Home EDITORIALI Due dita negli occhi

Due dita negli occhi

lavoro aiuti
Foto di Michal Jarmoluk da Pixabay

Settimana scorsa scrivevo che molte aziende in difficoltà sono state abbandonate a se stesse dal Governo, che si è preoccupato più del bonus biciclette che non di aiutare chi crea il benessere dell’Italia. Ci ha contattati Mauro, imprenditore della nostra zona, che, dopo aver letto il nostro articolo, ci ha voluto spiegare il suo caso, che fa gridare allo scandalo.

Mauro ha una piccola azienda che dà da mangiare a 8 famiglie. Ha sempre pagato tasse e contributi e non ha mai chiesto un euro allo Stato. Adesso che è in difficoltà, lo Stato… lo massacra.

Spieghiamo coi numeri: l’azienda fattura 410mila euro all’anno. Durante il lockdown non ha chiuso e dunque non ha chiesto la cassa integrazione: ha pagato stipendi e contributi. Ma in marzo ha perso il 30% di fatturato, in aprile il 28%, in maggio il 32%, in giugno il 7%. In tutto ha perso in 4 mesi 32mila euro di fatturato. Lo Stato non riconosce a Mauro neppure un euro di rimborso, poiché dà un rimborso (minimo) solo a chi ha perso in aprile almeno il 33% di fatturato.

Mauro ha un leasing per l’acquisto della sede e lo Stato sui leasing non riconosce neppure il credito d’imposta. Insomma, Mauro ha perso 32mila euro e lo Stato gli dà zero. Però da marzo a giugno lo Stato lo ha costretto a pagare 21.783 euro di tasse tra Irpef, Iva, contributi, ritenute, bolli e Imu, nessuna di queste rinviata. Mauro è in difficoltà: ha perso fatturato, ha pagato 21mila euro di tasse e come aiuto lo Stato gli dà due dita negli occhi. E lui dà da mangiare a 8 famiglie.

Complimenti a questo Governo che dà perfino il bonus baby sitter ai pensionati che non hanno perso neppure un euro in questa crisi, ma non sostiene aziende in difficoltà che sfamano famiglie e producono reddito. Speriamo che i nuovi fondi europei vengano spesi con più serietà.

Piero Uboldi


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Allenamenti consentiti anche negli sport di squadra, ma con distanziamento

Parziale dietro-front di Regione Lombardia sulle attività sportive di squadra: gli allenamenti tornano ad essere consentiti con il distanziamento. Dopo le numerose proteste che si...

Scarica rifiuti fra Cislago e Mozzate, incastrato dalla Protezione civile

E’ un mozzatese lo scaricatore abusivo individuato per avere gettato rifiuti a Cislago: una piscinetta per i bimbi, libri, scarpe e indumenti, un passeggino,...

Centri commerciali chiusi nel weekend in Lombardia, supermercati aperti. Scuole superiori a distanza

Centri commerciali chiusi nel weekend in Lombardia e supermercati aperti per i generi alimentari. La nuova ordinanza regionale dà un ulteriore giro di vite...

Teppisti al parco di Caronno, in fuga con le offerte per l’Unicef

“Può darsi non siano ragazzini ma adulti ben organizzati, perché ci vuole forza per manomettere una porta come questa”, commentano i volontari della Pro...
polizia coprifuoco

Ufficiale il coprifuoco in Lombardia da domani sera, tutti in casa dalle 23 alle...

  Adesso è ufficiale: è stata firmata dal ministro della Salute Roberto Speranza e dal presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, l’ordinanza che impone il...

Accoltella in strada l’amante della moglie, 51enne arrestato a Segrate

I Carabinieri della Compagnia di San Donato Milanese hanno arrestato per tentato omicidio P.P. di 51 anni, incensurato di Cernusco sul Naviglio che ha...
lainate pistola

Lainate, minaccia ex colleghi con una pistola, autotrasportatore arrestato

Un autotrasportatore è stato arrestato ieri mattina dai carabinieri dopo avere minacciato colleghi di lavoro e responsabile del servizio con una pistola a Lainate. L’episodio...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !