Home CRONACA - Coronavirus e infodemia: imparate a selezionare le informazioni

Coronavirus e infodemia: imparate a selezionare le informazioni

coronavirus fake news
Foto di Markus Distelrath da Pixabay

L’organizzazione mondiale della sanità (OMS) l’ha definita un’ “Infodemia”, un’abbondanza di informazioni – alcune accurate e altre no – che rendono difficile per le persone trovare fonti affidabili e una guida affidabile quando ne hanno bisogno.

Le fake news circolano quasi più rapidamente del Covid-19 

Si tratterebbe, secondo Tedros Adhanom Ghebreyesus, il direttore dell’OMS, di una malattia che si sta diffondendo quasi più rapidamente del COVID-19 soprattutto attraverso i social media e porrebbe un grave problema per la salute pubblica. Un gruppo di ricerca dell’Università di Trento e dell’Università di Harvard ha recentemente raccolto e analizzato più di 100 milioni di Tweets (poco meno di 1 terabyte di dati) postati online a partire dal 21 gennaio 2020 (https://covid19obs.fbk.eu/#/).

I ricercatori hanno utilizzato degli algoritmi per definire quanti di questi messaggi fossero stati postati da esseri umani e quanti da “robot”. Hanno quindi analizzato la qualità dell’informazione diffusa rispetto a COVID. Hanno scoperto che, in Italia, man mano che la pandemia si diffondeva, i Tweet erano sempre meno “veritieri” e sempre più forieri di “fake news”.

Informazione Covid in Italia, India e Usa 

Nella classifica internazionale dei paesi in cui le fake news su COVID sono circolate più rapidamente, l’Italia occupa attualmente il 36esimo posto, preceduta dagli Stati Uniti al 35esimo posto e seguita dall’India al 37esimo. Quando l’informazione può diventare nociva? Le scienze sociali da anni ormai mettono in guardia sul rischio grave di diffondere troppa informazione, soprattutto attraverso i social media.

Anzitutto troppa informazione potrebbe creare polarizzazione tra idee diverse e scontro sociale come Christopher Bail e colleghi hanno mostrato (https://www.pnas.org/content/115/37/9216). Inoltre, il cosiddetto sovraccarico cognitivo dovuto all’abbondanza dell’informazione, può avere effetti deleteri in termini di salute mentale e, soprattutto, essere causa di depressione e ansia (https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0268401217310629). Mai come oggi è quindi importante imparare a selezionare le informazioni che riceviamo e che utilizziamo quotidianamente per prendere decisioni.

Valentina Rotondi, ricercatrice Oxford University


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

ceriano auto ribaltata

Incidente tra Ceriano e Cesano, auto ribaltata più volte, 33enne in ospedale

Un uomo di 33 anni è stato trasportato in ospedale in codice giallo dopo essere volato fuori strada con l’auto a Ceriano Laghetto. L’incidente si...

Prendono il reddito di cittadinanza: a Gerenzano sanificano la mensa scolastica

    A Gerenzano i beneficiari del reddito di cittadinanza sono stati impiegati nella mensa scolastica. Il confronto tra la dirigenza, docenti e responsabili dei vari plessi,...

Coronavirus a Limbiate, un altro bambino positivo al Covid: due classi in quarantena

Secondo caso di studente positivo al coronavirus a Limbiate. Salgono a due le classi in quarantena alla scuola don Milani. La conferma arriva dall'Amministrazione...

Droga al parco di Origgio, spacciatore la vende sotto alla telecamera: 18enne denunciato

Spacciava come se nulla fosse nel parco comunale, forse inconsapevole della telecamera o addirittura sfidandola: fatto sta che il 18enne di Origgio è stato...
carabinieri locale

Covid, movida senza regole: chiusi due bar a Mozzate e Carugo

I carabinieri della Compagnia di Cantù hanno chiuso due locali della “movida” comasca, a Mozzate e Carugo per violazione delle norme anti Covid. Nell’operazione condotta...
carabinieri bimbo mamma

Limbiate, bimbo di 3 anni salva la mamma picchiata in casa da papà

    I carabinieri di Cesano Maderno hanno arrestato a Limbiate un uomo che stava picchiando la moglie, dopo che il loro bambino di appena 3...
mascherine scuola

Solaro, dalla scuola nessuna mascherina: il Comune suggerisce di comprarle in farmacia

A Solaro le mascherine per i bambini e i ragazzi che frequentano la scuola dell’obbligo previste in fornitura gratuita dai decreti del Governo non...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !