HomeBOLLATESE"Ho raccontato Morricone, per ricordarlo come merita", da Solaro le parole di...

“Ho raccontato Morricone, per ricordarlo come merita”, da Solaro le parole di De Rosa

De Rosa Morricone
Alessandro De Rosa con Ennio Morricone

Nell’immensa eredità culturale lasciata dal maestro Ennio Morricone, spentosi a Roma, all’inizio della settimana, all’età di 91 anni, c’è sicuramente il racconto della sua vita affidato ad un solarese.
“Inseguendo quel suono, la mia musica la mia vita” – è la biografia ufficiale di Ennio Morricone, pubblicata da Mondadori nel 2016, ed è frutto delle conversazioni di Morricone con Alessandro De Rosa, il solarese che, a soli 20 anni, colpì Morricone per la sua tenacia, tanto da diventarne negli anni successivi il confidente a cui raccontò quello che si trova nel volume che ha venduto centinaia di migliaia di copie ed è stato tradotto in molte lingue.

L’incontro a Milano e quel cd consegnato al maestro Ennio Morricone 

Alessandro De Rosa ed Ennio Morricone, si incontrarono a Milano al termine di una conferenza, e il giovanissimo solarese riuscì a consegnare al maestro un Cd con le sue composizioni. Il mattino dopo ricevette sulla segreteria telefonica della sua casa a Solaro il messaggio di Morricone. Era il 10 maggio 2005. Esattamente 11 anni dopo, il 10 maggio 2016, fu pubblicato il libro, che Alessandro De Rosa volle presentare nella “sua” Solaro il 22 maggio di 4 anni fa, prima di essere invitato a numerosissime presentazioni pubbliche in tutta Italia e non solo. Da quell’esperienza sono stati tratti dei video, che si trovano su Youtube e anche una raccolta di “Audible”, i podcast distribuiti da Amazon.

Oggi Alessandro De Rosa ha 35 anni e vive a Saronno, lavora per la Rsi, emittente della Svizzera italiana per la quale cura un programma radiofonico. Lo abbiamo raggiunto per farci raccontare di come sta affrontando questi momenti.
“In queste giornate sono piovute tante cose, ho perso una persona importante per me, ho bisogno di decomprimere un po’” -esordisce, parlando del suo rapporto speciale con Ennio Morricone.

L’ultimo incontro a Roma in casa di Morricone e i contatti con la famiglia 

“L’ultima volta ci siamo visti a Roma è stato all’inizio di marzo, prima del lockdown. Nell’ultimo periodo era anche una premura da parte mia cercare di evitare il contatto diretto e lui stesso era molto preoccupato per questa vicenda della pandemia. Ci siamo sentiti regolarmente per telefono anche in questi mesi. Poi c’è stato questo episodio della caduta, la rottura del femore che ha fatto emergere una serie di complicazioni e di situazioni magari latenti. Sono rimasto sempre al corrente delle sue condizioni, in contatto con i famigliari.
Posso dire che non è stata una cosa inaspettata. Lui certamente era pronto, si stava preparando, anche se non gli piaceva questa idea della morte”.
Il sentimento prevalente di Alessandro è quello di una forte mancanza. “Io sento di avere perso una parte di me” -ha ripetuto durante la conversazione.

“Mi mancheranno i nostri incontri molti appassionati, i tanti momenti eccezionali vissuti insieme, la relazione che si è sviluppata nel tempo.Rimane però tanto, a cominciare dalla sua esperienza da tramandare, che è un po’ il senso del progetto che ci ha legati. E’ stato un rapporto nato in maniera quasi casuale, che mi ha permesso di conoscere meglio me stesso e soprattutto ha consentito e spero continuerà a consentire a molti di conoscere meglio un grande uomo come Morricone. Non mi piace che si insiste troppo nel ricordarlo solo per le sue indimenticabili colonne sonore. Morricone è stato un grande compositore a 360 gradi, compose e suonò ogni genere di musica, ha fatto esperienze straordinarie, che devono essere ricordate.
Lui stesso -conclude Alessandro- quando gli ho chiesto come avrebbe voluto essere ricordato, mi rispose: ‘Come un compositore’”.

Gabriele Bassani


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Maltempo: sottopassi allagati, crolli, situazione critica in provincia di Varese | FOTO

Pioggia intensa e vento stanno creando grossi problemi dal primo pomeriggio di oggi soprattutto nella provincia di Varese per sottopassi allagati e crolli sulle...

La figlia di Bearzot a Gerenzano: sarà intitolato al padre il centro sportivo

Avrà luogo domani, domenica 19 settembre, l’intitolazione del centro sportivo di Gerenzano a Enzo Bearzot. L’iniziativa è dell’amministrazione comunale e dell’Asd Gerenzanese Calcio, che...

Origgio nel circuito “Ville aperte in Brianza”: visite guidate a Villa Borletti e...

Quest’anno anche Origgio partecipa alla manifestazione “Ville aperte in Brianza”, organizzata dalla Provincia di Monza e Brianza e giunta alla sua 19ma edizione. Hanno...
solaro rotatoria

Solaro, auto ribaltata nella rotatoria, anche un bambino tra i feriti

Un incidente nella rotatoria, con auto ribaltata, ha provocato il ferimento di tre persone questa mattina a Solaro, tra cui un bambino di 12...
gianetti 0408

Gianetti, nessun accordo, tutti licenziati: rabbia dei sindacati contro azienda e Ministero

Una riunione fiume, durata oltre 12 ore, venerdì in Regione Lombardia, non è servita a trovare una soluzione meno drastica per i 152 lavoratori...

Paderno, venerdì sera di fuoco a Palazzolo: in fiamme un’auto abbandonata

Venerdì sera in fiamme a Paderno Dugnano. Poco dopo le 20:30 è andata a fuoco una vecchia Jaguar in sosta in via Faverio Pogliani....

Paderno, un’altra auto chiusa nel passaggio a livello: ritardi a Palazzolo

Auto chiusa nel passaggio a livello di Palazzolo nuovo disagi all’altezza di Paderno Dugnano. Attorno alle 18:30, un’auto è rimasta chiusa nella sede ferroviaria...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !