HomeSERIE TV"Paranormal", recensione - Il mistero mina la scienza e... la vita

“Paranormal”, recensione – Il mistero mina la scienza e… la vita

 

di Stefano Di Maria

Netflix è sbarcato in Egitto con la sua prima produzione originale made in Cairo: PARANORMAL. La serie, che si compone di sei episodi, è un tuffo nel paranormale ma in un mix di comicità, dramma e tradizione.

Si tratta della trasposizione seriale dei romanzi di Ahmed Khaled Tawfik, uno scrittore egiziano che si è fatto conoscere in tutto il mondo per le sue appassionanti storie a metà fra il giallo e il mistero. Protagonista è Ahmed Amin, attore di grande spessore, perfetto nel ruolo di Refaat Ismail, un ematologo che, per i casi fortuiti con cui si troverà a che fare, si vedrà costretto a riconsiderare le sue nozioni di scienziato: il lato paranormale del mondo, che inizialmente farà capolino nella sua vita con lampadari che cadono senza ragione e tazzine di caffè che si capovolgono senza averle toccate, diverrà sempre più pressante e presente nella sua vita. Al punto che, spinto dalla curiosità, comincerà a indagare su una serie di casi che lo porteranno anche nel deserto (dove si svolge il bellissimo episodio “La leggenda del guardiano della grotta”). Ad accompagnarlo sarà una sua vecchia fiamma, arrivata al Cairo da poco e coinvolta quanto lui nelle indagini su fatti inspiegabili.

La vicenda si svolge nel 1979, perfettamente ricostruito con un grande sforzo produttivo nelle ambientazioni e nei costumi. Notevole il lavoro di scrittura, che non dà molto spazio ai personaggi secondari (ci sarà il tempo di approfondirli in un’eventuale seconda stagione?), ma mette in risalto usanze e tradizioni di famiglia: come l’obbligo di sposare una donna scelta dal parentado ma anche dover rispondere a quei canoni e a quelle regole tipiche di una società conservatrice.

Convincente Ahmed Amin nel ruolo di un uomo colto, un po’ sfigato, goffo nei rapporti con l’altro sesso e succube delle aspettative familiari. Un professore che nasconde le sue debolezze emotive nelle certezze scientifiche, per il quale sarà una sorta di riscatto personale indagare sul paranormale: mettendo in discussione la scienza è un po’ come se mettesse in discussione se stesso, il suo senso d’inadeguatezza, le sue paure.

PARANORMAL sembra aver reso giustizia ai libri di Tawfik, anche se ci sono pecche produttive perdonabili, come effetti speciali poco convincenti: vengono però messe in secondo piano rispetto alla complessità di una storia che smentisce i pregiudizi di chi si approccia con più di un dubbio alla prima produzione egiziana di Netflix, oltre che per il tema trattato.

 


EDICOLA DIGITALE

Ultime notizie

Limbiate vaccino

Lombardia, da lunedì 10 maggio i cittadini tra i 50 e 59 anni possono...

Da lunedì 10 maggio in Lombardia apriranno le prenotazioni al vaccino anti-Covid per i cittadini di età compresa tra i 50 e i 59...
Bollate scritte shock

Bollate, “Forza Hitrer” e “Viva Covid”: scritte shock sotto indagine

“Forza Hitrer” e “Viva Covid”: sconcerto a Bollate per le scritte comparse in due zone della città. Nei giorni scorsi un anonimo bollatese (ma non...

Saronno, i lavoratori del wedding in crisi: “Stop a feste nuziali abusive, fateci ripartire”

"Sì lo voglio, o forse no". Maggio è da sempre un mese gettonato per chi decide di convolare a nozze, per migliaia di operatori...
bar aperto tavolini

Coffee & Covid

I contagi da Covid nella nostra zona sono tornati a crescere. Di poco, ma stanno crescendo. I telegiornali non ve lo dicono ancora, perché...

Grave incidente tra Ceriano e Rovello, tre feriti in un frontale | FOTO

È di pochi istanti fa l'incidente che si è verificato sulla Sp31, strada provinciale che da Ceriano Laghetto porta a Rovello Porro. Si...

Monza e Brianza, 380mila euro per migliorare sicurezza e impianti di videosorveglianza

"Migliorare la sicurezza sui territori, anche con con la realizzazione di nuovi impianti di videosorveglianza". È questo uno degli obiettivi fondamentali di Regione Lombardia...

Caronno: scoperta serra di marijuana in casa, 48enne ai domiciliari

Aveva allestito alcune stanze di casa come serre, con tanto di lampade solari, per la produzione di marijuana: è così finito in manette un...
prima pagina notiziario
il notiziario è in edicola!
provalo in digitale
SCEGLI L’ABBONAMENTO !