HomeNORD MILANOOmicidio in ospedale a Garbagnate, dose letale allo zio: arrestato infermiere di...

Omicidio in ospedale a Garbagnate, dose letale allo zio: arrestato infermiere di Paderno

Avrebbe aumentato la dose di sedativi allo zio malato terminale presso l’ospedale di Garbagnate Milanese. Con questa accusa un infermiere di Paderno Dugnano è stato arrestato poco dopo che avrebbe acquistato un biglietto di sola andata per Parigi. Un viaggio che però avrebbe tutti i contorni di un depistaggio: il 49enne non è mai salito su quell’aereo dopo aver fatto accesso all’aeroporto di Milano Linate.

Secondo quanto ricostruito carabinieri di Garbagnate, il 10 ottobre F.P. è morto nel suo letto di ospedale del Salvini. L’anziano era malato terminale sottoposto a ventilazione polmonare meccanica e in trattamento con terapia sedativa mediante l’utilizzo di un macchinario elettromedicale a pompa a infusione volumetrica. Secondo le indagini dei militari, l’uomo avrebbe ricevuto una dose particolarmente elevata di farmaci sedativi nelle 48 ore precedenti alla morte. Tutto questo sarebbe avvenuto per la manomissione della programmazione del citato macchinario, alterazione ritenuta strettamente connessa con il decesso.

Immediatamente sono state avviati approfonditi accertamenti che hanno consentito di acclarare come il personale medico avesse notato la presenza di un soggetto intento ad accudire la vittima, ritenuto dagli infermieri il nipote, ma in quel frangente rimasto non identificato. A quel punto, sono partite le indagini che avrebbero accertati come il macchinario di infusione dei medicinali esattamente nelle serate e del 9 e 10 ottobre aveva registrato rispettivamente 3 e 2 infusioni di medicinali a velocità notevolmente superiore a quella prevista dalla terapia prescritta al paziente.

Le successive estrapolazioni e analisi dei filmati di videosorveglianza dell’ospedale, a seguito anche di controllo incrociato con i dati ricavati dall’analisi dei tabulati telefonici dell’utenza mobile in uso all’indagato, risultato per di più essere un infermiere professionale e già operatore di rianimazione, nonché conoscitore del funzionamento della pompa di infusione. Nonostante il periodo con accessi vietati il Covid, il 49enne ha avuto accesso all’ospedale perché munito di speciale tesserino rilasciato dall’Ospedale per le visite al parente.

Per risalire a lui i carabinieri hanno anche incrociato i dati del suo gps installato sull’autovettura. In queste ore è stato convalidato il provvedimento di fermo, disponendo la permanenza dell’indagato agli arresti domiciliari presso la propria abitazione.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

pompieri anello

Pompieri al Pronto soccorso per rimuovere un anello dal dito

I Vigili del fuoco sono intervenuti questa mattina al Pronto Soccorso dell'Ospedale di Cittiglio (Va) per affiancare il personale sanitario nella rimozione di un...

Caronno, ecco la nuova squadra del sindaco Marco Giudici

E’ pronta la giunta di Caronno Pertusella: il sindaco Marco Giudici, riconfermato alle ultime elezioni, ha concluso e comunicato la composizione questa mattina. Vice sindaco...

Scomparso da Cesano Maderno: Chi l’ha visto? sulle tracce di Angelo

Anche Chi l’ha visto? si mobilita per trovare Angelo. Un 56enne di Cesano Maderno (Monza e Brianza) scomparso da domenica 17 ottobre. “Dopo il...

A Uboldo uno dei panettoni più buoni al mondo: medaglia di bronzo al pasticciere...

“Bisogna sapere innovarsi, migliorarsi, restare al passo coi tempi, reinventarsi per proporre novità: altrimenti non vai avanti”. E’ lo stile di vita e lavorativo...
marco penza costa rica

Limbiate, trovato in Costa Rica il corpo di Marco Penza

Il mare del Costa Rica ha restituito il corpo di Marco Penza, il giovane di Limbiate disperso da qualche giorno nel Paese del Centramerica....

Limbiate, ritrovato il corpo di Marco Penza, il volontario morto travolto da un’onda in...

Dopo quattro giorni di ricerche, nella serata di ieri, domenica 24 ottobre, la Guardia Costiera del Costarica ha ritrovato il corpo di Marco Penza,...
Paolo Patrizi Cogliate

Cogliate, Paolo Patrizi, 6 anni dopo l’addio alle gare, ri-vince il campionato italiano bike...

Tornato alle gare dopo 6 anni, si è tolto lo sfizio di vincere di nuovo un titolo tricolore. Paolo “Pool” Patrizi ha compiuto l’impresa...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !