HomeSERIE TV"Ratched", la recensione - Un viaggio nei disturbi della mente

“Ratched”, la recensione – Un viaggio nei disturbi della mente

 
 
di Stefano di Maria
 
Ryan Murphy, che da poco ha firmato un contratto con Netfix, ha prodotto e girato un’altra serie che resterà a lungo nella memoria dei divoratori seriali. E’ RATCHED, che racconta l’antefatto del personaggio di Mildred Ratched, l’infermiera omicida del celebre film “Qualcuno volò sul nido del cuculo“. A interpretarla è Sarah Paulson, probabilmente l’attrice preferita da Murphy visto che continua a scritturarla per le sue opere. Stavolta in veste di protagonista: un’occasione d’oro per la Paulson, la quale mostra qui ancora meglio tutte le sue doti attoriali, che spiccano particolarmente nei ruoli di donne disturbate e vittime di eventi tragici.
 
La storia è ambientata nel 1947, quando l’infermiera Mildred Ratched riesce a farsi assumere nel centro psichiatrico del dottor Richard Hanover, che sperimenta pratiche a dir poco crudeli per curare la mente umana.
 
Che cosa si nasconde dietro l’aspetto professionale di Mildred? Qual è il suo secondo fine? Lo scopriamo entrando in una clinica degli orrori le cui vicende sono degne di una stagione di AMERICAN HORROR STORY (in particolare “Asylum”), serie antologica che RATCHED ricorda per molti versi. In otto episodi di circa un’ora, accadrà di tutto: certo al limite del surreale, ma rappresentato da Ryan Murphy con quel suo stile unico, che può rendere credibile qualunque cosa.
 
Uno stile che riconosciamo dalla fotografia dai colori accesi e luminosi, che cattura gli interni di case meravigliose e i paesaggi mozzafiato delle coste californiane; ma anche dal ritmo della storia, sempre serrato e ricco di colpi di scena, che non annoia mai (pure grazie all’introduzione di sempre nuovi personaggi), in un crescendo di tensione che non si smorza nemmeno nel finale, aperto a una seconda stagione.
 
Spiccano nel cast Sharon Stone, nei panni di una madre straricca con un figlio che definire disturbato è poco, e Cynthia Nixon, la Miranda di SEX IN THE CITY, irriconoscibile nel ruolo della segretaria lesbica di un governatore. Eccezionale Sophie Okonedo, che interpreta una psicotica con personalità multiple, le cui gesta saranno determinanti ai fini della storia.
RATCHED è una di quelle serie che non sono solo horror ma anche drammatiche, sentimentali e thriller. E’ come se Murphy avesse preso tutti questi ingredienti e li avesse messi in un frullatore per creare un mix che accontenta tutti i gusti. Senza però rinunciare alla sua impronta. Per la gioia di noi spettatori.

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Anche Gerenzano ha il suo Valentino: campione di minimoto premiato dal sindaco

Anche Gerenzano ha il suo Valentino Rossi: è la giovane promessa Valentino Sponga, 13 anni, pilota di moto che con passione e determinazione sta...
Garbagnate PD Macrì

Garbagnate, il Pd si porta avanti, presentato il candidato sindaco per il 2022

Il Partito democratico di Garbagnate ha presentato oggi il candidato sindaco per le elezioni comunali che si svolgeranno nella primavera del 2022. L’assemblea degli iscritti...

Petizione popolare a Caronno: “Vogliamo un parco e un’area cani”

Al via la raccolta firme per trasformare in parco giochi e area cani il boschetto tra via Nino Bixio e via Bainsizza a Caronno...

Bollate, volontari al lavoro nel weekend per togliere le scritte dai muri

Un fine settimana impegnativo quello dei volontari guidati da Alessandro Parisi, coordinatore della Velostazione di Bollate, che si sono dedicati alla pulizia dei muri...

Saronno, Caronno, Origgio, Uboldo, Gerenzano, Cislago: in 800 col reddito di cittadinanza ma senza...

Nella zona del Saronnese sono 798 i percettori del reddito di cittadinanza, dei quali lavora solo qualche decina. Tutta colpa di una legge troppo...
rovello porro

Quattro camion rubati a Seveso per bloccare le strade di Rovello e assaltare il...

Una banda di malviventi ha rubato quattro camion per la raccolta rifiuti di Gelsia Ambiente stanotte a Seveso per mettere a segno l’assalto al...
Solaro Monegato

Monegato, da Solaro, primo italiano a completare l’ultramaratona Sparta-Atene di 246 km

Piergiuseppe Monegato, di Solaro, è uno dei finishers della più importante ultramaratona del mondo, la Sparta-Atene, sulla distanza di 246 km. Precisamente, Monegato, è...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !