Home Prima Pagina Coronavirus, gli Amici dell'Infanzia di Cislago donano 2mila 200 euro all'ospedale di...

Coronavirus, gli Amici dell’Infanzia di Cislago donano 2mila 200 euro all’ospedale di Saronno

Gli Amici dell’Infanzia, attivissima associazione di Cislago, hanno raccolto ben 2mila 200 euro per l’ospedale di Saronno, a cui sono stati destinati dispositivi di protezione per il personale sanitario. La consegna ha avuto luogo questa mattina: 1000 mascherine, camici, tute protettive e gel disinfettante.
“E’ cominciato tutto un paio di settimane fa – spiega la presidente Romina Codignoni – Il nostro gruppo ha scelto di dare vita ad una raccolta fondi a favore del Presidio ospedaliero di Saronno. Nel giro di pochi giorni, grazie alla generosità dei soci dell’associazione, di amici e delle persone che hanno scelto di aderire all’iniziativa, sono stati raccolti circa 2mila 200 euro”.

Ad accompagnare la donazione era una lettera firmata dalla presidente: “Non è semplice mettere su carta emozioni e pensieri, manifestando i sentimenti che hanno accompagnato la nostra visita all’ospedale di Saronno. Sappiamo che non vi piace essere definiti eroi, perché quello che fate è il mestiere che avete scelto per la vita, ma attraverso queste poche righe, permettetemi di manifestare la nostra infinita riconoscenza a tutto il personale che opera nella struttura ospedaliera. State affrontando questa emergenza, impegnati in prima linea nella lotta contro il nemico invisibile, dimostrando non solo instancabile professionalità, ma grande umanità e immenso spirito di sacrificio. A nome mio, dei soci dell’associazione Amici dell’Infanzia Cislago e di tutte le persone che hanno scelto di contribuire alla nostra raccolta fondi, che ci ha consentito di acquistare il materiale che oggi vi doniamo, desidero esprimere immensa stima e gratitudine. Ai medici, agli infermieri, agli operatori sanitari e a tutto il personale che opera all’interno dell’ospedale di Saronno, per l’instancabile lavoro che ogni giorno svolgete, grazie di cuore. Il nostro contributo non è che una goccia nel mare, ma ci consola sapere che tante altre persone e associazioni stanno dimostrando di avere a cuore la struttura ospedaliera di Saronno e tutto il personale che all’interno vi opera.
Grazie di cuore a Raffaella Banfi, che mi ha guidata pazientemente nella scelta dei dispositivi di protezione che oggi vi abbiamo consegnato. Il nostro pensiero è ogni giorno con tutti voi. Con affetto, immensa stima e gratitudine”.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

incendio

Incendio in azienda di lavorazione metalli, maxi intervento dei Vigili del fuoco | VIDEO

Sono proseguite per tutta la notte le operazioni di spegnimento dell'incendio che si è sviluppato ieri sera alle  21  in  una fabbrica per la...
Covid Lombardia Milano

Covid, Lombardia a rischio zona arancione, tutti gli indicatori sono in aumento

La Lombardia rischia seriamente di tornare in zona arancione. La decisione verrà presa solo nel pomeriggio, ma gli indicatori che sono al vaglio della...
prima pagina notiziario

Limbiate, addio al nostro ambasciatore; Bollate resta rossa, contagi in aumento | ANTEPRIMA

La notizia di apertura di questo numero de Il Notiziario è  dedicata alla tragica morte in un agguato dell’ambasciatore italiano in Congo, Luca Attanasio,...

Cislago: aveva occupato da mesi una casa comunale, denunciato un 45enne

Un 45enne marocchino viveva da mesi, in condizioni igienico-sanitarie precarie, in una casa di proprietà del Comune: scoperto, è stato denunciato e allontanato. E' successo...
Limbiate funerali Attanasio

Limbiate, arriva la salma dell’ambasciatore Attanasio, sabato cerimonia con Delpini e Fontana

Questa mattina a Roma si sono svolti i funerali di Stato per l’ambasciatore Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci, morti nell’agguato di lunedì...

Covid, “I ragazzi non si contagiano”: a Caronno un corso contro le fake news

L’Istituto comprensivo De Gasperi di Caronno Pertusella, col patrocinio del Comune, ha organizzato per gli alunni delle medie un mini-corso su come prevenire il...

Pizzeria Donn’ Angelin, arrestati i titolari per bancarotta fraudolenta e autoriciclaggio

Sono finiti entrambi in carcere i coniugi della catena di pizzerie Donn' Angelin. Tra i reati contestati al titolare, uomo 40enne di Lissone e...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !