Home BUONO A SAPERSI Coronavirus: nasceranno più bambini dopo il lockdown?

Coronavirus: nasceranno più bambini dopo il lockdown?

coronavirus bambini nasciteNasceranno davvero più bambini dopo il lockdown?
Chissà quanti tra noi si sono fatti questa domanda: il lockdown porterà più figli alla canonica distanza di 9 mesi?

La risposta a questa domanda non solo solletica la curiosità ma ci porta ad affrontare un tema molto spinoso per un paese “vecchio e poco fecondo” come quello in cui viviamo.

Nascite e lockdown, ricerca dell’università Bocconi di Milano e dell’Università di Firenze 

Secondo Alessandro Rosina e Francesca Luppi dell’Università Cattolica di Milano, la crisi sanitaria causata da Covid-19 e? La peggiore dal secondo dopoguerra in Europa e in gran parte delle economie avanzate.

Al di là dei fortissimi costi pagati in termini di vite umane, questa emergenza ha generato un clima di profonda incertezza che potrebbe spingere molti potenziali genitori italiani a rimandare la decisione di avere figli, se non a rinunciarvi.

Questo è vero non solo, spiegano Letizia Mencarini della Bocconi e Daniele Vignoli dell’Università di Firenze, perché vi sarà una minore propensione media ad avere figli, ma anche perché il numero dei potenziali genitori in età fertile è in costante calo.

Man mano che le donne del cosiddetto baby boom (coloro che sono nate tra il 46 e il 64) escono dall’età fertile, sono rimpiazzate da coorti di donne sempre più piccole.

E se ci sono meno potenziali madri (e padri) non possono che nascere meno bambini.

Questa “trappola demografica” attanaglierà il nostro paese nei prossimi anni e verosimilmente non vedrà un’inversione dovuta ad un aumento di nascite causate dal tempo “in più” che i coniugi hanno trascorso insieme durante il lockdown.

Non solo ma, continuano Mencarini e Vignoli, nel breve periodo mancheranno anche le nascite dovute alla procreazione assistita che è stata largamente sospesa in questi mesi.

Le conseguenze di un calo continuo della fecondità sono deleterie per la società e per l’economia e non possono essere dimenticate. Meno figli significa meno persone che pagheranno le tasse nel futuro per sostenere i servizi giustamente richiesti da un numero sempre più grande di anziani.

Meno nascite, sistema pensionistico in crisi 

È in gioco la sostenibilità del sistema pensionistico e di quello sanitario. Cosa fare allora? Investire sui bambini, ora non dopo.

Investire sulle famiglie, sugli asili, su progetti di inserimento lavorativo per le madri.

Non esiste una ricetta unica, tanta fantasia e speranza nel futuro che, non dimentichiamolo, è l’unico regalo che possiamo lasciare proprio a loro: ai nostri figli.

Valentina Rotondi, ricercatrice Oxford University


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Paderno Dugnano, al via le vaccinazioni anti-Covid al Centro Anziani di Calderara

Nella mattinata di ieri, 3 marzo, sono iniziate a Paderno Dugnano le vaccinazioni anti-Covid per i cittadini over 80 presso il Centro Anziani di...
solidarietà stipendio

La solidarietà con lo stipendio garantito

A volte forse dovrei mordermi la lingua, o meglio, la penna, ma proprio non ci riesco… Noi italiani siamo un popolo che ha la...
rissa mannaia

Rissa con mannaia e mazza da baseball in centro a Desio

Una rissa tra ragazzi in pieno centro con l'uso anche di una mazza da baseball e di una mannaia usata per minacciare i rivali:...

Solaro, rapine e aggressioni a coetanei, 5 minorenni portati in comunità

Cinque minorenni tutti residenti a Solaro sono stati prelevati dai carabinieri nelle loro abitazioni per essere condotti in comunità di rieducazione su disposizione del Tribunale...

Lombardia, rischio zona rossa: parte il piano di vaccinazione di massa

Nella giornata di oggi, 3 marzo, hanno effettuato il passaggio alla zona arancione rinforzata 18 comuni della Provincia di Mantova, 9 comuni della Provincia...
Bollate droga casa

Bollate, affidata in prova ai servizi sociali, spaccia droga in casa: 36enne arrestata

Ieri pomeriggio a Bollate (MI), la Polizia di Stato ha arrestato una cittadina italiana di 36 anni per detenzione ai fini di spaccio di...

“Ci hanno chiuso a Uboldo”: petizione chiede di modificare il rondò di Saronno

Non si rassegnano i residenti al confine con Saronno: l’isolamento nel quale vivono nell’ultimo tratto di via Ceriani a Uboldo li spinge a riproporre...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !