HomeSERIE TV"Biohackers", la recensione - Quando la ricerca biomedica uccide

“Biohackers”, la recensione – Quando la ricerca biomedica uccide

di Stefano Di Maria
Scorre veloce, senza richiedere tanto impegno, BIOHACKERS, nuova serie tedesca prodotta dal colosso Netflix e pubblicata da pochi giorni sulla piattaforma streaming. Composta da sei episodi di mezz’ora (al netto dei titoli di coda che, curiosità, durano ben dieci minuti), è una di quelle serie senza troppe pretese, che si lasciano guardare come un lungo film diviso in capitoli.
Originale la scelta degli autori di trasporre la tradizionale figura dell’hacker informatico (quella tipica di MR. ROBOT per intederci) in campo biomedico: qui, invece di conti correnti e dati sensibili, in gioco c’è la vita umana. Un tema che in un altro contesto produttivo avrebbe potuto essere sviluppato diversamente, con un maggiore approfondimento della materia, ma non era questa l’intenzione di Netflix. Protagonista è Mia, una ragazza che ha un piano segreto per avvicinare e vendicarsi di una biologa di Friburgo che studia il Dna per curare le malattie genetiche: che cosa le ha fatto e cosa c’entra col passato della sua famiglia? BIOHACKERS fa discretamente il suo lavoro di serie avvincente (certo non nei primi due episodi), alzando il livello di tensione a sprazzi e senza preoccuparsi granché dell’introspezione psicologica dei personaggi.
 
 
Va però detto che sono tutti singolari ed eccentrici i compagni d’appartamento di Mia, studenti legati al mondo della bioetica come lei. Conoscendoli, se ne vedono delle belle: piante trattate che diventano luminose al buio, microchip inseriti sottopelle, pillole che consentono di non respirare sott’acqua e soluzioni chimiche che deformano la vista… Insomma, c’è di che divertirsi.
Se alla fine dei sei episodi si vuol trovare la morale, è senza dubbio questa: fino a che punto può spingersi la sperimentazione medica, anzi biomedica, per evolvere l’umanità? Il fine giustifica i mezzi?

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Disabili e pandemia. Gerenzano: “Mia figlia promossa e… abbandonata”

“Avrei preferito che mia figlia fosse bocciata piuttosto che farle concludere le superiori senza che abbiamo le idee chiare sul suo futuro, su quale...

Omicidio Arese, dopo avere ucciso la moglie, ha provato ad ammazzare anche il figlio

“Ho ucciso tua madre, ora tocca a te”. Sono le parole che avrebbe pronunciato Jaime Moises Rodriguez Diaz, il 41enne messicano che sabato mattina...
caronno danni temporale

Vento e temporale, danni a Caronno Pertusella e pianta caduta sulla Milano-Meda

Numerosi interventi dei Vigili del fuoco nella nostra zona per il maltempo di questo pomeriggio, domenica 20 giugno. Situazioni più critiche nella zona tra...

Biassono, i Vigili del Fuoco salvano uno scoiattolo caduto dentro una canna fumaria |...

Oggi, domenica 20 giugno, alle ore 8.30 intervento di soccorso particolare nel Comune di Biassono, in Via Alberto da Giussano 26B, per il recupero...
carabinieri chiusura locale

Rapinata gioielleria a Saronno, persa la refurtiva durante la fuga

Due rapinatori di una gioielleria in fuga, perdono la refurtiva inseguiti da passanti e carabinieri, e adesso sono ricercati. E' successo a Saronno questo pomeriggio...

Piove al palasport di Caronno, il Volley: “Rischiamo il prossimo campionato”

Ogni volta che c’è un temporale, continua a piovere dal tetto del palasport di Caronno Pertusella, col risultato che le partite di basket e...

Omicidio ad Arese, in casa anche i tre figli della coppia che hanno dato...

C’erano anche i tre figli della coppia questa mattina in casa ad Arese, dove un uomo di 41 anni ha ucciso a coltellate la...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !