Home SERIE TV "Qualcuno deve morire", la recensione - Il regime franchista in salsa soap

“Qualcuno deve morire”, la recensione – Il regime franchista in salsa soap

di Stefano Di Maria

QUALCUNO DEVE MORIRE (in originale ALGUIEN TIENE QUE MORIR), miniserie pubblicata di recente da Netflix, è un titolo inadatto a questa produzione: forse scelto per strategie pubblicitarie, c’entra poco o nulla con una storia che ha i suoi morti ma vuol raccontare ben altro.
 
I tre episodi, diretti da Manolo Caro per il colosso dello streaming, fotografano la Spagna degli anni Cinquanta: quella della dittatura di Franco, dove il conformismo era tutto in una società conservatrice e fortemente tradizionalista. In questo contesto gli omosessuali dovevano nascondersi, rinnegare se stessi, adeguarsi al matrimonio come tutti. E quando qualcuno usciva fuori da questi schemi, per delazione o per sua volontà, era la fine: a parte l’onta per la famiglia, si veniva arrestati e rinchiusi in squallide celle, addirittura torturati per fare i nomi di altri omosessuali.
 
Capita anche questo ad alcuni dei protagonisti della storia, combattuti fra il voler essere se stessi e l’adeguarsi alle regole. Protagonisti Gabino (nei suoi panni Alejandro Speitzer), tornato dal Messico, che il padre vuole far sposare e lavorare nella sua azienda, e l’amico Lazaro (interpretato dal ballerino messicano Isaac Hernández, che fa parte dell’English National Ballet). Nel cast troviamo anche Carmen Maura, la musa di Pedro Almodovar, ed Ester Exposito, che ricodiamo per la fortunata serie spagnola ELITE.
 
A dispetto del tema trattato e dell’ottima ricostruzione dell’epoca franchista, QUALCUNO DEVE MORIRE non convince. C’è una teatralità di fondo che si percepisce in ogni scena, come se la buona recitazione lasciasse comunque una disturbante patina da soap opera o teleromanzo. Un limite che si fa più forte nel finale, dominato da un non senso, da scarso realismo, un epilogo a dir poco improbabile ma certo molto, molto teatrale.
Nel complesso una miniserie godibile, ma niente di che, non un capolavoro o un prodotto da annoverare fra le perle del mondo seriale.

 



EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

cesate sgombero ditta furto

Garbagnate, spaccio di droga nel parco, alla vista dei carabinieri ingoia la cocaina

I carabinieri di Garbagnate hanno arrestato ieri pomeriggio per spaccio due giovani sorpresi a raccogliere droga da un nascondiglio nel parco della Garbatella. Alle 16,30...
Bollate investito

Bollate, anziano in bicicletta investito da un’auto, è incosciente e senza documenti

Un uomo di circa 75 – 80 anni è stato investito questa mattina a Bollate mentre era in sella alla sua bicicletta, ma non...

Nuovo Dpcm: verso spostamenti vietati tra Comuni a Natale e Capodanno oltre al coprifuoco

Divieto di uscire dal proprio comune a Natale e Capodanno. E' questa una delle nuove ipotesi che emerge dalla bozza del nuovo Dpcm che...

Bollate, iniziano i lavori di riqualificazione di un’area confiscata alla criminalità organizzata

Nei giorni scorsi sono iniziati i lavori per la riqualificazione dell'area di via Verdi, davanti a via Caloggio, acquistata dal Comune di Bollate nell'ambito...

Garbagnate: in bici nel Parco, minacciato con la pistola e picchiato, l’aggressore preso e...

Un uomo di Garbagnate è stato minacciato con la pistola e picchiato mentre pedalava in bici nel Parco delle Groane. E' stato aggredito e brutalmente...
Bollate minacce morte box

Bollate, minacce di morte sulla porta del box di casa

Episodio sconcertante a Bollate, due settantenni hanno trovato minacce di morte sulla porta del box di casa. Una scritta dal significato inequivocabile (r.i.p., ossia “Riposa...
coronavirus Garbagnate ospedale

Coronavirus, Garbagnate: cala la pressione sull’ospedale

Coronavirus, a Garbagnate finalmente cala la pressione sull’ospedale. Se i numeri mostrano chiaramente che il virus ha cominciato ad allentare la presa (a Garbagnate, ma...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !