HomeBOLLATESEUcciso a Muggiò, murato a Senago: svolta nelle indagini, arrestato il responsabile...

Ucciso a Muggiò, murato a Senago: svolta nelle indagini, arrestato il responsabile | VIDEO

carabinieri cantiere cadavere
Il corpo fu ritrovato in un cantiere edile

All’alba di oggi i Carabinieri dei Nuclei Investigativi di Monza e Caltanissetta, hanno condotto in carcere un 45enne già agli arresti domiciliari, ritenuto responsabile dell’omicidio di Lamaj Astrit, il cui corpo fu ritrovato a Senago nel gennaio 2019, durante i lavori di ristrutturazione di un immobile. 

I carabinieri, al termine di una complessa attività investigativa, hanno notificato in Riesi (CL) un’ordinanza di custodia cautelare in carcere – emessa dal GIP del Tribunale di Monza – a carico del 45enne di Riesi, Salvatore Tambè. L’uomo si trovava  già agli arresti domiciliari con la specifica imputazione contestata di aver fatto parte dell’associazione mafiosa “Cosa Nostra” della “famiglia di Riesi”. 

Il soggetto è ritenuto responsabile di omicidio volontario commesso in Muggiò (MB) nel 2013 del cittadino albanese Lamaj Astrit,   gettato in un pozzo adiacente un appartamento in ristrutturazione a Senago,

 

L’indagine ha consentito di accertare il coinvolgimento del  45enne, in qualità di esecutore materiale, nell’omicidio e nel successivo occultamento del cadavere di Lamaj Astrit, cittadino albanese 41enne, scomparso nel gennaio 2013 da Genova e rinvenuto privo di vita, murato in una villa privata di Senago (MI).

Sembrerebbe che a commissionare l’omicidio era stata una donna di 64 anni, commerciante di gioielli che, all’epoca dei fatti, secondo la ricostruzione degli inquirenti, era stata derubata e lasciata dalla vittima, con cui aveva intrattenuto una relazione sentimentale. Oltre alla donna, all’epoca erano stati fermati altri tre uomini, tutti italiani, con l’accusa di aver ucciso la vittima, murandola in un pozzo artesiano. Gli arrestati erano tutti risultati legati alla criminalità organizzata: la donna era stata fermata vicino all’aeroporto di Genova.

La svolta nelle indagini era stata possibile solo grazie alle dichiarazioni di un pentito nell’ambito di un’indagine della Direzione Distrettuale Antimafia di Caltanissetta: senza il suo contributo probabilmente non sarebbe mai stato individuato il pozzo artesiano né trovati i resti della vittima.

La partecipazione dell’odierno indagato, Salvatore Tambè, si spiegherebbe con il suo legame con la cosca mafiosa dei Cammarata ed è stato indicato come affiliato dallo stesso collaboratore di giustizia.
L’arrestato,  era riuscito a crearsi un alibi già il giorno dell’assassinio del Lamaj, fornendo all’ignaro socio in affari una motivazione – poi risultata falsa – per essersi allontanato da una rivendita di ricambi per autovetture dove lavorava. 
Aveva infatti falsamente rappresentato di doversi recare con urgenza presso un Ufficio Postale in orario compatibile con la commissione dell’omicidio.

ECCO IL VIDEO DELL’OPERAZIONE 


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Anche Gerenzano ha il suo Valentino: campione di minimoto premiato dal sindaco

Anche Gerenzano ha il suo Valentino Rossi: è la giovane promessa Valentino Sponga, 13 anni, pilota di moto che con passione e determinazione sta...
Garbagnate PD Macrì

Garbagnate, il Pd si porta avanti, presentato il candidato sindaco per il 2022

Il Partito democratico di Garbagnate ha presentato oggi il candidato sindaco per le elezioni comunali che si svolgeranno nella primavera del 2022. L’assemblea degli iscritti...

Petizione popolare a Caronno: “Vogliamo un parco e un’area cani”

Al via la raccolta firme per trasformare in parco giochi e area cani il boschetto tra via Nino Bixio e via Bainsizza a Caronno...

Bollate, volontari al lavoro nel weekend per togliere le scritte dai muri

Un fine settimana impegnativo quello dei volontari guidati da Alessandro Parisi, coordinatore della Velostazione di Bollate, che si sono dedicati alla pulizia dei muri...

Saronno, Caronno, Origgio, Uboldo, Gerenzano, Cislago: in 800 col reddito di cittadinanza ma senza...

Nella zona del Saronnese sono 798 i percettori del reddito di cittadinanza, dei quali lavora solo qualche decina. Tutta colpa di una legge troppo...
rovello porro

Quattro camion rubati a Seveso per bloccare le strade di Rovello e assaltare il...

Una banda di malviventi ha rubato quattro camion per la raccolta rifiuti di Gelsia Ambiente stanotte a Seveso per mettere a segno l’assalto al...
Solaro Monegato

Monegato, da Solaro, primo italiano a completare l’ultramaratona Sparta-Atene di 246 km

Piergiuseppe Monegato, di Solaro, è uno dei finishers della più importante ultramaratona del mondo, la Sparta-Atene, sulla distanza di 246 km. Precisamente, Monegato, è...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !