HomeSERIE TV"Biohackers", la recensione - Quando la ricerca biomedica uccide

“Biohackers”, la recensione – Quando la ricerca biomedica uccide

di Stefano Di Maria
Scorre veloce, senza richiedere tanto impegno, BIOHACKERS, nuova serie tedesca prodotta dal colosso Netflix e pubblicata da pochi giorni sulla piattaforma streaming. Composta da sei episodi di mezz’ora (al netto dei titoli di coda che, curiosità, durano ben dieci minuti), è una di quelle serie senza troppe pretese, che si lasciano guardare come un lungo film diviso in capitoli.
Originale la scelta degli autori di trasporre la tradizionale figura dell’hacker informatico (quella tipica di MR. ROBOT per intederci) in campo biomedico: qui, invece di conti correnti e dati sensibili, in gioco c’è la vita umana. Un tema che in un altro contesto produttivo avrebbe potuto essere sviluppato diversamente, con un maggiore approfondimento della materia, ma non era questa l’intenzione di Netflix. Protagonista è Mia, una ragazza che ha un piano segreto per avvicinare e vendicarsi di una biologa di Friburgo che studia il Dna per curare le malattie genetiche: che cosa le ha fatto e cosa c’entra col passato della sua famiglia? BIOHACKERS fa discretamente il suo lavoro di serie avvincente (certo non nei primi due episodi), alzando il livello di tensione a sprazzi e senza preoccuparsi granché dell’introspezione psicologica dei personaggi.
 
 
Va però detto che sono tutti singolari ed eccentrici i compagni d’appartamento di Mia, studenti legati al mondo della bioetica come lei. Conoscendoli, se ne vedono delle belle: piante trattate che diventano luminose al buio, microchip inseriti sottopelle, pillole che consentono di non respirare sott’acqua e soluzioni chimiche che deformano la vista… Insomma, c’è di che divertirsi.
Se alla fine dei sei episodi si vuol trovare la morale, è senza dubbio questa: fino a che punto può spingersi la sperimentazione medica, anzi biomedica, per evolvere l’umanità? Il fine giustifica i mezzi?

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Anche Gerenzano ha il suo Valentino: campione di minimoto premiato dal sindaco

Anche Gerenzano ha il suo Valentino Rossi: è la giovane promessa Valentino Sponga, 13 anni, pilota di moto che con passione e determinazione sta...
Garbagnate PD Macrì

Garbagnate, il Pd si porta avanti, presentato il candidato sindaco per il 2022

Il Partito democratico di Garbagnate ha presentato oggi il candidato sindaco per le elezioni comunali che si svolgeranno nella primavera del 2022. L’assemblea degli iscritti...

Petizione popolare a Caronno: “Vogliamo un parco e un’area cani”

Al via la raccolta firme per trasformare in parco giochi e area cani il boschetto tra via Nino Bixio e via Bainsizza a Caronno...

Bollate, volontari al lavoro nel weekend per togliere le scritte dai muri

Un fine settimana impegnativo quello dei volontari guidati da Alessandro Parisi, coordinatore della Velostazione di Bollate, che si sono dedicati alla pulizia dei muri...

Saronno, Caronno, Origgio, Uboldo, Gerenzano, Cislago: in 800 col reddito di cittadinanza ma senza...

Nella zona del Saronnese sono 798 i percettori del reddito di cittadinanza, dei quali lavora solo qualche decina. Tutta colpa di una legge troppo...
rovello porro

Quattro camion rubati a Seveso per bloccare le strade di Rovello e assaltare il...

Una banda di malviventi ha rubato quattro camion per la raccolta rifiuti di Gelsia Ambiente stanotte a Seveso per mettere a segno l’assalto al...
Solaro Monegato

Monegato, da Solaro, primo italiano a completare l’ultramaratona Sparta-Atene di 246 km

Piergiuseppe Monegato, di Solaro, è uno dei finishers della più importante ultramaratona del mondo, la Sparta-Atene, sulla distanza di 246 km. Precisamente, Monegato, è...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !