Home NORD MILANO Omicidio in ospedale a Garbagnate, l'infermiere killer lavora al Sacco. La Vita...

Omicidio in ospedale a Garbagnate, l’infermiere killer lavora al Sacco. La Vita in diretta a Paderno

Lavora al Sacco di Milano, quello che è già stato ribattezzato come infermiere killer. Una storia choc i cui contorni non sono ancora pienamente a fuoco e che coinvolge tre Comuni: Garbagnate, Limbiate e Paderno Dugnano. In quest’ultima città era presente La vita in diretta in collegamento per ricostruire che cosa sia successo nell’ospedale Salvini di Garbagnate. 

E’ qui che l’infermiere avrebbe ucciso lo zio della fidanzata. Non come professionista, ma come parente dell’87enne in fin di vita nel reparto di terapia intensiva. Il pensionato di Paderno Dugnano è morto lo scorso 10 ottobre, ma solo da poche ore è scattato l’arresto per il 49enne. La svolta è arrivata il 22 del mese, quando lui è stato fermato in aeroporto a Linate. Per gli inquirenti si tratterebbe di un tentativo di fuga. “Si sa pochissimo di questo infermiere, dicono sia bravo e in grado di maneggiare il macchinario a cui era attaccato lo zio acquisito. Lui era andato lì con la volontà di ucciderlo”, ha detto Lucilla Masucci a La Vita in diretta in collegamento dalla piazza del Comune di Paderno. Il programma di Rai Uno ha incontrato il medico a cui sono venuti i sospetti su quella morte e ha fatto partire l’indagine: “Era un malato terminale e verosimilmente sarebbe morto”, sostiene il medico. “Aveva una polmonite a focolai multipli che creava difficoltà respiratorie. L’eccessiva sedazione nelle giornate del 9 e 10 ci ha allarmato e abbiamo voluto verificare”.

In quei giorni l’anziano ha ricevuto la visita del fidanzato della nipote, quello che ora per tutti è l’infermiere killer. “E’ difficile pensare a un errore umano”, dice il medico riferendosi a quell’eccesso di sedazione. Ancora c’è una risposta in sospeso: perché sarebbe stato messo in atto questo piano diabolico? I possibili moventi per la procura sono due: l’eredità che sarebbe andata anche alla fidanzata dell’infermiere e l’altro un gesto caritatevole. Ma è vicina la svolta che dovrà chiarire l’entità dell’eredità patrimoniale. E ancora c’è da chiarire la posizione della nipote intanto l’infermiere di Limbiate rimane ai domiciliari. 

CLICCA QUI PER IL SERVIZIO DE LA VITA IN DIRETTA SU RAI UNO.


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Fermi a comprare droga in macchina, rischio incidenti a Origgio e Uboldo

“Continuiamo a rischiare incidenti per colpa di chi si ferma a comprare droga”. Si moltiplicano le segnalazioni di automobilisti esasperati da quanto sia divenuta...
lavori strada

Milano-Meda: cantieri mobili di giorno e chiusure di notte per manutenzione

Riprendono da stanotte i cantieri sulla Milano – Meda per attività di manutenzione straordinaria e per le indagini previste nell’operazione ponti sicuri. I controlli sotto...
vaccino sindaci

Vaccino: Lazzate, Misinto, Cogliate e Ceriano lo fanno in proprio, nella sede della Croce...

Da questo pomeriggio gli anziani over 80 di Lazzate, Misinto, Cogliate e Ceriano Laghetto, stanno ricevendo la vaccinazione anti-Covid dal loro medico di base,...
carabinieri controllo Groane

Carabinieri travestiti da runners prendono pusher 22enne tra Solaro e Limbiate

Nella giornata di sabato 6 marzo i Carabinieri del Nucleo operativo di Saronno hanno arrestato un 22enne di origine marocchina per spaccio di sostanze...

8 marzo, “Just Like a woman” uno spettacolo sull’universo femminile col patrocinio di Saronno

«Femminicidio fenomeno impressionante, scuote la coscienza del paese». Lo ha detto questa mattina il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in occasione della celebrazione al...

Covid, Draghi valuta l’idea di una super zona rossa per tutta Italia da settimana...

La situazione covid in Italia è tornata a complicarsi ulteriormente nelle ultime settimane e, nonostante le misure restrittive prese negli ultimi giorni (tra cui...

Troppo difficile lavorare a casa? A Origgio si può fare smart-working a Villa Borletti

Possono essere tanti gli ostacoli allo smart-working: figli a casa da scuola che hanno bisogno di attenzioni, rumori e vociare continui, incombenze domestiche varie....
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !
"