Home NORD MILANO Salvini a Saronno difende Fontana: "Gestione Covid in Lombardia? La storia dirà...

Salvini a Saronno difende Fontana: “Gestione Covid in Lombardia? La storia dirà la verità”

Con  30 minuti di ritardo sull’orario fissato, Salvini è arrivato a Saronno, nel cortile di Villa Gianetti, alle 19, proveniente da Vigevano e Voghera, dove era già stato nel pomeriggio e  prima di concludere stasera a Lecco. 

“Sono orgoglioso di essere qui a Saronno oggi, una città che si è sempre impegnata per mantenere decoro, ordine e pulizia, una città in prima linea contro gli stupratori e gli immigrati irregolari“- scalda così la platea Matteo Salvini, scatenando applausi e cori di incitamento da parte delle circa 350 persone accorse  a Villa Gianetti a Saronno in occasione dell’apertura della campagna elettorale di Alessandro Fagioli sindaco uscente e ricandidato per le elezioni 2020.

Salvini Saronno
il segretario della Lega, sul palco  insieme con il governatore della Lombardia Attilio Fontana, ricorda ai saronnesi che tanto in questi anni è stato fatto per la città e tanto ancora potrà fare il candidato sindaco leghista Alessandro Fagioli – vinciamo qui e prendiamoci Varese- urla alla folla Salvini.

Il suo elogio al candidato Sindaco Fagioli prosegue – solo chi ha gli attributi può lavorare bene e lui ce li ha, ha ripulito la città, abbiamo le palle piene di delinquenti e spacciatori. Torneremo al Governo-

Prima anche un passaggio dedicato ad Attilio Fontana e alla Lombardia, sotto attacco per la gestione dell’emergenza Covid.

“La storia dirà la verità è dovranno chiudere scusa” -dice Salvini prima di attaccare il governatore della Campani De Luca: “Ospedali fantasma a Salerno e Caserta. Solo dalla Campania 50mila   uomini e donne sono venuto a farsi curare negli ospedali della
Lombardia”.

 

L’ex ministro degli Interni non perde l’occasione per citare i migranti – dopo il 20 settembre il Governo chiederà a tutti i comuni di prendersi in carico decine di migranti, se voterete il sindaco giusto potrete fare la differenza e dire NO ai clandestini, per loro a Saronno non c’è posto-
Al termine del comizio Salvini ha invitato sul palco i sostenitori per il selfie di rito.

Nel frattempo, davanti alla stazione ferroviaria, i manifestanti chiamati a raccolta dai gruppi anarchici e tenuti a distanza dal cordone delle forze dell’ordine, scioglievano il raduno per rientrare. 

Manuela Miceli 


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

incendio

Incendio in azienda di lavorazione metalli, maxi intervento dei Vigili del fuoco | VIDEO

Sono proseguite per tutta la notte le operazioni di spegnimento dell'incendio che si è sviluppato ieri sera alle  21  in  una fabbrica per la...
Covid Lombardia Milano

Covid, Lombardia a rischio zona arancione, tutti gli indicatori sono in aumento

La Lombardia rischia seriamente di tornare in zona arancione. La decisione verrà presa solo nel pomeriggio, ma gli indicatori che sono al vaglio della...
prima pagina notiziario

Limbiate, addio al nostro ambasciatore; Bollate resta rossa, contagi in aumento | ANTEPRIMA

La notizia di apertura di questo numero de Il Notiziario è  dedicata alla tragica morte in un agguato dell’ambasciatore italiano in Congo, Luca Attanasio,...

Cislago: aveva occupato da mesi una casa comunale, denunciato un 45enne

Un 45enne marocchino viveva da mesi, in condizioni igienico-sanitarie precarie, in una casa di proprietà del Comune: scoperto, è stato denunciato e allontanato. E' successo...
Limbiate funerali Attanasio

Limbiate, arriva la salma dell’ambasciatore Attanasio, sabato cerimonia con Delpini e Fontana

Questa mattina a Roma si sono svolti i funerali di Stato per l’ambasciatore Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci, morti nell’agguato di lunedì...

Covid, “I ragazzi non si contagiano”: a Caronno un corso contro le fake news

L’Istituto comprensivo De Gasperi di Caronno Pertusella, col patrocinio del Comune, ha organizzato per gli alunni delle medie un mini-corso su come prevenire il...

Pizzeria Donn’ Angelin, arrestati i titolari per bancarotta fraudolenta e autoriciclaggio

Sono finiti entrambi in carcere i coniugi della catena di pizzerie Donn' Angelin. Tra i reati contestati al titolare, uomo 40enne di Lissone e...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !