tre minorenni di Vanzago sono stati fermati dalla Polizia locale all’interno dell’ex Ospedale psichiatrico Antonini di Mombello, mentre completavano l’acquisto di strumenti da utilizzare...

Solaro, droga e 5000 euro in contanti, 2 spacciatori arrestati nel Parco delle Groane

I carabinieri di Solaro hanno arrestato ieri pomeriggio 2 persone accusate di spaccio di droga all’interno dei boschi del Parco delle Groane. A finire...
prima pagina notiziario

Scuola e coronavirus, incognite di settembre; ruba in chiesa mentre è a domiciliari |...

Il nuovo numero del Notiziario è l’ultimo prima della nostra tradizionale sospensione estiva, che quest’anno però sarà di sole 2 settimane: torneremo dunque in...

Caronno, i brani del maestro Arnaboldi nelle scuole musicali di Francia e Belgio

Un amore, quello per la musica, nato quasi 50 anni fa e un legame con la Francia iniziato quasi per caso sono gli ingredienti...
latino testo libro

Il buffone, il cactus e il carciofo (e il latino)

Sapete come si dice “rospo” in latino? Si dice “bufonem”. E’ curioso, non trovate? Chissà da dove deriva la parola italiana “buffone”. E la...
novate Francesca Cristofaro miss

Novate: Francesca vince la selezione di Miss Blumare

Novate: è andata a Francesca la selezione di Miss Blumare. È Francesca Cristofaro la vincitrice della tappa novatese delle selezioni per la Lombardia di Miss...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !