HomeSERIE TV"Suburra", la recensione - I tentacoli della malavita su politica e Chiesa

“Suburra”, la recensione – I tentacoli della malavita su politica e Chiesa

 
 
di Stefano Di Maria
 
SUBURRA è stata, tre anni fa, la prima produzione seriale italiana di Netflix, che investendo in questo progetto ha dimostrato di averci visto giusto: è stato subito un clamoroso successo, ottenendo vasti consensi fin da quando i primi due episodi della prima stagione erano stati presentati in anteprima nel corso della 74ª Mostra internazionale d’arte cinematografica di Venezia.
 
SUBURRA – La serie è il prequel dell’omonimo film del 2015, ispirato dal romanzo di Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini. Per quanto spettacolarizzata, è una storia di estrema attualità, che narra intrighi e vicende vicini allo scandalo di Roma Capitale: un comitato d’affari che detta legge arrivando ad abbracciare coi suoi tentacoli politica e Chiesa. I temi delle cronache dei giorni nostri ci sono tutti: fra prima e seconda stagione, assistiamo alla compravendita di voti grazie agli accordi dei politici con le famiglie malavitose e alle guerre del potere fra i clan di Ostia; non mancano le famiglie sinti, che vivono in ville sfarzose in rioni popolari, come le avevamo viste solo in GOMORRA. C’è chi è interessato allo spaccio di droga nelle piazze di Ostia e chi agli appalti del porto turistico, dove si scatenerà l’inferno quando verranno accolti 500 migranti anziché le colate di cemento nei programmi dei clan. Nella terza e ultima stagione, pubblicata ieri dal colosso dello streaming, si affronta invece il tema del Giubileo e dei miliardi che girano attorno a questo evento religioso che rappresenta un grosso business per gli imprenditori.
 
Protagonisti indiscussi: Alessandro Borghi, perfetto nel ruolo di Aureliano, costantemente alla ricerca del potere e di se stesso; Giacomo Ferrara è Alberto Anacleti (detto Spadino), una zingaro costretto a nascondere la sua omosessualità alla famiglia che lo costringe a sposare una donna; Eduardo Valdarnini, nei panni di Lele Marchilli, criminale nel sangue anche se con un padre poliziotto. La loro sarà un’alleanza sanguinosa, fatta di segreti e violenza, che più volte li porterà anche a scontrarsi.
 
Per Claudia Gerini è un ruolo davvero inedito quello di Sara Monaschi, che esce completamente dai personaggi interpretati finora: fredda e impassibile, è pronta a tutto pur di fare affari prima con la Chiesa e la politica. Nello specifico con Amedeo Cinaglia, determinante al ballottaggio per il sindaco di Roma: a interpretarlo è un Filippo Nigro ai suoi massimi livelli, convincente nei panni di un uomo che lascia la politica leale e trasparente per fare affari coi peggiori malavitosi, al punto da rischiare più volte la vita (come quando lo appendono a testa in giù minacciando di gettarlo dal tetto di un palazzo) e di arrivare a impugnare una pistola.
 
SUBURRA – La serie è uno di quei prodotti seriali avvincenti, che ti lasciano con l’amaro in bocca quando finiscono, in trepidante attesa della nuova stagione. Non sarà facile, quindi, congedarsi da Aureliano e Spadino vista l’ultima stagione. Non solo per la trama e i suoi colpi di scena – sostenuti da una scrittura notevole – ma anche per la scelta del cast, davvero azzeccata, e per la regia, capace di ottenere dagli attori grandi performance. Dulcis in fundo, la fotografia, che ci mostra in tutta la sua bellezza il centro di Roma e le periferie, rispolverando fabbriche dismesse e il fascino dell’architettura di costruzioni abbandonate, meta dei summit mafiosi.

EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Pedemontana al posto della Milano-Meda, cantieri entro 13 mesi

I lavori per la tratta B2 di Pedemontana, da Lentate sul Seveso a Cesano Maderno, potrebbero partire nel giro di un anno e andranno...

Italiani, brava gente… arrabbiata

Gli Italiani sono un popolo che nel mondo ha un’immagine di gente allegra e simpatica, ma questa immagine io faccio molta fatica a vederla,...

Saronno, la Polizia Locale rinnova il suo parco auto con mezzi non inquinanti

Ad inizio anno sono arrivati a Saronno tre nuovi mezzi che andranno a potenziare il parco auto a disposizione del comando di Polizia Locale...

Uboldo e Origgio: blitz e camminate frenano lo spaccio nei boschi

Buone notizie sul fronte dello spaccio di stupefacenti: sembra che il fenomeno, che attanaglia da sempre il territorio del Saronnese e in particolare il...
centro comitato maria letizia verga

Da “Il Centro” 15mila euro al Comitato Maria Letizia Verga per la cura...

L’iniziativa charity de “Il Centro” a favore del Comitato Maria Letizia Verga si è conclusa con la raccolta di una cifra importante: 15.000 euro...
Bollate auto sequestrata

Bollate, auto senza assicurazione e revisione e risulta anche sequestrata

  Venerdì in tarda mattinata la polizia locale di Bollate, durante l’espletamento di controlli con l’ausilio delle telecamere di videosorveglianza fortemente volute dall’assessore con delega...

Cusano, Carmine scomparso da un mese. Chi l’ha visto?: indagini per omicidio

“Come ha detto un carabiniere: io e mio padre eravamo come due sconosciuti sotto lo stesso tetto”.  A Chi l’ha visto? su Rai Tre,...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !