Home NEI DINTORNI Coronavirus, progetto San Raffaele: l'intelligenza artificiale individuerà i pazienti più a rischio

Coronavirus, progetto San Raffaele: l’intelligenza artificiale individuerà i pazienti più a rischio

intelligenza artificiale coronavirusL’intelligenza artificiale calcolerà per diversi soggetti le probabilità di sviluppare forme gravi di Covid 19.

È questo l’obiettivo del progetto AI-SCoRE (acronimo di Artificial Intelligence – Sars Covid Risk Evaluation) ideato dai professori Carlo Tacchetti e Antonio Esposito, entrambi docenti dell’Università Vita-Salute San Raffaele, rispettivamente direttore e vice-direttore del Centro di Imaging Sperimentale dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano.

Il progetto è sviluppato in collaborazione con due colossi mondiali dell’information technology come Microsoft e Nvidia, con il Centro di Omics Sciences dell’IRCCS Ospedale San Raffaele diretto dal dottor Giovanni Tonon.

Del team di sviluppo fanno parte anche Orobix srl, società attiva nell’ingegneria, produzione e governance di sistemi di AI con esperienza decennale e internazionale in ambito healthcare, e Porini, centro di eccellenza e partner internazionale di Microsoft sulle piattaforme Cloud Azure e sulle soluzioni di Advanced Analytics.

Calcolo delle probabilità per le  forme gravi di Covid-19

Si tratta di una piattaforma di apprendimento autonomo in grado di calcolare per ogni individuo – sulla base di una serie di indicatori clinici e diagnostici – la probabilità di sviluppare le forme più gravi di Covid-19, permettendo così interventi sanitari mirati e tempestivi e riducendo l’impatto sul sistema sanitario.

La raccolta dei dati di oltre 2000 pazienti – reclutati fra Ospedale San Raffaele, Ospedale Bolognini di Seriate e Centro Cardiologico Monzino – è già iniziata, così come la costruzione dell’infrastruttura software su cui poggerà l’algoritmo.
AI-SCoRE non permetterà soltanto di affrontare in modo più efficiente ed efficace la Fase 2 della pandemia da Covid-19, ma potrebbe avere implicazioni in molti altri contesti in cui è fondamentale stratificare il rischio sanitario, comprese epidemie e pandemie del prossimo futuro.

“Fino a ora siamo stati incapaci di identificare correttamente e con anticipo le persone più fragili tra i pazienti con i primi sintomi della malattia,” spiega Carlo Tacchetti, coordinatore del progetto. “Vogliamo poterlo fare in modo preciso e veloce, perché solo così potremo capire chi sono i soggetti che, una volta infettati, necessitano di cure tempestive, anche in assenza di sintomi gravi. Ovviamente, il nostro sogno è di spingere oltre queste potenzialità e sfruttare questa occasione per sviluppare algoritmi trasversali in grado di individuare i soggetti maggiormente a rischio anche nella popolazione generale, e non solo nei soggetti con sospetto Covid-19.”

Obiettivo e fasi del progetto AI-ScoRE

Il nuovo coronavirus è altamente contagioso. Tuttavia, nonostante l’ampia diffusione del virus e la sua capacità di mettere in ginocchio interi sistemi sanitari, soltanto una piccola percentuale di pazienti – intorno al 5-10% – sviluppa le forme più gravi (e a volte fatali) della malattia. Spesso queste forme hanno un decorso rapido e imprevedibile che portano il paziente a passare da una sintomatologia blanda a una grave insufficienza respiratoria nel giro di pochissimo tempo.

L’obiettivo del progetto è duplice: da un lato riconoscere nella popolazione generica le persone a maggior rischio di sviluppare le forme gravi di Covid-19 se infettate dal virus, quelle da proteggere maggiormente; dall’altro riconoscere tra i pazienti che mostrano i primi sintomi da Covid-19 quelli che avranno la prognosi peggiore.

Il progetto partirà da questo secondo obiettivo, con un algoritmo AI che integrerà immagini diagnostiche, parametri clinici e di laboratorio, stato infiammatorio, e profilo genetico del paziente e del virus.

Tre fasi del progetto AI-Score

Il progetto prevede tre fasi principali: una prima fase di raccolta e omogeneizzazione dei dati di oltre 2000 pazienti ricoverati nelle scorse settimane e di cui si conosce la prognosi; una seconda fase di sviluppo e implementazione dell’algoritmo, che verrà “allenato” per imparare a combinarli in modo “intelligente” per predire il rischio del singolo paziente, e una terza fase di test e validazione del prodotto su una seconda coorte di pazienti e in eventuali studi prospettici.



Caro lettore, dall’inizio dell’emergenza Covid-19 abbiamo subito un pesante crollo delle entrate pubblicitarie, che rappresentano da sempre un’importante entrata per sostenere il lavoro della redazione del Notiziario che realizza questo sito e il settimanale del venerdì in formato cartaceo o sfogliabile digitale.
Per garantire un’informazione quanto più possibile puntuale e autorevole dal nostro territorio, sono al lavoro giornalisti, liberi professionisti, che vedono fortemente minacciati i loro compensi dall’improvvisa diminuzione dei ricavi pubblicitari. Se apprezzi il nostro lavoro, ti chiediamo, se ti è possibile, di contribuire acquistando l’edizione sfogliabile del nostro settimanale (CLICCA QUI) oppure con una piccola donazione, seguendo i pulsanti qui sotto.
Bastano pochi clic, in totale sicurezza, con carta di credito o Paypal. Grazie.

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Da Paderno a Temptation Island: ecco Federica a Canale5, la veterinaria tentatrice

Si chiama Federica Bianca Concavo. E' una veterinaria, classe 1993, di Paderno Dugnano. Segni particolari: tentatrice di Temptation Island, il reality condotto da Filippo...
Parco Giochi sanificazione

Sanificazione giochi nei parchi pubblici, Brianzacque aiuta i comuni

Brianzacque, società pubblica che gestisce la distribuzione dell’acqua nei 55 comuni della Provincia di Monza e Brianza, mette a disposizione dei comuni che ne...
Uboldo consiglio istituto Leva

Blitz anti-droga a Uboldo, il presidente del Consiglio d’Istituto: “No al linciaggio mediatico”.

Il linciaggio mediatico seguito all’arresto della banda di spacciatori di Uboldo non piace al presidente del Consiglio d’Istituto delle scuole, Angelo Leva, che non...
Massimo Stella Caronno

Primo medico morto per il coronavirus: il figlio gli dedica la laurea

Massimo Stella, figlio del presidente dell’Ordine dei medici di Varese, Roberto Stella, deceduto all’inizio di marzo a causa del coronavirus e giocatore della Pallavolo...
Uboldo Oscaritoss

Uboldo, sgominata la banda dello spaccio di Oscaritoss e dei suoi fratelli gemelli

Tra i 9 soggetti arrestati questa mattina tra Uboldo, Saronno e Gerenzano, nel corso di una maxi operazione condotta dai carabinieri della compagnia di...

Blitz anti-droga a Uboldo, sindaco e ProCiv: “Persone note. Speriamo restino in carcere a...

Grande clamore per l'operazione anti-droga di questa mattina a Uboldo, con nove arresti nel centro storico cittadino. Il sindaco Luigi Clerici dice che se lo...
Polizia Arresto

Travolse e uccise un vigile a Milano, già libero e nella banda dei ladri...

La Polizia di Stato ha fermato una banda di ladri acrobati di origine rom che depredava lussuosi appartamenti del centro di Milano. La procura ha...
prima pagina Notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !