Home Prima Pagina Blitz anti-droga a Uboldo, il presidente del Consiglio d'Istituto: "No al linciaggio...

Blitz anti-droga a Uboldo, il presidente del Consiglio d’Istituto: “No al linciaggio mediatico”.

Angelo Leva, presidente del Consiglio d’Istituto delle scuole

Il linciaggio mediatico seguito all’arresto della banda di spacciatori di Uboldo non piace al presidente del Consiglio d’Istituto delle scuole, Angelo Leva, che non ha timore di uscire fuori dal coro: “Ricordiamoci che quanto successo ci vede colpevoli e responsabili”.

Si riferisce all’intera collettività?

“Certo, perché è mancata l’educazione, che evidentemente non abbiamo saputo dare. Siamo stati incapaci, come paese, di prevenire”.

Come si sarebbe potuto prevenire tutto ciò?

“Coinvolgendo di più questi giovani, facendoli sentire parte del tessuto sociale. E’ l’indifferenza che non fa sentire certi campanelli d’allarme”.

La sua è una posizione decisamente contro corrente, passibile di molte critiche.

“Me ne rendo conto, ma come presidente del Consiglio d’Istituto delle scuole non posso accettare che sui social la gente inciti alla violenza, che dichiari di sperare che questi ragazzi muoiano o che restino in galera a vita. Certo  si sono resi responsabili di fatti gravi, ma siamo in una democrazia ed è giusto che sia la Legge a decidere la punizione, non noi cittadini con la giustizia sommaria. Vogliamo cambiare le regole? Vogliamo introdurre la pena di morte o altre norme più severe? Fino a che ciò non avverrà, vale la nostra Costituzione, che può piacere o non piacere ma all’articolo 27 recita: ‘La responsabilità penale è personale. L’imputato non è considerato colpevole sino alla condanna definitiva. Le pene non possono consistere in trattamenti contrari al senso di umanità e devono tendere alla rieducazione del condannato’”.

Dunque, dal suo punto di vista, questi ragazzi si dovrebbero rieducare?

“Se li condanniamo e basta e li allontaniamo da noi, il problema rimane invece di affrontarlo. Non possiamo ignorare queste persone, perché appartengono alla nostra comunità: quando saranno rimessi in libertà, presto o tardi che sia, saranno comunque cittadini di Uboldo. Non basta piangersi addosso: dopo avere riconosciuto che questo problema ci riguarda tutti, bisogna capire come procedere. I nostri giovani, in questo momento, ci stanno guardando: quello che faremo o diremo lì convincerà che quella sarà la strada giusta, qualunque essa sia”.

Che cosa auspica dunque?

“Mi aspetto che un’autorità morale sappia prendere le redini in mano e tenere in piedi la comunità. E’ così difficile trovarne una che, con grande buon senso e conoscenza della nostra gente, sappia dire qualcosa nel pieno rispetto delle nostre leggi e della nostra Costituzione?”.

Stefano Di Maria

 

Nelle foto alcune immagini del blitz di stamane all’alba

 


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Gianni Rodari insegnò a Uboldo: conservato qui uno dei suoi quaderni

Nel centesimo anno dalla nascita di Gianni Rodari, celebrato ieri, si riscopre il forte legame di Uboldo col famoso scrittore di libri per bambini. Un...
donna computer mail

Brugherio, quasi 2 anni di mail oscene ad una coppia e ai loro amici,...

Due anni di insulti a sfondo sessuale inviati a una coppia di coniugi e a loro colleghi e conoscenti: i carabinieri di Brugherio sono...

Covid, l’appello del sindaco di Cislago ai ragazzi: “Aiutateci, rinunciate a divertimento e socialità”

In questo periodo d’impennata dei contagi da Covid-19, il sindaco di Cislago Gianluigi Cartabia si appella ai giovani: “Aiutateci. i vostri bis bisnonni avevano...
PRIMA PAGINA NOTIZIARIO

Covid, numeri impressionanti, mentre mancano vaccini e medici; a Saronno caso di Tbc a...

Apertura inevitabilmente dedicata all’emergenza sanitaria anche questa settimana per il notiziario: la situazione è critica anche perché non ci sono ancora i vaccini antinfluenzali...

Dopo Saronno ci prova Caronno: in arrivo raffica di “Zone 30”

Dopo la sperimentazione non proprio felice di Saronno, dove il limite di 30 all’ora aveva creato una valanga di contestazioni, ci prova Caronno Pertusella:...
sesto droga tangenziale

Sulla Tangenziale Nord con 115 kg di hashish in auto, 25enne arrestato

I carabinieri di Bresso hanno arrestato ieri un 25enne albanese fermato sulla Tangenziale Nord alla guida di un’auto con 115 kg di droga a...
snam Covid 19

Covid: l’incendio è scoppiato, ecco i numeri della nostra zona

La seconda ondata della pandemia è arrivata anche nei nostri comuni. Settimana scorsa scrivevamo che stava arrivando, ora possiamo affermare che è arrivata, perché...
PRIMA PAGINA NOTIZIARIO
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !