HomeSERIE TV"Qualcuno deve morire", la recensione - Il regime franchista in salsa soap

“Qualcuno deve morire”, la recensione – Il regime franchista in salsa soap

di Stefano Di Maria

QUALCUNO DEVE MORIRE (in originale ALGUIEN TIENE QUE MORIR), miniserie pubblicata di recente da Netflix, è un titolo inadatto a questa produzione: forse scelto per strategie pubblicitarie, c’entra poco o nulla con una storia che ha i suoi morti ma vuol raccontare ben altro.
 
I tre episodi, diretti da Manolo Caro per il colosso dello streaming, fotografano la Spagna degli anni Cinquanta: quella della dittatura di Franco, dove il conformismo era tutto in una società conservatrice e fortemente tradizionalista. In questo contesto gli omosessuali dovevano nascondersi, rinnegare se stessi, adeguarsi al matrimonio come tutti. E quando qualcuno usciva fuori da questi schemi, per delazione o per sua volontà, era la fine: a parte l’onta per la famiglia, si veniva arrestati e rinchiusi in squallide celle, addirittura torturati per fare i nomi di altri omosessuali.
 
Capita anche questo ad alcuni dei protagonisti della storia, combattuti fra il voler essere se stessi e l’adeguarsi alle regole. Protagonisti Gabino (nei suoi panni Alejandro Speitzer), tornato dal Messico, che il padre vuole far sposare e lavorare nella sua azienda, e l’amico Lazaro (interpretato dal ballerino messicano Isaac Hernández, che fa parte dell’English National Ballet). Nel cast troviamo anche Carmen Maura, la musa di Pedro Almodovar, ed Ester Exposito, che ricodiamo per la fortunata serie spagnola ELITE.
 
A dispetto del tema trattato e dell’ottima ricostruzione dell’epoca franchista, QUALCUNO DEVE MORIRE non convince. C’è una teatralità di fondo che si percepisce in ogni scena, come se la buona recitazione lasciasse comunque una disturbante patina da soap opera o teleromanzo. Un limite che si fa più forte nel finale, dominato da un non senso, da scarso realismo, un epilogo a dir poco improbabile ma certo molto, molto teatrale.
Nel complesso una miniserie godibile, ma niente di che, non un capolavoro o un prodotto da annoverare fra le perle del mondo seriale.

 


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

prima pagina notiziario

Saronno-Milano, il binario c’è, mancano i treni; anziani nel mirino a Saronno, Bollate, Arese,...

Questa settimana abbiamo scelto di aprire il nuovo numero del notiziario con la storia del nuovo binario realizzato sulla tratta Garbagnate-Milano, allo scopo di...

Incipit Offresi a Bollate, in gara Sara Calzavacca: “Scrivere un aiuto contro la malattia”...

Oggi, giovedì 22 aprile,  alla biblioteca civica di Bollate fa tappa "Incipit Offresi", concorso itinerante per aspiranti scrittori ideato da Regione Piemonte e Fondazione...

Caronno, allarme crocchette per cani nel parco: “Qualcuno vuole spaventarci?”

Al parchetto di via Oberdan, molto frequentato dai cani, sono tutti davvero preoccupati. Sono ancora state rinvenute crocchette che hanno destato sospetti e, subito,...

Baranzate, donna 88enne investita da un’auto in pieno centro

Un pauroso incidente, che all’inizio ha fatto temere gravi conseguenze, è avvenuto attorno alle 15,30 di oggi all’incrocio tra via Sauro e via Trieste,...
Paderno droga condominio

Paderno, spaccio di droga in condominio, 4 arresti, sequestrate armi, soldi e cocaina

Ieri mercoledì 21 aprile, a Paderno Dugnano in viale Italia, la Polizia di Stato ha arrestato 4 cittadini albanesi di 21, 40 e 49...
scuola mascherina

Covid, ritorno a scuola senza sicurezza, a Bollate ma non solo

E’ lunedì sera, sto cenando con mia moglie e le racconto che di mattina a Bollate hanno compiuto un’operazione eccezionale: hanno fatto il test...

Saronno, affisso uno striscione sulla SP527 in favore degli orsi del Trentino

"Orsi liberi! 2 maggio corteo al Casteller di Trento" è quanto recitano le decine di striscioni affissi ieri, 21 aprile, in diverse città italiane....
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !