Home BUONO A SAPERSI Coronavirus: aumentano i casi di trombosi ma la causa non è il...

Coronavirus: aumentano i casi di trombosi ma la causa non è il virus

coronavirus trombosi Gabriele Di Luca
Gabriele Di Luca

Durante la pandemia di Coronavirus sono davvero aumentati i casi di trombosi ma la causa non sarebbe il virus in sè.

La stasi del lockdown, che ha comportato meno attività fisica e movimento in generale, ha semplicemente peggiorato le situazioni già a rischio. Lo afferma il dottor Gabriele Di Luca, chirurgo vascolare dell’ASST Gaetano Pini-CTO.

Coronavirus e trombosi

Si è parlato più volte di trombosi venosa tra gli effetti, a volte fatali, dell’infezione da Covid-19.

Il dottor Gabriele Di Luca, chirurgo vascolare dell’ASST Gaetano Pini-CTO, negli ultimi mesi ha notato un aumento di casi di trombosi venosa, ma non tra i pazienti contagiati dal virus.

“Rispetto al periodo di osservazione clinica pre-Covid19 tra i pazienti dell’ASST Gaetano Pini-CTO ho riscontrato un aumento del verificarsi di complicanze trombotiche arteriose, in particolare nei pazienti che presentano già alterazioni di alcuni distretti (cerebrale, apparato gastroenterico, degli arti superiori o inferiori o sottoposti a cateterismi arteriosi diretti)”.

“In alcune di queste situazioni si è persino giunti a eventi di tipo ischemico e alla gangrena dei distretti più periferici degli arti inferiori (dita dei piedi). Questo perché gli esiti sono stati difficilmente controllabili con una terapia farmacologica e i pazienti non potevano essere sottoposti a un intervento chirurgico per la grave e importante co-morbidità presente” dice il dottor Di Luca.

Coronavirus e trombosi: il ruolo dell’attività fisica

Durante i lunghi mesi della pandemia, il chirurgo vascolare ha notato un aumento dell’incidenza di complicanze trombotiche venose a carico degli arti inferiori nei pazienti ambulatoriali: “La causa probabile di questo fenomeno è la riduzione dell’attività fisica e dei movimenti durante il lockdown. Uno stile di vita sedentario e il sovrappeso a esso correlato possono aumentare il rischio di sviluppare una complicanza trombotica a livello degli assi venosi degli arti inferiori e pelvici. Ricordiamoci, infatti che il meccanismo scatenato dal rallentamento del ritorno venoso (stasi) è uno dei principali fattori della ‘Triade di Virchow’”.

Trombosi: più colpite le donne

Ultima caratteristica peculiare della trombosi venosa è che la patologia affligge maggiormente il sesso femminile e tende ad avere un’incidenza sempre maggiore con l’avanzare dell’età.

Il rapporto tra donne e uomini è di 2 a 3. La causa di una maggiore prevalenza tra le donne sembra risiedere nella presenza di un quadro ormonale dove la percentuale di ormoni femminili circolanti (estrogeni e in modo minore i progestinici) è maggiore.

“La terapia ormonale – spiega il chirurgo vascolare dell’ASST Gaetano Pini-CTO – può in alcuni casi concorrere allo sviluppo di eventi trombotici soprattutto a livello dell’apparato venoso, provocando la riduzione di alcune sostanze prodotte a livello epatico (Proteina S e Proteina C epatiche) che possiedono proprietà modulanti e di controllo sull’attivazione indiscriminata dei meccanismi della cosiddetta cascata coagulatoria”.

“Le variazioni anche fisiologiche (menarca, gravidanza e menopausa) del tasso percentuale di estrogeni e progestinici circolanti, possono inoltre interferire con alcuni fattori e meccanismi del sistema coagulatorio”.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Incidente a Bollate, sono 4 i feriti nel frontale | FOTO

Sono in totale 4, tra cui una donna in condizioni gravissime, i feriti dello scontro frontale tra due auto avvenuto questa sera a Bollate. L’incidente...

Terribile incidente a Bollate, donna gravissima dopo un frontale | FOTO

Un terribile incidente stradale si è verificato questa sera poco prima delle 20,30 a Bollate. Uno scontro frontale spaventoso tra una Audi ed una...

Origgio, lavoratore ferma tre ladri che gli stanno rubando il furgone

Esce dalla ditta per tornare al suo furgone e trova tre ladri che stanno armeggiando attorno e dentro al veicolo. E’ la disavventura capitata giorni...

Saronno e Saronnese: 100mila euro dalla Regione per combattere le chiusure dei piccoli negozi

Ben 100mila euro di contributi erogati al Distretto del Commercio Antiche Brughiere. Li ha erogati Regione Lombardia sulla base dei progetti presentati dagli esercenti....

Lombardia zona arancione scuro, sabato 6 e domenica 7 marzo: spostamenti vietati, centri commerciali...

Primo weekend in zona arancione scuro per la Lombardia, che rimarrà di tale colore sicuramente fino al 14 marzo. Spostamenti, visite ad amici e...
croce rossa cri misinto

Vaccino, da lunedì 8 si comincia nella sede Cri per Lazzate, Misinto, Cogliate e...

Da lunedì 8 marzo, nella sede Cri di Misinto inizia la vaccinazione anti-Covid per gli over 80 di Lazzate, Misinto, Cogliate e Ceriano Laghetto....

Lentate, gravissimo incidente sul lavoro: 65enne perde quattro dita di una mano

Un gravissimo incidente sul lavoro è accaduto questo pomeriggio, venerdì 5 marzo, a Lentate sul Seveso, dove un uomo di 65 anni ha perso...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !
"