Home SERIE TV "Biohackers", la recensione - Quando la ricerca biomedica uccide

“Biohackers”, la recensione – Quando la ricerca biomedica uccide

di Stefano Di Maria
Scorre veloce, senza richiedere tanto impegno, BIOHACKERS, nuova serie tedesca prodotta dal colosso Netflix e pubblicata da pochi giorni sulla piattaforma streaming. Composta da sei episodi di mezz’ora (al netto dei titoli di coda che, curiosità, durano ben dieci minuti), è una di quelle serie senza troppe pretese, che si lasciano guardare come un lungo film diviso in capitoli.
Originale la scelta degli autori di trasporre la tradizionale figura dell’hacker informatico (quella tipica di MR. ROBOT per intederci) in campo biomedico: qui, invece di conti correnti e dati sensibili, in gioco c’è la vita umana. Un tema che in un altro contesto produttivo avrebbe potuto essere sviluppato diversamente, con un maggiore approfondimento della materia, ma non era questa l’intenzione di Netflix. Protagonista è Mia, una ragazza che ha un piano segreto per avvicinare e vendicarsi di una biologa di Friburgo che studia il Dna per curare le malattie genetiche: che cosa le ha fatto e cosa c’entra col passato della sua famiglia? BIOHACKERS fa discretamente il suo lavoro di serie avvincente (certo non nei primi due episodi), alzando il livello di tensione a sprazzi e senza preoccuparsi granché dell’introspezione psicologica dei personaggi.
 
 
Va però detto che sono tutti singolari ed eccentrici i compagni d’appartamento di Mia, studenti legati al mondo della bioetica come lei. Conoscendoli, se ne vedono delle belle: piante trattate che diventano luminose al buio, microchip inseriti sottopelle, pillole che consentono di non respirare sott’acqua e soluzioni chimiche che deformano la vista… Insomma, c’è di che divertirsi.
Se alla fine dei sei episodi si vuol trovare la morale, è senza dubbio questa: fino a che punto può spingersi la sperimentazione medica, anzi biomedica, per evolvere l’umanità? Il fine giustifica i mezzi?

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

ceriano auto ribaltata

Incidente tra Ceriano e Cesano, auto ribaltata più volte, 33enne in ospedale

Un uomo di 33 anni è stato trasportato in ospedale in codice giallo dopo essere volato fuori strada con l’auto a Ceriano Laghetto. L’incidente si...

Prendono il reddito di cittadinanza: a Gerenzano sanificano la mensa scolastica

    A Gerenzano i beneficiari del reddito di cittadinanza sono stati impiegati nella mensa scolastica. Il confronto tra la dirigenza, docenti e responsabili dei vari plessi,...

Coronavirus a Limbiate, un altro bambino positivo al Covid: due classi in quarantena

Secondo caso di studente positivo al coronavirus a Limbiate. Salgono a due le classi in quarantena alla scuola don Milani. La conferma arriva dall'Amministrazione...

Droga al parco di Origgio, spacciatore la vende sotto alla telecamera: 18enne denunciato

Spacciava come se nulla fosse nel parco comunale, forse inconsapevole della telecamera o addirittura sfidandola: fatto sta che il 18enne di Origgio è stato...
carabinieri locale

Covid, movida senza regole: chiusi due bar a Mozzate e Carugo

I carabinieri della Compagnia di Cantù hanno chiuso due locali della “movida” comasca, a Mozzate e Carugo per violazione delle norme anti Covid. Nell’operazione condotta...
carabinieri bimbo mamma

Limbiate, bimbo di 3 anni salva la mamma picchiata in casa da papà

    I carabinieri di Cesano Maderno hanno arrestato a Limbiate un uomo che stava picchiando la moglie, dopo che il loro bambino di appena 3...
mascherine scuola

Solaro, dalla scuola nessuna mascherina: il Comune suggerisce di comprarle in farmacia

A Solaro le mascherine per i bambini e i ragazzi che frequentano la scuola dell’obbligo previste in fornitura gratuita dai decreti del Governo non...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !