Home SERIE TV "Curon", la recensione. Segreti e misteri in Val Venosta

“Curon”, la recensione. Segreti e misteri in Val Venosta

Un’altra serie Netflix italiana? Dopo il fallimento di LUNA NERA, non eravamo ottimisti su CURON, ma siamo stati smentiti: quest’altra pruduzione nostrana del colosso dello streaming, pur con tutti i suoi limiti, convince. Anzi, dato che il finale è aperto, si spera che venga confermata la seconda stagione.
L’ambientazione è a dir poco suggestiva, ma anche adatta a una storia soprannaturale e con un pizzico di horror: il paesino di Curon, nella Val Venosta, caratterizzato da un lago artificiale da cui spicca un campanile. La chiesa sottostante, sommersa quando furono uniti i laghi di Resia e Curon nel 1950, inondando il paesino ricostruito a monte, non ha più le campane: si narra però che certe notti si sentano comunque rintoccare, portando cattivi presagi. Da questa leggenda trae origine la serie, che ha al centro la dualità dell’animo umano: il lato oscuro e il lato buono. Significativa, in tal senso, la frase pronunciata da un personaggio: “Che cosa ci fanno due lupi dentro di noi? Lottano tra di loro per il controllo della nostra anima. Dipende tutto da chi dei due vuoi nutrire“.
La vicenda è quella di Anna e dei suoi figli gemelli Mauro e Daria, che tornano nel paese natale della madre, a Curon, per andare a vivere con il nonno. Fin dal loro arrivo accadranno eventi inspiegabili, fino alla scomparsa di Anna. Dove si trova? Perché non dà notizie di sé e i figli trovano il suo telefono nascosto nella giacca del nonno? Ognuno dei sette episodi è ricco di eventi, riuscendo mantenere alta l’attenzione attorno al mistero, anche quando questo è svelato con troppo anticipo rispetto ad altre serie del genere.
Spicca la bravura del cast: soprattutto degli attori giovani, ben calati nella parte e convincenti. In particolare i due fratelli protagonisti, interpretati da Federico Russo e Margherita Morchio, che non sembrano mai forzati nella loro interpretazione. Se la cavano bene anche gli attori adulti, seppure con una capacità di coinvolgimento un tantino inferiore.
Buona la scrittura, così come la fotografia che privilegia il blu e i chiaroscuri, che rendono inquietanti i paesaggi dell’Alto Adige. Ottima la scelta delle colonne sonore, con la musica elettronica a sottolineare le scene più thriller e horror.
Le pecche non mancano: come una scuola superiore dove i fratelli sono nella stessa classe e si vede sempre la stessa insegnante (il ricordo corre alla chiesa trasformata in scuola della CASA NELLA PRATERIA), ma nel complesso CURON è una serie di qualità, che riesce a ritagliarsi un posto d’eccezione in un panorama seriale italiano non certo entusiasmante. A questo punto, in attesa della seconda stagione, non ci resta che fare visita a Curon per vedere il campanile nel lago. Sperando di non sentire il rintocco delle campane.
 
Foto: Daninseries


Caro lettore, dall’inizio dell’emergenza Covid-19 abbiamo subito un pesante crollo delle entrate pubblicitarie, che rappresentano da sempre un’importante entrata per sostenere il lavoro della redazione del Notiziario che realizza questo sito e il settimanale del venerdì in formato cartaceo o sfogliabile digitale.
Per garantire un’informazione quanto più possibile puntuale e autorevole dal nostro territorio, sono al lavoro giornalisti, liberi professionisti, che vedono fortemente minacciati i loro compensi dall’improvvisa diminuzione dei ricavi pubblicitari. Se apprezzi il nostro lavoro, ti chiediamo, se ti è possibile, di contribuire acquistando l’edizione sfogliabile del nostro settimanale (CLICCA QUI) oppure con una piccola donazione, seguendo i pulsanti qui sotto.
Bastano pochi clic, in totale sicurezza, con carta di credito o Paypal. Grazie.

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

mascherina bus

Coronavirus: in Lombardia all’aperto senza mascherina, ma con distanza. Torna il bagaglio a mano...

O mascherina o distanza interpersonale all’aperto. Sarà questa la regola che entrerà in vigore da domani in tutta la Lombardia, con la nuova ordinanza...
carabinieri blitz

Paderno, blitz all’alba, sgominata la banda dei furti nelle case: 15 arresti

Carabinieri in azione dalle prime ore di questa mattina a Paderno Dugnano e in diverse altre località delle province di Milano, Forlì e Savona,...
truffe matrimoni poliziavideo

Furti da conti online, matrimoni combinati, truffe: 4 arrestati tra Milano e Varese |...

La Polizia Postale ha arrestato 4 persone  indagate per accesso abusivo a sistema informatico, autoriciclaggio, favoreggiamento dell'immigrazione clandestina in concorso, ingresso e permanenza illegale...

Caronno, i commercianti sistemano le aiuole e… rischiano la multa

  Gli incivili imbrattano e ad abbellire i marciapiedi pensano i commercianti. Succede in corso della Vittoria, dove alcuni titolari di negozi si sono messi...

Limbiate, vandali nel parco inclusivo: chi rovina i giochi dei bimbi? | FOTO

  Bulloni svitati sui giochi per i bambini inaugurati appena 4 giorni fa a Limbiate. Ha dell’incredibile quanto accaduto nel parco “inclusivo” di via Turati...

Bollate, assalto dei ladri in piazza: tre colpi in una notte

A Bollate  una banda di ladri ha tentato e messo a segno tre colpi contro esercizi pubblici del centro.  Un martello di quelli da carpentiere,...

Rho-Monza: apre la complanare di Paderno, chiude uno svincolo a Cormano

Buone notizie con aperture di svincoli sulla Rho-Monza.  Dal 14 luglio viene chiuso il ramo dell’interconnessione con la Milano-Meda in entrata da Milano per carreggiata nord...
prima pagina Notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !