Home EDITORIALI Le vacanze? Chi può farle, stia in Italia

Le vacanze? Chi può farle, stia in Italia

vacanze italia
Foto di Guy Rey-Bellet da Pixabay

Lo scorso fine settimana ho rimesso piede fuori dall’Italia, dopo quasi un anno. 2.500 chilometri in auto in un weekend tra andata e ritorno, attraversando tutta l’Austria e mezza Repubblica Ceca, per motivi familiari. Io ho sempre scritto su queste colonne che è importante viaggiare all’estero per conoscere culture e stili di vita diversi, ma quest’anno no, quest’anno vi suggerisco di restare nel nostro Bel Paese.

Perchè? Per molti motivi. Viaggiare in aereo oggi ha ancora troppe criticità, viaggiare in auto è un incubo: tutte le autostrade sono piene di cantieri, in Italia (solo dove ci sono gallerie) ma ancor più all’estero. Io in 2500 km ho contato la bellezza di 53 cantieri autostradali, una follia. Ma il vero motivo per restare in Italia si chiama Covid.

Lo scorso weekend mi sono reso conto che all’estero si vive una situazione paradossale: da un lato, appena capiscono che sei italiano, ti tengono subito distante, perché ti vedono come un infetto, un untore.

Dall’altro lato in quei Paesi che ho attraversato sono indietro anni luce rispetto a noi nell’attenzione a evitare i contagi: le mascherine le mettono (non sempre) solo per entrare nei negozi, baci, abbracci e strette di mano non sono vietati, la gente si assembra tranquillamente nei locali, guanti e misurazione della temperatura sono sconosciuti…

E comunque noi che, secondo loro, siamo gli infetti, abbiamo molti meno “nuovi casi” di Covid ogni giorno. Prendiamo un esempio a caso, martedì 30 giugno: in Italia un nuovo infetto ogni 422mila abitanti, in Austria un nuovo infetto ogni 204mila abitanti, in Repubblica Ceca un nuovo infetto ogni 71mila abitanti. Insomma, gli altri hanno più problemi di noi e guardano a noi come agli infetti. Stiamo a casa nostra, che è meglio.

Piero Uboldi


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Covid, proposta della Lombardia: coprifuoco dalle 23 e centri commerciali chiusi nel weekend

Coprifuoco dalle 23 alle 5 a partire da giovedì 22 ottobre e centri commerciali chiusi nel weekend a eccezione dei generi alimentari. E' la proposta...
vittorio demicheli

Covid, Ats in ritardo nel tracciamento dei contagiati a Milano e in Brianza

Il virus è più veloce delle Ats, che non riescono a star dietro all’aumento dei contagiati. Lo ha rivelato Vittorio Demicheli, direttore sanitario dell’Ats Milano...
calcio bambini

“Uno schiaffo allo sport giovanile”: il calcio dilettantistico contro Regione Lombardia

Il Comitato Regionale Lombardia della Lega nazionale dilettanti (che coordina l’attività dilettantistica del gioco del calcio), ha inviato una durissima nota a Regione Lombardia...

Sindaco di Origgio in auto isolamento, ma è negativo al tampone del Covid

“Nel weekend avevo la febbre a 38 e mi sono subito auto isolato, ma sto bene e lavoro da casa”. Via telefono dalla sua...
tampone covid auto

Covid, da domani tampone rapido in auto anche a Limbiate

La Asst Monza sarà operativa da domani, martedì 20, con un secondo drive-through, un punto tamponi con accesso diretto senza scendere dalla propria vettura, a...
saronno giunta

Saronno, ecco la nuova giunta comunale, primo consiglio venerdì 23

La nuova giunta comunale di Saronno è stata presentata ufficialmente oggi, lunedì 19 ottobre in Villa Gianetti. E’ la squadra di assessori nominata dal nuovo...

Coprifuoco in strade e piazze dopo le 21, sparita la parola “sindaci” dal Dpcm....

Coprifuoco in strade e piazze a rischio assembramento? Sì, ma non si sa chi ne avrà le facoltà per farlo. Ed è polemica. Ieri...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !