HomeSERIE TV"Qualcuno deve morire", la recensione - Il regime franchista in salsa soap

“Qualcuno deve morire”, la recensione – Il regime franchista in salsa soap

di Stefano Di Maria

QUALCUNO DEVE MORIRE (in originale ALGUIEN TIENE QUE MORIR), miniserie pubblicata di recente da Netflix, è un titolo inadatto a questa produzione: forse scelto per strategie pubblicitarie, c’entra poco o nulla con una storia che ha i suoi morti ma vuol raccontare ben altro.
 
I tre episodi, diretti da Manolo Caro per il colosso dello streaming, fotografano la Spagna degli anni Cinquanta: quella della dittatura di Franco, dove il conformismo era tutto in una società conservatrice e fortemente tradizionalista. In questo contesto gli omosessuali dovevano nascondersi, rinnegare se stessi, adeguarsi al matrimonio come tutti. E quando qualcuno usciva fuori da questi schemi, per delazione o per sua volontà, era la fine: a parte l’onta per la famiglia, si veniva arrestati e rinchiusi in squallide celle, addirittura torturati per fare i nomi di altri omosessuali.
 
Capita anche questo ad alcuni dei protagonisti della storia, combattuti fra il voler essere se stessi e l’adeguarsi alle regole. Protagonisti Gabino (nei suoi panni Alejandro Speitzer), tornato dal Messico, che il padre vuole far sposare e lavorare nella sua azienda, e l’amico Lazaro (interpretato dal ballerino messicano Isaac Hernández, che fa parte dell’English National Ballet). Nel cast troviamo anche Carmen Maura, la musa di Pedro Almodovar, ed Ester Exposito, che ricodiamo per la fortunata serie spagnola ELITE.
 
A dispetto del tema trattato e dell’ottima ricostruzione dell’epoca franchista, QUALCUNO DEVE MORIRE non convince. C’è una teatralità di fondo che si percepisce in ogni scena, come se la buona recitazione lasciasse comunque una disturbante patina da soap opera o teleromanzo. Un limite che si fa più forte nel finale, dominato da un non senso, da scarso realismo, un epilogo a dir poco improbabile ma certo molto, molto teatrale.
Nel complesso una miniserie godibile, ma niente di che, non un capolavoro o un prodotto da annoverare fra le perle del mondo seriale.

 


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Sacchi col microchip, a Caronno differenziata all’80%, ma aumentano i rifiuti abusivi

Il sacco col microchip, tanto contestato a Caronno Pertusella, ha migliorato il sistema di raccolta, precorrendo i tempi rispetto alle nuove direttive statali sullo...

Limbiate, bimbo precipita da un balcone: portato in ospedale

Momenti di apprensione questa mattina per le sorti di un bambino caduto dal balcone. È successo in pieno centro città. L'abitazione è infatti proprio di...

Lombardia zona bianca sabato 24 e domenica 25 luglio: ristoranti aperti al chiuso, niente...

Weekend di zona bianca per la Lombardia. Novità degli ultimi giorni è l’introduzione del Green Pass obbligatorio per una serie di attività dal prossimo...
Bollate comune anello brillante

Solaro, rubano al super e spintonano la responsabile: presi

Nella mattinata di oggi, venerdì 23 luglio, tre persone sono state bloccate dai carabinieri di Solaro nella zona del Parco delle Groane dopo che...

Addio furti e danni alle bici: a Caronno e Cislago arrivano le velostazioni

Diminuire il traffico del mattino e della sera sulle strade, abbassando così l’inquinamento acustico e atmosferico; liberare parcheggi e, soprattutto, stimolare uno stile di...

Luca Attanasio, a Reggio Calabria dedicato un ponte per l’ambasciatore limbiatese

Nella giornata di ieri, giovedì 22 luglio, è stato inaugurato a Reggio Calabria un ponte intitolato alla memoria di Luca Attanasio, l'ambasciatore originario di...
draghi green pass

Green Pass obbligatorio dal 6 agosto, ecco dove e come funziona

Varato il nuovo decreto legge con le “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e per l’esercizio in sicurezza di attività sociali ed...
prima pagina
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !