Home EDITORIALI Due dita negli occhi

Due dita negli occhi

lavoro aiuti
Foto di Michal Jarmoluk da Pixabay

Settimana scorsa scrivevo che molte aziende in difficoltà sono state abbandonate a se stesse dal Governo, che si è preoccupato più del bonus biciclette che non di aiutare chi crea il benessere dell’Italia. Ci ha contattati Mauro, imprenditore della nostra zona, che, dopo aver letto il nostro articolo, ci ha voluto spiegare il suo caso, che fa gridare allo scandalo.

Mauro ha una piccola azienda che dà da mangiare a 8 famiglie. Ha sempre pagato tasse e contributi e non ha mai chiesto un euro allo Stato. Adesso che è in difficoltà, lo Stato… lo massacra.

Spieghiamo coi numeri: l’azienda fattura 410mila euro all’anno. Durante il lockdown non ha chiuso e dunque non ha chiesto la cassa integrazione: ha pagato stipendi e contributi. Ma in marzo ha perso il 30% di fatturato, in aprile il 28%, in maggio il 32%, in giugno il 7%. In tutto ha perso in 4 mesi 32mila euro di fatturato. Lo Stato non riconosce a Mauro neppure un euro di rimborso, poiché dà un rimborso (minimo) solo a chi ha perso in aprile almeno il 33% di fatturato.

Mauro ha un leasing per l’acquisto della sede e lo Stato sui leasing non riconosce neppure il credito d’imposta. Insomma, Mauro ha perso 32mila euro e lo Stato gli dà zero. Però da marzo a giugno lo Stato lo ha costretto a pagare 21.783 euro di tasse tra Irpef, Iva, contributi, ritenute, bolli e Imu, nessuna di queste rinviata. Mauro è in difficoltà: ha perso fatturato, ha pagato 21mila euro di tasse e come aiuto lo Stato gli dà due dita negli occhi. E lui dà da mangiare a 8 famiglie.

Complimenti a questo Governo che dà perfino il bonus baby sitter ai pensionati che non hanno perso neppure un euro in questa crisi, ma non sostiene aziende in difficoltà che sfamano famiglie e producono reddito. Speriamo che i nuovi fondi europei vengano spesi con più serietà.

Piero Uboldi



EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Lombardia zona rossa, Fontana e Moratti contro il Governo: oggi ricorso al Tar

È ancora polemica in Regione per la decisione del Governo di porre la Lombardia tra le regioni in zona rossa. Nelle ultime ore è...
Novate lite spara panico

Arrestato a Solaro per spaccio e ai domiciliari, arrestato di nuovo a Bollate...

I carabinieri di Bollate hanno fermato ieri mattina un 28enne arrestato pochi giorni fa per spaccio di droga che avrebbe dovuto restare agli arresti...

Riapre il punto tamponi a Caronno, ma non è boom di test

Il punto tamponi per il test rapido del Covid-19, allestito a Caronno Pertusella nell’ex scuola “Dante Alighieri” di via Ariosto ha riaperto due sole...
Corsico incidente

Incidente a Corsico, marito morto e moglie grave: costituito il pirata, è senza patente

Ieri pomeriggio si è costituito nella caserma dei carabinieri di Corsico un 32enne marocchino che ha dichiarato di essere alla guida della Bmw che...
Saronno sant'Antonio

Sant’Antonio in zona rossa: primo anno senza il corteo storico a Saronno

Dai contadini del Trecento al mito di Cecilia Gallerani, dalla peste del Manzoni alla chiesa di Carlo Borromeo: per 13 edizioni un “viaggio nel...
Corsico incidente

Corsico: salta lo stop, travolge auto e fugge, marito morto, moglie grave, il...

Tragico incidente stradale ieri sera a Corsico, in via Piave, dove un’autovettura Bmw, proveniente da via Vittorio Veneto, ha attraversato l’incrocio   ad alta velocità,...

Saronno, assembramenti in centro prima della zona rossa: 6 multe da 400 euro

Giro di vite agli assembramenti in centro a Saronno. La polizia locale è intervenuta sabato pomeriggio nella zona pedonale di corso Italia proprio nelle...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !