Home SERIE TV "Dirty John", recensione della seconda stagione - Il divorzio più violento d'America

“Dirty John”, recensione della seconda stagione – Il divorzio più violento d’America

di Stefano Di Maria
A quali estreme conseguenze può condurre un divorzio? Lo racconta la seconda stagione di DIRTY JOHN, serie antologica targata Netflix, che stavolta ricostruisce – seppure in modo romanzato – una tragica separazione coniugale il cui epilogo, negli anni Ottanta, suscitò grande scalpore in America: Betty Broderick uccise il marito e la sua nuova moglie a colpi di pistola.
La serie, in otto episodi di 45 minuti circa, narra in modo coinvolgente il matrimonio di Betty con Dan: da quando la loro relazione comincia come la più classica delle storie d’amore, a quando lui la tradisce, per poi privarla della casa, dei figli, dei soldi, riducendola uno straccio e minando per sempre la sua psiche. Senza poter immaginare la fine che avrebbe fatto dopo avere cacciato dalla sua vita, senza alcun rispetto, la donna che aveva cresciuto i suoi figli e alla quale doveva il suo successo.
Impareggiabile l’attrice Amanda Peet, che riesce a immedesimarsi perfettamente in una donna distrutta dal tradimento, così sconvolta da divenire la stalker del marito, finendo così dalla parte del torto: va a cercarlo a casa, lascia decine di messaggi al giorno sulla sua segreteria, non gli dà pace anche a costo di finire in galera. Fino all’imprevedibile tragedia, culmine del crescendo della pressione psicologica cui la sottopone Dan per distruggerla emotivamente. Magnifico anche Cristian Slater, noto per la serie MR ROBOT con Rami Malek, bravo quanto la Peen nel ruolo di un avvocato di sucesso, privo di scrupoli e freddo, che pensa solo ai suoi interessi personali.
In Betty si sono riconosciute tante donne americane: la sua storia è divenuta l’emblema della disparità di trattamento che all’epoca il cosiddetto “divorzio senza colpe” riservava alle mogli di uomini facoltosi, che avevano conoscenze e denaro.
Christopher Goffard, autore del postcad da cui è tratta la serie, lascia il segno alla fine del processo: le ultime scene ci mostrano una versione dei fatti alternativa, facendoci svestire da ogni pregiudizio per renderci consapevoli che, spesso, è la percezione a stabilire la realtà.

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

croce rossa vaccino misinto

Nella sede Cri Alte Groane il punto vaccino per Lazzate, Misinto, Cogliate e Ceriano...

Sarà la sede della Croce Rossa Alte Groane di via Guglielmo Marconi 15 a Misinto, l’hub nel quale i cittadini di Lazzate, Misinto, Ceriano...

Rho, operaio 49enne muore travolto da un camion in retromarcia

Un terribile incidente sul lavoro è avvenuto questa mattina, 1 marzo, a Rho: un operaio di 49 anni è morto investito da un camion...
Bollate hinterland

Poveri bollatesi, tra carcere, bulla, striscia e zona rossa… in ritardo

Bollate non è una città particolarmente fortunata. Oltre a essere un comune del problematico hinterland, in Italia il suo nome è associato a un...
Cestello lavoro

Giardinieri sul cestello toccano cavi dell’alta tensione, uno grave in ospedale

Un brutto incidente sul lavoro si è verificato questa mattina a Lesmo, in provincia di Monza e Brianza, dove due giardinieri impegnati in operazioni...

Cani buttati in un cassonetto, li adotta una famiglia di Caronno

Il futuro di due splendide cucciole nate a Latina e subito gettate in un cassonetto dell’immondizia sembrava segnato. E invece no, quello che ancora...

Bollate, raccolta firme per chiedere precedenza per il vaccino a chi risiede in zona...

E’ stata lanciata questa domenica 28 febbraio ed ha già raggiunto 250 firme la petizione per chiedere la vaccinazione prioritaria per tutti i cittadini...
covid grafico

Peggiorano i contagi nella zona: a Limbiate e Senago più nuovi casi che a...

La situazione dell’epidemia da Sars-Cov2 nella nostra zona sta peggiorando e in questo preciso momento il comune con il maggior numero di casi non...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !