HomeSERIE TV"Little fires everywhere", la recensione - "Essere madre fra rinunce e difficoltà"

“Little fires everywhere”, la recensione – “Essere madre fra rinunce e difficoltà”

 
Forse pretendevano troppo gli autori e i produttori di LITTLE FIRE EVERYWHERE, eguagliare la pietra miliare della serialità BIG LITTLE LIES (che ricorda per molti aspetti), ma il risultato è comunque sorprendente: da tempo non si vedeva una serie dai dialoghi accattivanti, dalla trama e dalle sottotrame mai noiose (anche se a tratti stucchevoli), da interpretazioni femminili di così forte impatto emotivo.
 
TANTI PICCOLI FUOCHI, com’è stata battezzata in italiano, è una miniserie di Amazon, tratta dall’omonimo libro di Celeste Ng, che ha scritto una storia sulla maternità e le responsabilià che comporta, su famiglia e scontro generazionale fra genitori e figli, su identità sessuale, aborto e adozione. Davvero tanta roba per un romanzo, figurarsi per una serie di otto episodi. Il risultato non è comunque confuso, ma trattato e approfondito nel giusto modo.
 
I tanti piccoli fuochi sono quelli che minacciano di divampare nella cittadina americana dov’è ambientata la vicenda, che culmina con l’incendio con cui si apre il primo episodio: un flashforward dopo il quale c’è un salto temporale a cinque mesi prima, quando Elena (la superba Reese Witherspoon di BIG LITTLE LIES) affitta una sua casa a un’artista arrivata in paese con la figlia, Mia (interpretata dalla Kerry Washington di SCANDAL): da allora nulla sarà più come prima, in una girandola di segreti e bugie le cui protagoniste indiscusse sono le due attrici, davvero convincenti nei rispettivi ruoli. Due madri completamente diverse: mentre Elena vive da borghese ed è maniaca del controllo, Mia è uno spirito libero, che non vuole rinunciare ai suoi sogni. Da incorniciare i dialoghi e gli scontri fra le due, che comunque non oscurano il resto dei personaggi. In particolare la piccola Megan Stott, che nel ruolo di Izzy riesce a trasmettere perfettamente il disagio adolescenziale di una ragazza che si sente diversa ed è costretta a lottare contro il mondo. Purtroppo in secondo piano il bravo Joshua Jackson dell’ndimenticabile THE AFFAIRE, relegato al ruolo di marito di Elena, sopraffatto dall’esuberanza e dalle prepotenze della moglie.
 
La vicenda è ambientata negli anni Novanta, con una ricostruzione degli ambienti perfetta quanto i dialoghi: un’epoca senza cellulari né internet, nella quale la famiglia era ancora al centro di tutto.
Ogni storytelling è ben trattata e alla fine, anche se sembra che il cerchio si chiuda in modo troppo poco credibile, ciò che resta è la sensazione che le vite dei protagonisti a cui abbiamo assistito potrebbero essere quelle di chiunque, per certi aspetti possiamo infatti riconoscerci. E che non esiste mai davvero un giusto o sbagliato, perché ogni decisione porta con sé il proprio carico di esperienze e formazione personale. Il finale è aperto: una seconda stagione ci sta.

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

I ragazzi di Caronno raccontano la pandemia: ecco il diario “La voce del cuore”

Le quinte elementari e le medie di Caronno Pertusella hanno fatto tesoro dell’esperienza della pandemia realizzando un “Diario Solidale” diverso da quello degli anni...
Denise Pipitone Cesate svola caso

Denise Pipitone, una segnalazione da Cesate porta alla svolta del caso

Scomparsa Denise Pipitone, la segnalazione di una ex cesatese getta nuova luce sul caso. è stata riconosciuta la donna che era con Danas nel video...

Saronno e il Brollo in lutto, addio a Don Pasquale: “Ha fatto la storia...

Lutto nella comunità pastorale di Saronno. Si è spento ieri notte a 86 anni Don Pasquale Colombo, per ventiquattro anni alla guida della parrocchia...
Bollate comune anello brillante

Limbiate, foglietti con insulti all’ex moglie sul posto di lavoro: arrestato

Ha infranto il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla ex moglie presentandosi a Monza dove lavora la donna, minacciandola e lanciandole addosso dei...
BUsto Arsizio Polizia

Busto Arsizio, furto, aggressione e fuga in auto col bimbo: arrestate 2 donne

La Polizia di Stato di Busto Arsizio, ha arrestato ieri due donne rom, di 31 e 21 anni, che hanno tentato di rubare merce...

Parcheggi occupati dai pendolari: a Cislago arrivano soste a disco orario e pass

  I dischi orari di due ore eccetto che per i residenti con pass. Questo il provvedimento adottato a Cislago per risolvere un annoso problema:...

Orrore a Lomazzo: anziana scopre ladro in casa e viene violentata

Un 26enne originario della Nigeria e in Italia senza permesso di soggiono, ha rapinato e violentato una donna di 89 anni a Lomazzo, comune...
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !