Home Prima Pagina Caronno Pertusella: ufficialmente nullatenente, muove un milione di euro, arrestato

Caronno Pertusella: ufficialmente nullatenente, muove un milione di euro, arrestato

La Polizia di Asti ha arrestato un uomo residente a Caronno Pertusella con l’accusa di riciclaggio.

L’uomo avrebbe movimentato su conti correnti di società fittizie e carte di credito poco meno di 1 milione di euro in un anno, pur risultando ufficialmente senza reddito e senza proprietà.

Indagine partita da Asti ha portato a Caronno 

L’attività d’indagine trae origine nel settembre 2019 da uno spunto investigativo della Sezione di Polizia Giudiziaria – Aliquota Polizia di Stato – presso il Tribunale di Asti.

Le indagini condotte dai poliziotti della Sezione di P.G., coordinate dal Procuratore della Repubblica di Asti  Perduca e dal Sostituto Procuratore  Macciò, hanno consentito di acquisire gravi indizi di colpevolezza a carico di un noto pregiudicato,   per plurimi fatti di riciclaggio.
Dagli accertamenti svolti dagli agenti è emerso che la somma riciclata dall’indagato in poco più di un anno sia di circa  900.000 euro

 

L’uomo è stato arrestato a Caronno 

Il provvedimento di custodia cautelare in carcere è stato eseguito il 10 giugno scorso a Caronno Pertusella, luogo dove viveva l’indagato, dalla Sezione di Polizia giudiziaria/aliquota Polizia di Stato che ha potuto avvalersi della collaborazione della Polizia locale di Caronno.

Le indagini, durate circa 6 mesi, hanno consentito di accertare come l’indagato, con a carico numerosi precedenti di polizia e giudiziari, si sia prestato a maneggiare denaro riconducibile ad una variegata tipologia di delitti, tra cui associazione per delinquere, appropriazione indebita, truffa, riciclaggio, autoriciclaggio, bancarotta fraudolenta e furto.

La tecnica per far sparire i soldi 

In particolare il denaro veniva accreditato su conti correnti e carte intestati all’indagato e/o alle sue ditte che di fatto non erano operative, provenendo da più società già coinvolte, al pari dei loro responsabili, in indagini penali anche per fatti di criminalità organizzata.

Il ruolo centrale e determinante dell’indagato è consistito nel ricevere su propri conti correnti ingenti somme di denaro che, immediatamente, per lo più lo stesso giorno dell’accredito, venivano ritirate in contanti presso Uffici postali e sportelli ATM di almeno 22 Comuni distribuiti su ben tre Regioni quali: Piemonte, Lombardia e Liguria. Con il risultato che, con tali prelievi effettuati a velocità davvero insolita e priva di alcuna giustificazione commerciale, i conti correnti e le carte venivano svuotati rendendo del tutto oscura la destinazione delle relative somme.



SPAZIO DISPONIBILE

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

“Amazon non è il padrone di Uboldo”: arrivano i dischi orario anti-corrieri

“Amazon non è padrona del nostro paese”, tuona il capo dei vigili di Uboldo, Alfredo Pontiggia, annunciando un provvedimento che si potrebbe battezzare anti-Amazon:...
soldi euro banconote

Lotteria degli scontrini, aperte le registrazioni. Cashback di Stato, si parte l’8 dicembre

Dall'1 gennaio 2021 avrà inizio la lotteria degli scontrini, ma già da domani, 1 dicembre 2020, sarà possibile richiedere sul sito ufficiale il proprio...
incendio novate

Novate, pauroso incendio tra le villette, vigili del fuoco sul posto

Pauroso incendio all’ora di pranzo in una zona periferica di Novate Milanese. A prendere fuoco è stato il tetto di un piccolo complesso di...
video

Ceriano Laghetto, la sfida a Conte del ristorante chiuso: “Riapriamo il 4 dicembre” |...

https://youtu.be/Jjnl3R7Mb5g “Caro Giuseppe”. Inizia così la cartolina che Alfonso Bassani, imprenditore della ristorazione di Cogliate, titolare del Alter Ego bistrot di Ceriano Laghetto, ha spedito...

Covid, addio a don Angelo Ceriani: il ricordo di Saronno e Origgio

Una triste notizia ha scosso le comunità di Saronno e Origgio: è scomparso ieri all'età di 76 anni don Angelo Ceriani che, nelle ultime...
libreria sistina rovellasca

A fine anno chiuderà la storica Libreria Sistina di Rovellasca

Alla fine dell’anno chiuderà a Rovellasca la mitica “Libreria Sistina”, che è stata per tanto tempo un punto di riferimento di famiglie, insegnanti, scuole...
arresto

Monza, ucciso a coltellate sotto casa, fermati dai carabinieri un 14enne e un 15enne

I carabinieri hanno fermato questa mattina all'alba un 14enne e un 15enne indiziati dalla procura della Repubblica come presunti autori responsabili dell'uccisione di Cristian...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !