Home CRONACA - Tangenti per i lavori nella caserma dei carabinieri: 8 indagati tra cui...

Tangenti per i lavori nella caserma dei carabinieri: 8 indagati tra cui super dirigenti statali

carabinieri caserma MIlano
L’ingresso della caserma Montebello a Milano

I carabinieri hanno notificato oggi 8 avvisi di garanzia nei confronti di dirigenti e professionisti accusa di corruzione per il maxi appalto di ristrutturazione della caserma Montebello di Milano, sede del Comando Legione Lombardia dell’Arma.

I militari del Comando Provinciale di Milano, sono intervenuti nelle province di Milano, Roma e Pavia, per notificare gli atti di “chiusura delle indagini preliminari” a carico di un dirigente generale del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (già Provveditore delle Opere pubbliche a Milano), un ingegnere del Provveditorato alle Opere pubbliche per la Lombardia e l’Emilia Romagna, un libero professionista e 5 fra amministratori e dipendenti di imprese private.

Secondo quanto emerso dalle indagini e come riportato nel comunicato diffuso oggi dai carabinieri del Comando Provinciale di Milano, gli 8 soggetti si sono resi responsabili, a vario titolo, di corruzione e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente.

Un appalto da 38 milioni di euro per la ristrutturazione della caserma Montebello

I reati sarebbero stati commessi nell’ambito dell’appalto per i lavori di ristrutturazione della caserma dei Carabinieri “Montebello” di Milano (del valore di oltre 38 milioni di euro), affidato nell’anno 2011, dal Provveditorato Interregionale Opere pubbliche di Lombardia e Liguria all’impresa romana So.Co.Stra.Mo. della famiglia Cinque.

L’inchiesta – coordinata da sostituti procuratori Giovanni Polizzi e Paolo Filippini e condotta dal Nucleo Investigativo di Milano – è stata avviata nel febbraio 2017 quando, in concomitanza con la domanda di “concordato preventivo” presentata dalla ditta So.Co.Stra.Mo., alcuni subappaltatori denunciavano anomalie nella contabilizzazione delle opere subappaltate e conseguenti ritardi nel pagamento delle spettanze.

Le indagini – ricostruendo le gravi relazioni collusive fra alcuni pubblici funzionari del Provveditorato alle OO.PP di Milano e la dirigenza della ditta appaltatrice che hanno condizionato, sin dall’origine, l’affidamento e l’esecuzione dell’appalto – hanno svelato atti corruttivi e altri atti illeciti.

Tangente di 50mila euro e lavori gratis in appartamenti privati

In particolare -sempre secondo al nota diffusa dal Comando provinciale di Milano dei Carabinieri-  sarebbe emersa la corruzione del Provveditore dell’epoca (oggi dirigente generale presso il Ministero dei Lavori Pubblici) il quale, nel 2014 (a lavori avviati) percepiva dal direttore operativo dell’impresa appaltatrice una tangente di 50mila euro per avere favorito l’Associazione temporanea di impresa So.Co.Stra.Mo.– Baglioni nell’assegnazione della gara d’appalto.

La somma, resa contante mediante l’emissione di una fattura fittizia da parte di una ditta compiacente, venne consegnata dal progettista esecutivo dell’appalto che, a sua volta, aveva partecipato alla formazione della provvista illecita per remunerare il predetto dirigente pubblico che lo aveva segnalato alla So.Co.Stra.Mo. per il prestigioso incarico di progettazione.

Dalle indagini è emersa inoltre la corruzione del Responsabile Unico del Procedimento il quale, per astenersi dalla doverosa vigilanza sulla corretta esecuzione del contratto pubblico, nel corso del 2014, percepiva dalla dirigenza operativa dell’impresa appaltatrice utilità illecite consistenti nella parziale ristrutturazione (per un controvalore complessivo di 6 mila euro circa) di due appartamenti di sua proprietà.

Sempre secondo le indagini ci sarebbero stati accordi illeciti fra pubblici funzionari e professionisti privati per condizionare, a favore di questi ultimi, alcuni procedimenti per il conferimento di incarichi esterni avviati dal Provveditorato alle OO.PP nel corso del 2019.



SPAZIO DISPONIBILE

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Fognature nuove, addio allagamenti in centro a Origgio

Mai più allagamenti a Origgio: si potenzierà la rete fognaria. Rimarranno impresse a lungo, nella mente di chi ha visto coi suoi occhi, le immagini...

Covid, la situazione nei Comuni del nostro territorio: da Bollate a Paderno, da Limbiate...

Informiamo sulla situazione contagi nei comuni del nostro territorio, grazie ai dati forniti da Regione Lombardia in tempo reale. La Provincia di Milano resta la...
trenord app stibm

Stibm, biglietti integrati per i viaggiatori saltuari da oggi a carnet sull’App di Trenord

Finalmente anche i viaggiatori saltuari non dovranno più impazzire alla ricerca dei biglietti integrati per viaggiare su bus, tram o treno, da qualsiasi comune...

“La Lombardia è zona arancione”. Coprifuoco alle 22, negozi aperti e spostamenti vietati

"Grazie ai sacrifici dei lombardi, apprezzati i dati epidemiologici, ora siamo in zona arancione e potremo riaprire gli esercizi commerciali. A breve la decisone...

Hackerata la casella mail dell’Anpi di Caronno, sporta denuncia

Hackerata la casella di posta elettronica dell’Anpi di Caronno Pertusella: nella mattinata di oggi, alle centinaia di indirizzi della mailing-list, è stato recapitato un...

Spaccio tra Bollate e Senago: ancora droga e pusher. Fermato un tossico | VIDEO

Ancora pusher, tossicodipendenti e spaccio di droga nel parco delle Groane tra Bollate e Senago. Ma ci sono anche i controlli della polizia locale....

Lombardia zona arancione: lo chiede Fontana ma decide Speranza

FONTANA ANNUNCIA: "LOMBARDIA IN ZONA ARANCIONE"  Nonostante i segnali di leggero e costante miglioramento registrati nelle ultime settimane, sembra ormai realtà l'estensione del periodo in...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !